Come trattare il cuoio capelluto grasso

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Prenderci cura del nostro fisico è fondamentale se vogliamo essere sempre belli e seducenti. Tuttavia, ci sono parti di noi stessi che spesso vengono tenute in scarsa considerazione ma che necessitano di numerose cure ed attenzioni, ad esempio i nostri capelli. Se il cuoio capelluto è grasso, dovremo curarlo perfettamente e nel minor tempo possibile onde evitare che si danneggi ulteriormente. In questa guida infatti vedremo come trattare il cuio capelluto grasso.

24

Un buon shampoo

Per prima cosa, è bene dire che i capelli devono essere lavati almeno due volte al giorno utilizzando un buon shampoo, meglio ancora se si tratta di uno shampoo naturale realizzato con ingredienti sani. Evitiamo di utilizzare prodotti poco sani o di dubbia provenienza sul nostro cuoio capelluto. Una volta lavati i capelli con lo shampoo, utilizziamo un buon balsamo per rinvigorirli, per rinforzarli e soprattutto per nutrirli in profondità. Se i capelli oltre ad essere grassi sono anche molto deboli, possiamo fare per almeno 2-3 volte a settimana dei veri e propri impacchi su di essi.

34

Un impacco biologico

Sicuramente possiamo fare un impacco allo yogurt ed al succo di more o di carote. Mettiamo in una piccola bacinella 125 g di yogurt magro biologico, aggiungiamo un poco di succo di carote e poi amalgamiamo questi ingredienti con un cucchiaio fino a quando non avremo ottenuto una sorta di cremina molto omogenea. Ora, utilizzando una piccola spatola in plastica, distribuiamo il composto sui nostri capelli, prestando attenzione a distribuire il composto omogeneamente. Utilizzando delle piccole mollette, blocchiamo i nostri capelli e poi avvolgiamoli in una cuffia in plastica. Se non abbiamo la cuffia in plastica, possiamo avvolgere attorno ai nostri capelli un poco di pellicola. Lasciamo agire il composto per almeno 20-30 minuti e poi risciacquiamo i capelli sotto l'acqua tiepida.

Continua la lettura
44

Una cattiva alimentazione

È importante dire che anche una cattiva alimentazione può danneggiare notevolmente i nostri capelli ed indebolirli. Prediligiamo quindi una dieta sana ed equilibrata, a base di frutta, di verdura, di carne bianca, di pesce e di cereali integrali. Nel caso fossimo fumatori, cerchiamo quantomeno di smettere di fumare, il fumo danneggia ed indebolisce i nostri capelli. Evitiamo di utilizzare cappelli soprattutto in estate, in quanto i cappelli non solo indeboliscono i nostri cappelli, ma aumentano la sudorazione del capo. Infine evitiamo di utilizzare prodotti quali lacche e gel aggressivi che possono rendere i nostri capelli più appiccicosi ed in alcuni casi anche grassi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Capelli

Come trattare il cuoio capelluto secco

Il cuoio capelluto secco può presentare diversi tipi di cause, spesso legate allo stile di vita oppure a problemi cutanei. Pochi semplicissimi ingredienti naturali possono aiutare a trattare questo genere di fastidio, riportando il cuoio capelluto alle...
Capelli

Come trattare un eczema al cuoio capelluto

L'eczema è un problema della pelle che interessa diverse parti del corpo. Se colpisce le zone interne delle ginocchia o delle braccia, viene trattato con prodotti specifici. Allo stesso modo, è il medico a indicare il trattamento migliore quando colpisce...
Capelli

Come realizzare una maschera per il cuoio capelluto

Il cuoio capelluto svolge all'interno del corpo la funzione importantissima di proteggere il cervello, non solo attraverso la produzione dei capelli ma anche attraverso processi di termoregolazione, che filtrano i raggi solari e impediscono la dispersione...
Capelli

Cuoio capelluto sensibile: 5 errori da evitare

Avere capelli belli, brillanti e splendenti presuppone un'ottima salute del cuoio capelluto: è qui infatti che i nostri capelli hanno origine, qui che sono presenti i bulbi piliferi da cui poi dipenderanno bellezza e salute delle nostre chiome. Il cuoio...
Capelli

Come idratare il cuoio capelluto

Il cuoio capelluto ha continuamente bisogno di essere curato e, soprattutto, idratato, specialmente se si ha una pelle particolarmente secca, in quanto potrebbe presentarsi il fenomeno della desquamazione. Le principali cause che determinano la secchezza...
Capelli

Come nutrire il cuoio capelluto

Tutti noi vorremmo avere una chioma folta e lucente ma, spesso, ignoriamo che queste caratteristiche dipendono soprattutto dalla buona salute del nostro cuoio capelluto. I capelli, infatti, fondano la propria radice nel cuoio capelluto, ed è da lì che...
Capelli

Come fare il massaggio al cuoio capelluto

Avere un taglio di capelli all'ultima moda oppure uno chignon elegante e raffinato rappresentano un biglietto da visita molto importante per tutte quelle posizioni lavorative, in cui è indispensabile avere una buona presenza, per cui è molto importante...
Capelli

Come fare uno scrub rigenerante del cuoio capelluto

Come si fa per viso e corpo, in alcuni casi, è necessario fare uno scrub anche sulla zona ricoperta dal cuoio capelluto, soggetta spesse volte a traumi causati da stress o da una eccessiva collocazione ai raggi solari e allo smog.Con il peeling (o scrub)...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.