Come riconoscere un gioiello d'argento

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'argento è un metallo che viene spesso utilizzato per realizzare tanti tipi di oggetti. I più richiesti sono i gioielli. In passato esisteva l?equivalenza tra argento lavorato e moneta corrente, essendo questa realizzata in argento ed il suo valore proporzionale al peso ed al titolo del metallo utilizzato. L?argento è molto raro e non viene estratto direttamente dal suo minerale. Ma, si ottiene dalla lavorazione di minerali di altri metalli. Questo viene preceduto da pochi altri elementi chimici come oro, platino e metalli del suo gruppo, selenio, bismuto, tellurio e renio Con oro e rame, è tra i metalli noti ed utilizzati dall'uomo da alcuni millenni. La sua rarità in natura in forma elementare ne ha tuttavia ritardato l?uso rispetto all'oro di alcuni secoli. Nella seguente guida vi spiego come riconoscere un gioiello d'argento.

27

Occorrente

  • Acido solforico
  • Osservazione
37

Analizzare il gioiello

La prima cosa che dovete fare per riconoscere un gioiello d'argento, è quella di analizzarlo. Quindi, prendetelo e controllate il numero di tre cifre, che viene posto sopra. Qui troverete una targhetta che identificherete in questo modo. Per legge il titolo deve risultare indicato entro un ovale. Inoltre, porta impressa anche la sigla ed un numero corrispondente del fabbricante. Potete anche trovare il 950 o 925, molto popolari sul mercato. Anche la denominazione 800/100 si considera argento autentico. Su collane e bracciali è possibile trovare la timbratura sulla fibbia, su anelli è più probabile all'interno.

47

Verificare la presenza di odori e la superficie

A questo punto, esaminate l'oggetto. Osservando in modo accurato i bordi o dove si consuma di più. Il metallo base brillerà dove è usato. Dopodiché, annusate il pezzo. L?argento 925 non ha un odore rilevabile. Se sentite odore di rame o ottone, allora c?è una buona probabilità che non è vero argento 925. Osservate la durezza del suo aspetto. L'argento è di un bianco perfetto ed ha una consistenza molto liscia e levigata, diventerà di un bianco grigiastro o persino nero dopo essere stato ossidato. La sua durezza in scala Mohs è 2,7.

Continua la lettura
57

Utilizzare l'acido solforico

Una prova molto importante per verificare l'argento è quella che viene fatta con gli "acidi". Si tratta di grattare (o in termini più tecnici - saggiare) il metallo prelevandone un campione su una particolare pietra (pietra di paragone per l'appunto) e di bagnare il tutto con qualche goccia dell'acido. Più precisamente parliamo di acido solforico. In questo modo l'argento, se veramente tale, subirà una reazione diventando "rossastro" senza che il saggio sparisca dalla pietra. Tutti gli altri metalli, invece, spariranno immediatamente oppure assumeranno colorazioni differenti dal "rosso".

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non su tutti i gioielli c'è il 925, ma se hanno quel timbro, si può essere certi che si tratta di un 925 vero.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Accessori

Come creare un foulard-gioiello

Un foulard oltre a sostituire un gioiello, può anche diventarlo: creare un foulard-gioiello è davvero semplice, richiede pochi minuti e pochissimi strumenti di lavoro! Ecco come creare un bellissimo foulard-gioiello personalizzato, a costo zero, per...
Accessori

Come realizzare una sciarpa gioiello

In quasi tutti gli armadi delle donne è possibile trovare una sciarpa gioiello. Si tratta di un accessorio estremamente alla moda, che combina il tessuto a ciondoli, catene, pendenti e pietre di ogni dimensione, colore e forma. Realizzarne una con le...
Accessori

Come pulire gli orecchini d'argento

La maggior parte delle donne ama i bijoux e, che siano veri gioielli o di bigiotteria, possiede sicuramente un paio di orecchini d'argento nella propria scatola portagioie. Un vecchio regalo, un acquisto ai saldi o magari un oggetto tramandato da madre...
Accessori

Come pulire un anello d'argento

Spesso capita che si abbia un problema con le posate in argento che, con il tempo, possono perdere la loro lucentezza oppure si possono macchiare di scuro. Per far ritrovare loro la lucentezza e per pulire gli oggetti puoi utilizzare uno spray che trovi...
Accessori

Come utilizzare il dentifricio per pulire i monili d'argento

Molti di voi forse non sanno che in casa ci sono dei prodotti di largo consumo che possono ritornare utili per pulire svariati oggetti e tra questi i monili d'argento. Nello specifico parliamo del dentifricio che deve comunque essere particolare, e...
Accessori

Come pulire i gioielli d'argento

L'argento appartiene alla serie di metalli definiti 'nobili', i quali, essendo piuttosto rari, tendono anche a risultare preziosi. Si tratta di un elemento particolarmente duttile, dotato di una condizione atomica stabile e quindi inalterabile negli anni,...
Accessori

Come riconoscere un corallo

Il corallo, come sappiamo, è bellissimo e guardarlo, nella maggior parte dei casi, ci incanta grazie alla sua meraviglia. Possiamo senza ombra di dubbio definirlo come una vera e propria opera d'arte formata da uno scheletro composto da carbonato di...
Accessori

Come riconoscere un autentico topazio

Conosciuta fin dai tempi antichi, il topazio è una pietra preziosa molto ricercata. Questa pietra, infatti, veniva utilizzata già all'epoca dei Romani che la estraevano presso l'isola greca di Topazos. Essa è definita come la "pietra della giovinezza...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.