Come riconoscere l'avorio naturale da quello sintetico

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Come riconoscere l'avorio naturale da quello sintetico

L'avorio è un materiale di origine naturale che si ricava principalmente dalle zanne dell'elefante africano o asiatico. Si può parlare di avorio anche quando ci si riferisce ai denti di altri animali come tricheco, l'ippopotamo ed il cinghiale. Esiste anche un materiale detto avorio vegetale che si ricava dai semi di alcune palme. Questo materiale ha raggiunto quotazioni molto elevate sul mercato illegale, fino a ben cinquemila euro al chilo perché vige il divieto del vigente divieto di caccia all'elefante, e l'avorio ricavato da animali allevati in cattività o dalla raccolta da parte degli enti forestali è piuttosto raro. Questo divieto ha spinto molte industrie produttrici di materiali plastici a sintetizzare un prodotto molto simile a quello naturale, che molto spesso è impiegato in maniera truffaldina per produrre dei falsi. Fra quelli più comunemente spacciati per avorio vero, che in questa guida impareremo a riconoscere, troviamo le ossa di animali e quello sintetico, noto comunemente come di avoriolina. In questa semplice guida andremo a vedere come è possibile riconoscere l'avorio vero da quello falso.

26

Occorrente

  • Ago arroventato
  • Tenaglie
  • Oggetto in avorio (o presunto tale)
  • Panno morbido per strofinamento
36

Riconoscere l'avoriolina

L'avoriolina è una pasta di cellulosa e resina amalgamata agli scarti della lavorazione dell'avorio, oltre che a corno, denti e ossa di animali polverizzati. Di fronte ad un manufatto sospetto, che magari ci viene proposto come oggetto pregevole di artigianato esotico antico esistono alcune semplici prove da effettuare. La più semplice ed immediata è quella del calore, che consiste semplicemente nell'arroventare un comune ago per cucire sul fuoco di un accendino e appoggiarlo ancora incandescente sulla superficie dell'oggetto aiutandosi con un paio di pinze o tenaglie. Se l'oggetto è di avoriolina, l'ago lascerà un segno piuttosto evidente, simile ad una bruciatura di sigaretta e si sprigionerà un odore che ricorda chiaramente quello dei capelli bruciati, legato alla vaporizzazione della cheratina. La cellulosa si altera immancabilmente alla prova del calore, e quindi è molto semplice accorgersi se il materiale la contiene, mentre alcuni collanti sono più resistenti, ma meno diffusi perché facili da riconoscere.

46

Riconoscere la plastica

Paradossalmente la plastica ad un'analisi visiva può essere davvero confusa per avorio, specie se non si è molto esperti della densità di questo materiale. La prova dell'ago arroventato da' un risultato immediato ed incontrovertibile perché la punta penetra nel materiale molto in profondità ed estraendolo ancora caldo si produrranno quasi certamente dei fili molto sottili. L'odore è poi facile da riconoscere perché è acre, fastidioso e pungente, e sicuramente ci sarà già capitato di sentirlo. Manca completamente la componente di capelli bruciati. Per converso, se l'artefatto è davvero di avorio, invece, la prova dell'ago produce solo una piccolissima macchiolina scura di bruciatura e pochissimo danno percepibile al tatto. In ogni caso è sempre opportuno effettuare la prova in un punto poco visibile dell'oggetto per non danneggialo. Se dovessimo trovare però un segno nero precedente non è comunque consigliabile confidare in una prova pregressa da parte di un esperto, e fidarsi, perché un bravo truffatore che desideri intascare qualche centinaio di euro se non migliaia, sicuramente avrà provveduto con u po' di ingegno a predisporre un segno di questo tipo per indurre il compratore a sentirsi particolarmente furbo e fortunato. SI tratta di un trucco vecchio ma che funziona sempre.

Continua la lettura
56

Riconoscere l'avorio

Una prova che può essere effettuata per riconoscere definitivamente l'avorio artificiale da quello naturale è lo strofinamento. Per la precisione strofinando energicamente l'avorio sintetico con un panno, questo emanerà un caratteristico odore di canfora a causa delle componenti volatili dei collanti sintetici, cosa che non succede con il materiale autentico. Se dovessero permanere dubbi sull'effettiva qualità del materiale, rivestono una fondamentale importanza anche le sua nervature e le gradazioni di colore. In particolar modo in quello artificiale le prime sono molto regolari e non sono presenti macchie che invece si producono in quello naturale per questioni fisiologiche e di crescita dell'animale. Il colore dell'avorio sintetico spesso è fin troppo bianco soprattutto per oggetti molto dettagliati e non è credibile. Ricordate in ogni caso che la compra vendita di avorio è sottoposta a vincoli molto stringenti per scoraggiare il bracconaggio e il contrabbando e che si rischiano sanzioni molto gravi se si viene trovati in possesso di oggetti provenienti da fonti sospette o illecite e se l'acquisto avviene in un paese esportatore i rischi sono ancor più elevati.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non acquistate mai oggetti in avorio di fattura recente perchè quasi sicuramsnte provengno da un mercato illecito, e se avete un dubbio consultate subito le forze dell'ordine
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Accessori

Come riconoscere l'ambra vera

L'ambra è una resina fossile che emana un carisma particolare, almeno una volta nella vita ci sarà capitato di averne un pezzo tra le mani, ma siamo proprio sicuri che sia stata della vera ambra e non un volgare sostituto creato da orefici esperti?...
Accessori

Come riconoscere una borsa Gucci originale

Volete sapere come bisogna acquistare in maniera del tutto sicura delle borse autentiche di "Gucci"? Non desiderate correre il rischio di comprare online prodotti contraffatti scambiabili con dei falsi praticamente identici a quelli made in Italy di "Gucci"?...
Accessori

Come riconoscere la turchese vera

La turchese è un minerale che appartiene al sistema triclino. La sua caratteristica peculiare è senza dubbio il suo colore tra l'azzurro e il verde acqua. Il colore può essere uniforme oppure la pietra può presentare delle nervature di colori differenti....
Accessori

Come riconoscere un corallo

Il corallo, come sappiamo, è bellissimo e guardarlo, nella maggior parte dei casi, ci incanta grazie alla sua meraviglia. Possiamo senza ombra di dubbio definirlo come una vera e propria opera d'arte formata da uno scheletro composto da carbonato di...
Accessori

Come riconoscere l'argento

A meno che non si tratti di un professionista che conosce i metalli e che ci lavora per altri motivi, spesso è facile lasciarsi ingannare dal cartello certificato di garanzia oppure "vero argento2, per poi tornare magari a casa con un pezzo di latta...
Accessori

Come riconoscere un diamante

Possedere un diamante incastonato in un anello o una collana, rappresenta il sogno di tantissime donne. La sua eleganza e la sua brillantezza rendono questa pietra una delle più ambite tra le gioeiellerie. Non tutti sanno che ha anche delle notevoli...
Accessori

Come Riconoscere Una Borsa Guess Originale

Comprare una borsa di una marca abbastanza importante come la Guess è una sorta di piccolo investimento e di garanzia, sulla qualità e la durabilità del prodotto, mentre per quanto riguarda la bellezza e lo stile, chi segue queste tendenze sicuramente...
Accessori

Come riconoscere gli occhiali da sole Ray - Ban originali

Sono in commercio da quasi un secolo, ma ancora oggi gli occhiali da sole Ray-Ban sono il must nel campo dell’ottica, e tracciano le linee guida per tutte le altre case produttrici. I famosi "aviator" della Ray-Ban, in commercio dagli anni 30, inoltre,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.