Storia della minigonna

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La nascita della minigonna non si sa con certezza se sia di origine francese o britannica, comunque è certo che la storia della minigonna inizia nel 1963 ed è diventata subito un simbolo della rivoluzione degli anni '60. La paternità è incerta tra Andrè Courreges e Mary Quant; il primo è un architetto e sarto francese, la seconda è una stilista inglese. Chiunque sia il vero ideatore fra i due, alla Quant va il merito di aver trasformato la mini in un fenomeno di massa.

27

Occorrente

  • Bel fisico
37

Mary Quant

Mary Quant nel 1955 è una giovane stilista che apre la sua boutique Bazaar a Londra nella Kings Road. Grazie alle sue creazioni, graziose ed economiche, in poco tempo diventa il punto di riferimento della moda giovane. Creando con pochi centimetri un di stoffa la minigonna, il suo nome prenderà posto tra gli indimenticabili della storia degli stilisti. Attua una rivoluzione attraverso il suo modo di fare moda, e le adolescenti trovano nei suoi capi la forza di ribellarsi alla società perbenista del periodo precedente, fatta di tabù e restrizioni.

47

I primi tabù

La minigonna da un lato, era considerata in maniera positiva, in quanto aveva generato un cambiamento innovativo nel mondo dell'abbigliamento femminile, ma dall'altro era molto criticata. La Quant ha sempre preso ispirazione dalla strada, adattando le tendenze fashion alla vita quotidiana. Il suo obiettivo era quello di realizzare uno stile, che non andasse bene solo per un certo tipo di donne, ma voleva che le sue creazioni venissero indossate da tutte anche se all'inizio la mini era un tabù.

Continua la lettura
57

Popolarità della minigonna

Dopo il lancio clamoroso degli anni '60, la minigonna è stata oggetto, nei '70, delle proteste del movimento femminista, il quale ne vedeva l'uso come un mezzo per rappresentare la donna quale oggetto sessuale. Quest'anno la mini ha compiuto 50 anni e durante questo cinquantennio è stata presentata sotto diverse forme, attualizzata e realizzata con vari tipi di tessuto, ma non è mai uscita di scena. Firme importanti della moda italiana come Versace cercarono di rilanciarla proponendo nelle passerelle ed infatti negli '80 torna di moda attraverso due modelli: il "rah-rah skirt" che consiste in un modello non aderente, quasi a ventaglio e che permette di sedersi senza scoprire troppo; e il " puffball skirt", un modello a palloncino che conferisce un effetto scultura. All'inizio la minigonna era utilizzata per lo più nel mondo dello spettacolo e da qualche personaggio femminile pubblico ma negli anni '90 torna alla ribalta e la si vede indossata non solo dalle celebrità, ma anche sulle strade. Tra i tessuti principali adoperati nei vari periodi vi sono la pelle, il pizzo ed il jeans.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se si ha un bel fisico indossarla con disinvoltura
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Moda

Come abbinare una gonna di pelle

La gonna di pelle è un capo d'abbigliamento davvero molto di moda ultimamente. Essa però è piuttosto difficile da abbinare in quanto potrebbe risultare eccessiva e troppo vistosa. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato, in pochi e semplici passaggi,...
Moda

Come abbinare una gonna di jeans scuro

Alcuni capi non possono proprio mancare nel guardaroba: T-shirt e camicette in cotone, pantaloni e gonna in jeans. La loro versatilità permette di creare accostamenti infiniti, adatti ad ogni occasione. Il jeans, in particolare, è un tessuto estremamente...
Moda

5 capi femminili che fanno impazzire gli uomini

Se vuoi sedurre il tuo uomo o qualcuno che vuoi che diventi il tuo uomo, non puoi certo presentarti agli appuntamenti senza un'accurata preparazione. Non solo dell'abbigliamento "visibile", ma anche di quello "invisibile", che lui e solo lui potrà scoprire...
Moda

Come abbinare la fantasia tartan

Soprattutto durante i mesi invernali assistiamo al costante ritorno della moda del tartan declinato in ogni modo. Per fantasia tartan alludiamo a quel caratteristico disegno tipico della Scozia. Il kilt, il classico gonnellino maschile scozzese, è un...
Moda

5 abbinamenti per il reggicalze

Il reggicalze è un accessorio che potrebbe essere considerato dell'epoca passata, ma che invece sta tornando prepotentemente di moda anche tra le giovanissime. Di certo non è un accessorio che si utilizza tutti i giorni, a meno che non si abbia per...
Moda

Calze a rete : 5 abbinamenti da evitare

Indossare le calze a rete non è sempre facile; infatti, per accentuare il proprio look personale si può correre il rischio di apparire piuttosto volgari, se non correttamente abbinate al colore degli abiti ed ai relativi accessori come ad esempio le...
Moda

Come abbinare le bretelle

Le bretelle si compongono in genere di due fasce di svariati materiali, come ad esempio stoffa o pelle che sostengono i pantaloni, agganciandosi davanti e dietro e passando poi sopra le spalle. Spesso le bretelle sono elasticizzate, per poterle allungare...
Moda

Come indossare le magliette con scollo a barca

Tra le varie icone lanciate dalla moda, esiste una delle t-shirt più classiche amata dalle donne di ogni età e di ogni stile: la maglietta con lo scollo a barca. Si tratta di una semplicissima t-shirt in maglia o in cotone, caratterizzata da uno scollo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.