Come riconoscere la turchese vera

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Come riconoscere la turchese vera

La turchese è un minerale che appartiene al sistema triclino. La sua caratteristica peculiare è senza dubbio il suo colore tra l'azzurro e il verde acqua. Il colore può essere uniforme oppure la pietra può presentare delle nervature di colori differenti. Generalmente la colorazione è opaca e non lucida. Fin dai tempi più antichi è stata considerata dai popoli una pietra preziosa, usata per la realizzazione di gioielli o per scopi ornamentali. Purtroppo alcune volte si trovano in commercio delle pietre false, di basso valore, ed è opportuno saper individuare le differenze. Vediamo insieme come riconoscere la turchese vera.

27

Occorrente

  • Acido cloridrico.
  • Filo di ferro.
37

Il prezzo

Prima di tutto, occorre sottolineare che il primo segnale per riconoscere una pietra vera da una falsa è il prezzo. Le gemme naturali costano di più poiché sono prodotte dalla natura, e quindi più rare.
Tuttavia, a volte questo non è un indicatore sicuro perché nel caso si tratti di una truffa, il prezzo subisce una lievitazione senza che il compratore se ne possa accorgere.
Dunque, esistono due metodi a cui far ricorso per capire se la turchese che avete in casa sia vera o falsa. Purtroppo non esistono dei metodi non distruttivi per capire se la turchese sia autentica oppure se sia un'imitazione.

47

L'acido cloridrico

Il primo metodo è il seguente ed è molto semplice da realizzare: mettete una goccia di acido cloridrico sulla gemma ed aspettate alcuni secondi (dieci secondi al massimo).
Se notate che la pietra ha un'effervescenza più o meno vivace oppure subisce un cambiamento di colore, o ancora se presenta delle lesioni sulla superficie, allora significa che avete acquistato una pietra falsa. Nel caso si tratti di una turchese vera, la gemma non subirà alcun cambiamento o lesione.

Continua la lettura
57

Il filo di ferro

Il secondo metodo è il seguente: arroventate un sottile filo di ferro e mettetelo a contatto con la pietra. Se inizia a bruciare con il conseguente odore di plastica, avete una gemma falsa.
È falsa anche se sentite che la pietra è calda e leggera come la plastica.
In ogni caso, la turchese naturale spesso presenta delle inclusioni tipiche della natura e con il trascorrere del tempo tende ad ingiallirsi. Al contrario, la pasta di turchese (che contiene circa il 40% di polvere di turchese) rimane inalterata per sempre ed ha un costo nettamente inferiore. Sta a voi decidere se preferite acquistare una gemma autentica, ma che cambia colore col trascorrere del tempo; oppure comprare un'imitazione che rimarrà inalterata per sempre.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Fate attenzione nel maneggiare l'acido e il fil di ferro caldo
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Accessori

Come riconoscere una borsa Gucci originale

Volete sapere come bisogna acquistare in maniera del tutto sicura delle borse autentiche di "Gucci"? Non desiderate correre il rischio di comprare online prodotti contraffatti scambiabili con dei falsi praticamente identici a quelli made in Italy di "Gucci"?...
Accessori

Come riconoscere un autentico topazio

Conosciuta fin dai tempi antichi, il topazio è una pietra preziosa molto ricercata. Questa pietra, infatti, veniva utilizzata già all'epoca dei Romani che la estraevano presso l'isola greca di Topazos. Essa è definita come la "pietra della giovinezza...
Accessori

Come riconoscere un corallo

Il corallo, come sappiamo, è bellissimo e guardarlo, nella maggior parte dei casi, ci incanta grazie alla sua meraviglia. Possiamo senza ombra di dubbio definirlo come una vera e propria opera d'arte formata da uno scheletro composto da carbonato di...
Accessori

Come riconoscere l'avorio naturale da quello sintetico

L'avorio è un materiale di origine naturale che si ricava principalmente dalle zanne dell'elefante africano o asiatico. Si può parlare di avorio anche quando ci si riferisce ai denti di altri animali come tricheco, l'ippopotamo ed il cinghiale. Esiste...
Accessori

Come riconoscere un diamante

Possedere un diamante incastonato in un anello o una collana, rappresenta il sogno di tantissime donne. La sua eleganza e la sua brillantezza rendono questa pietra una delle più ambite tra le gioeiellerie. Non tutti sanno che ha anche delle notevoli...
Accessori

Come Riconoscere Una Borsa Guess Originale

Comprare una borsa di una marca abbastanza importante come la Guess è una sorta di piccolo investimento e di garanzia, sulla qualità e la durabilità del prodotto, mentre per quanto riguarda la bellezza e lo stile, chi segue queste tendenze sicuramente...
Accessori

Come riconoscere gli occhiali da sole Ray - Ban originali

Sono in commercio da quasi un secolo, ma ancora oggi gli occhiali da sole Ray-Ban sono il must nel campo dell’ottica, e tracciano le linee guida per tutte le altre case produttrici. I famosi "aviator" della Ray-Ban, in commercio dagli anni 30, inoltre,...
Accessori

Come riconoscere l'argento

A meno che non si tratti di un professionista che conosce i metalli e che ci lavora per altri motivi, spesso è facile lasciarsi ingannare dal cartello certificato di garanzia oppure "vero argento2, per poi tornare magari a casa con un pezzo di latta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.