Come usare la pietra pomice

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

La pomice non è altro che una massa di lapilli e magma incandescente che raffreddando velocemente, intrappola all'interno dei gas, che solidificandosi, creano delle piccole cavità interne che le conferiscono una densità minore a quella dell'acqua. A tale proposito vediamo come usare la pietra pomice.

25

Le caratteristiche

Se su una spiaggia ci capita di trovare una roccia bianca dall'aspetto poroso, si tratta della pomice. Questa pietra è molto leggera tanto che se lanciata in acqua, non affonda, bensì galleggia. Questa caratteristica deriva dalla sua natura vulcanica effusiva. A prescindere dalla colorazione, le pietre pomici hanno caratteristiche pressoché identiche e si prestano ad essere usate in molteplici settori. Dalla produzione di souvenir alla bio-edilizia, passando per l'industria del tessile (invecchiamento industriale dei jeans) e per la produzione di substrati terricoli ideali per il florovivaismo, la pietra pomice è un valido alleato anche per la cura del corpo.

35

Il trattamento delle cuticole

Al naturale, tagliata in pratiche forme o ridotta in polvere nelle creme scrub, viene infatti sfruttata per le sue proprietà abrasive. Può essere abbinata ad utensili come la lima nel trattamento delle cuticole ungueali o costituire la parte posteriore delle spazzole per il corpo, sostituendo talvolta il guanto di crine nel processo esfoliativo.

Continua la lettura
45

L'attrito meccanico

Dopo aver ammorbidito la pelle del piede si passa la pietra insistendo con particolare attenzione su tutte quelle aree che appaiono più dure al tatto e che sono quotidianamente a contatto con l'attrito meccanico generato dalle scarpe. Quindi si risciacqua con un sapone neutro, si applica un prodotto idratante ed infine si indossano un paio di calzini di cotone per coadiuvare l'assorbimento della crema e garantire la naturale idratazione della pelle. Il processo va ripetuto almeno una volta a settimana per ottenere piedi morbidi ed impeccabili.

55

La circolazione sanguigna

Per riattivare la circolazione sanguigna e eseguire un delicato peeling meccanico, si può quindi passare con gentilezza il prodotto lungo il corpo, dopo essersi esposte al getto caldo della doccia ed aver così ammorbidito la pelle. La pietra pomice è infine un alleato insostituibile nella cura delle estremità inferiori: i piedi. Usata subito dopo una doccia o un pediluvio caldo e rilassante, permette di rimuovere i calli, i duroni e la pelle morta che finisce con l'ispessire e causare dolorose screpolature in particolari zone del piede, come la pianta ed i talloni.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Prodotti di Bellezza

Come realizzare saponette di Marsiglia e rose

Delicate e raffinate, perfette per la detergenza, la cura e la bellezza della pelle, le saponette di Marsiglia all'essenza di rose, uniscono le proprietà depurative del primo ingrediente a quelle lenitive e calmanti del secondo. Sono davvero ottime anche...
Prodotti di Bellezza

Come Utilizzare Il Cristallo Di Potassio

Con l'arrivo della stagione estiva, uno dei maggiori problemi è sicuramente legato all'eccessiva sudorazione legato alle temperature più elevate. Questo potrebbe portare il nostro corpo ad emanare cattivi odori e, per risolvere questo sgradevole problema,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.