Come utilizzare il gel ai semi di lino

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il gel ai semi di lino è un particolare composto dalla consistenza molle e gelatinosa ottenuto dall’estrazione, attraverso previa bollitura, delle sostanze nutritive di semi appartenenti ad una fibra, il lino, il cui nome scientifico è Linus Usitatissimum. È oltremodo semplice procurarsi i sopracitati sementi, facilmente reperibili in erboristeria, farmacia o in negozi ecosostenibili. In questa guida suggeriremo come utilizzare in modi diversi questo versatile gel.

26

Occorrente

  • Semi di lino, pentolino, colino
36

Come ottenere il gel ai semi di lino

Spesso, il gel ai semi di lino che troviamo in commercio non è puro, ovvero, la formula con la quale è stato sviluppato il prodotto contiene sostanze non naturali, quali siliconi, paraffina e parabeni. Queste sostanze annientano tutte le proprietà benefiche dei semi di lino, creando un film sulla cute che non permette l’assorbimento dei nutrienti. Per evitare questo spiacevole inconveniente è consigliabile ricavare il gel autonomamente, direttamente dai semi.
Il procedimento è estremamente semplice: acquistate 50 grammi di semi di lino, lasciateli riposare in 4/5 dita d’acqua per una notte, per poi bollirli per circa 10 minuti il giorno dopo. Aiutandovi con un colino, scolate il composto e lasciate raffreddare. Otterrete una sostanza vischiosa, il vostro gel naturale. Potete conservarlo congelandolo in semplici bicchieri di plastica per poi scongelarlo all’occorrenza.

46

Come utilizzare il gel

Una volta ottenuto il vostro gel, al quale potrete aggiungere olii essenziali per migliorarne l’odore, è arrivato il momento di applicarlo. Ottimo per la cute e per i vostri capelli, questo gel può essere utilizzato in infiniti modi. Principalmente, potrete usarlo per una maschera purificante e rinfrescante, applicando il gel sulla vostra pelle precedentemente lavata con sapone neutro ed acqua calda per consentire ai pori di aprirsi. Lasciatelo in posa per 15 minuti, risciacquate con acqua fredda e applicate un tonico per richiudere i pori. Un altro uso fantastico per impiegare il gel ai semi di lino è utilizzarlo per fare impacchi pre-shampoo alla vostra chioma per renderla più forte e lucente. Lasciate agire l’impacco (potete avvolgere i capelli in della pellicola da cucina per aiutarvi) per 4/5 ore e poi lavate normalmente. I risultati sono assicurati.

Continua la lettura
56

Consigli utili

Se decidete di acquistare il gel ai semi di lino reperibili in commercio, assicuratevi che sia del tutto puro, e che quindi non contenga tracce di petrolati o parabeni. Se, invece, decidete di ottenere il gel a casa vostra, sinceratevi di acquistare semi di qualità.

66

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Capelli

Come preparare l'impacco per capelli ai semi di lino

Sapete quali sono gli interessi maggiori delle donne per quel che riguarda il loro aspetto? Al primo posto c'è la forma fisica: i chili di troppo non sono mai graditi e una sana alimentazione, unita ad una moderata ma costante attività fisica, può...
Capelli

Come fare il gel ai semi di methi

Il methi, conosciuto anche con il nome di fieno greco, un' erba colma di mucillagini che contengono una grande quantità di fitoestrogeni. Essa è utilizzata come rimedio naturale contro la caduta dei capelli, anzi è conosciuta anche per stimolarne la...
Capelli

Come fare il gel di semi di chia

Alimento antichissimo ricco di vitamine e omega 3, oggi la chia (pianta di origine ispanica appartenente alla famiglia delle Lamiaceae) si presta agli usi più diversi: grazie alle loro facoltà nutritive i suoi semi sono ideali sia per ottenere degli...
Capelli

Come realizzare una maschera ai semi di lino per capelli opachi

I capelli opachi e sfibrati dipendono da una disfunzione del cuoio capelluto. Le ghiandole sebacee infatti non svolgono adeguatamente il loro compito. Il capello di conseguenza si inaridisce e si inasprisce. Ciò dipende in genere da un'alimentazione...
Capelli

5 alternative al gel per capelli

Molti sono coloro che usano il gel per capelli per fissare pettinature particolarmente sofisticate. C'è chi dice che il suo uso prolungato e frequente può danneggiare la nostra chioma, ma studi condotti su questo argomento, non hanno evidenziato alcun...
Capelli

Come realizzare un gel naturale per fissare i capelli

Prendersi cura della propri persona è sempre più importante e questo è valido sia per le donne che per gli uomini, anzi, proprio questi ultimi hanno ormai scoperto e riconosciuto quanto possa essere gratificante e positivo un atteggiamento di maggiore...
Capelli

Come fare un gel per capelli naturale, anticrespo e lucidante

Le donne sono sempre molto attente alla cura dei propri capelli, utilizzano molti prodotti per poterli mantenere lucidi e per evitare fastidiosi increspamenti. Ma non sempre i prodotti che si trovano in commercio sono così salutari come si pensa.I cambiamenti...
Capelli

Come utilizzare il gel di aloe vera

In questo articolo o guida, che dir si voglia, vogliamo aiutare tutti i nostri lettori e lettrici, che amano la cura ed il benessere dei propri capelli. Sono veramente in tanti, coloro i quali, desiderano avere dei capelli sani, forti, corposi ed anche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.