Come trattare al meglio i nostri jeans

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

I jeans venivano utilizzati dai lavoratori americani a partire dagli anni '50 perché, grazie al tipo di tessuto, erano molto resistenti e durevoli. Oggi, questi particolari pantaloni vengono indossati da persone di qualsiasi età e sesso, in quanto si abbinano a qualsiasi tipo di abbigliamento. Nei vari negozi di moda se ne trovano ormai di tutti i tipi: da semplici a strappati, di colori e fantasie più disparate. Alcuni jeans, però, possono arrivare a costare anche centinaia di euro, per cui è opportuno trattarli adeguatamente affinché non si rovinino. Vediamo allora come trattare al meglio i nostri jeans.

26

Avete comprato dei jeans firmati, che perdono la tinta con il rischio di macchiare irreparabilmente i capi più chiari assieme a cui li lavate? Purtroppo questo è un problema molto comune, ma assolutamente niente paura! È sufficiente prendere qualche piccolo accorgimento e i vostri jeans non perderanno più la tinta: prima di lavarli in lavatrice lasciateli a bagno un'ora, in acqua fredda salata: sono sufficienti due cucchiaini di sale grosso per quattro litri di acqua. Poi, prima di metterli in lavatrice, rivoltate le gambe così da evitare l'usura dovuta allo sfregamento. Per massimizzare il risultato e ridurre ulteriormente il rischio di perdite di colore, è preferibile lavare i jeans a bassa temperatura, evitando di superare i 30 gradi.

36

A volte capita che siamo così affezionate a un paio di jeans che li indossiamo di frequente, e purtroppo prima o poi finiscono con il rovinarsi, soprattutto scolorendosi a causa dei frequenti lavaggi. Dunque, potrebbe essere utile un trucco per ringiovanire un paio di jeans scoloriti: è quello di lavarli con un paio di jeans nuovi, non ancora lavati. Scoprirete che il colore dei vecchi jeans verrà ravvivato grazie alla tinta che il nuovo jeans ha perso, e inoltre "salverete" da eventuali macchie gli altri capi di abbigliamento che avreste dovuto lavare insieme al nuovo jeans, che macchia.

Continua la lettura
46

Siete andati a fare una gita fuori porta, un pic-nic in campagna, e i vostri jeans si sono sporcati di terra al fondo e alle ginocchia? Anche qui nessun problema: risciacquateli sotto il rubinetto e lasciateli a bagno per una notte in una bacinella piena d'acqua cui avrete aggiunto 1/4 di tazza di ammoniaca e un po' di detersivo. Lavateli poi come al solito; le incrostazioni di fango dovrebbero staccarsi facilmente. Se invece i vostri jeans si sono strappati, neppure qui è il caso di farne un dramma: ora vanno molto di moda i jeans con tagli e strappi!

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • se hai un po' di pancetta, i jeans a vita alta sono perfetti per nasconderla!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Moda

Come fare il risvolto perfetto ai jeans

Le mode e le tendenze sono in continua evoluzione, in tutti i campi della vita quotidiana. L'abbigliamento è, naturalmente, uno dei principali settori che subiscono tali influenze. Le usanze cambiano, mutano e si aggiornano nel tempo. Ma spesso vecchi...
Moda

Come fare un trattamento di usura ai jeans

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori a capire come poter fare un semplice trattamento di usura ai nostri jeans, che magari sono i nostri preferiti. Anche grazie al metodo del fai da te ed al bricolage, potremo finalmente modificare...
Moda

Come personalizzare i jeans

Uno dei capi di abbigliamento più classici e versatili sono i blue jeans: pantaloni che vengono confezionati con questo speciale tessuto che ha segnato la storia della moda. Nato semplicemente per essere utilizzato da operai e mandriani, vista la sua...
Moda

5 outfit con i cropped flared jeans

La moda di questa Primavera - Estate 2016 prevede l'introduzione di un nuovo stile di jeans: sto parlando dei cropped flared jeans. Vediamo prima di tutto cosa significano. Cropped, perché sono corti fino alle caviglie e flare perché nella parte bassa...
Moda

Come abbinare i jeans a zampa

Il tipo di jeans, "a zampa di elefante", di cui tratteremo qui di seguito, fece gran furore negli anni '70. Questo classico modello si presenta "a campana" nella parte inferiore, dal ginocchio alla caviglia. Divenne presto uno dei simboli di distinzione...
Moda

Fare un effetto strappo sui Jeans

Il jeans è un tessuto composto da lino e cotono ed è stato iniziato ad usare già nel lontano XVI secolo. L'uso attuale è molto differente ed è ha riscosso un successo dagli anni 50/60 unico. Oltre al classico pantalone ormai il jeans viene utilizzato...
Moda

Come abbellire i propri jeans

Ogni mattina, prima di andare a scuola o quando dovete uscire con i vostri amici, aprite il vostro armadio per cercare l'abbigliamento giusto da indossare; ma, dopo aver provato tanti bei vestiti, la scelta ricade sempre sopra un capo di abbigliamento:...
Moda

Come Togliere Le Colle Forti Dai Tessuti Dei Jeans

Le colle forti, che vengono utilizzate sul legno, sul vetro e altre superfici, possono essere molto difficile da eliminare quando si attaccano ai vestiti poiché a tendono a penetrare e a sedimentarsi nelle fibre. Seguendo questa guida vedremo come è...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.