Come togliere un piercing

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

Il piercing (dall'inglese to pier "forare") è una tecnica che deriva dai popoli tribali, usata per diversificare i ruoli dei membri dei vari clan ed esaltarne il coraggio e virilità. Oggi, è diventata una vera e propria mania, i ragazzi sono soliti perforare varie parti del corpo come orecchie, ombelico, labbra, sopracciglio, lingua o genitali, abbellendole con brillantini, sbarrette o altro, per un fatto puramente estetico e di tendenza. Ricordiamo che per evitare infezioni, anche gravi è consigliabile rivolgersi sempre a dei validi professionisti, sia per l'applicazione dei gioielli che per un'eventuale difficoltosa rimozione. Questa guida vi fornirà dei preziosi suggerimenti su come togliere o sostituire un piercing.

27

Occorrente

  • Soluzione fisiologica
  • Cotton fioc
  • Garze sterili o fazzolettini di carta
  • Sapone antibatterico
  • Guanti in lattice o vinile
37

Rimuovere un piercing non è facile, in quanto un processo abbastanza delicato, da svolgere con cura e parecchia attenzione. Il gioiello (o la barretta) andrà tolto solo a completa guarigione del foro, che solitamente va dalle 3 settimane ai 2 mesi, a seconda della posizione. Un'esposizione prematura del tessuto ed una cicatrizzazione all'aria aperta può causare una grave infezione e la formazione di brutte cicatrici.

47

È importante eseguire l'operazione con le mani ben disinfettate, oppure indossando dei guanti in lattice o vinile. Il piercing va tenuto fermo dalla parte inferiore durante l'estrazione. Intanto svitate quella superiore in senso antiorario dopo, fate scorrere delicatamente il gioiello sfilandolo dalla pelle. Pulite la ferita con un bastoncino per orecchie, imbevuto di soluzione salina, per togliere crosticine o elementi di scarto. Lavate con acqua tiepida e sapone antibatterico, risciacquate ed asciugate con una garza sterile. Ricordatevi che in caso di serie difficoltà riscontrate durante la rimozione, la procedura non dovrà mai essere forzata, ma bisognerà rivolgersi ad un medico di fiducia.

Continua la lettura
57

Il foro, sia che vogliate mettere un nuovo piercing o solo che si cicatrizzi, andrà pulito tutti i giorni. Lavatelo con cura usando acqua tiepida e sapone antibatterico almeno due volte al giorno. Premete lievemente attorno alla ferita, facendo in modo che eventuali residui o sostanze di scarto si tolgano. Asciugate con una garza sterile mai con l'asciugamano! I primi risultati potranno essere visibili già dopo 3 settimane, mentre la completa chiusura potrà avvenire intorno ai 3 mesi o poco oltre. Per attenuare le eventuali cicatrici, applicate un gel specifico, nelle dosi consigliate da un dermatologo di fiducia, per 4 o 5 settimane.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prestare sempre molta attenzione per non causare infezioni pericolose alla pelle
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Accessori

10 suggerimenti per la cura dei piercing

Quando decidete di fare un piercing su una parte qualsiasi del corpo, dovete avere chiaro in mente che per un periodo abbastanza lungo che va dalle 3 alle 6 settimane dovete prendervene grande cura per evitare che possano provocare delle infezioni e dare...
Accessori

5 consigli per il microdermal piercing

Il microdermal piercing è l'evoluzione del piercing e mette al riparo da infezioni e rigetti perché si utilizzano materiali anallergici come il titanio, ma il fattore che maggiormente è a favore del microdermal piercing è il fatto che esso può essere...
Accessori

Come scegliere il piercing adatto a te

Al giorno d'oggi molti giovani, e non solo, scelgono di decorare il loro corpo, e molto spesso la loro scelta ricade sui piercing, cioè accessori metallici usati son dall'antichità. Questi differiscono per forma, colore e posizione del corpi desiderata,...
Accessori

Come togliere la ruggine dalla bigiotteria

Mantenere i gioielli puliti, protetti da aria e acqua e proteggerli con dei prodotti appositi, può prevenire la formazione della ruggine. Una volta formata, la ruggine è un elemento difficile da togliere, per questo motivo, nei seguenti passi trovi...
Accessori

Come Togliere I Filtri Dagli Occhiali

L'estate è la stagione più amata da adulti e piccini. Tornati dalla vacanze sarà capitato a molte persone di avere gli occhiali tutti graffiati, a causa della sabbia della salsedine. Riuscire a rimediare a tale inconveniente non è affatto complicato....
Accessori

Come togliere il cattivo odore dalle borse

Le borse vengono utilizzate per contenere diversi oggetti: soldi, trucco, sigarette, chiavi, cibo. Non c'è da sorprendersi, quindi, quando la borsa comincia ad emanare un odore sgradevole ogni volta che viene aperta. Banconote e monete in particolare...
Accessori

Come togliere un anello incastrato nel dito

Sicuramente è successo anche a voi: provate quell'anello che non mettevate da tanto tempo e.... Vi rimane incastrato al dito! Il dito si gonfia e diventa ancora più difficile liberarvi dell'anello, soprattutto senza farvi del male e senza rovinare l'anello!...
Accessori

Come decorare le unghie con fiori veri essiccati

La nail art è una nuova tendenza che ha riscontrato un notevole successo tra le giovanissime. Si tratta di una nuova forma di arte, basata sulla decorazione delle unghia in modo incredibile ed originale al fine di stupire e farsi notare. Dalla semplice...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.