Come riconoscere i composti chimici da evitare nei cosmetici

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Nelle donne, il trucco nel tempo ha riscosso sempre più importanza. Ma quest'ultimo non provoca solo begli effetti, cioè non le mostra senza imperfezioni, ma può avere ben altri effetti a lungo termine. Infatti molti degli ingredienti utilizzati nei prodotti per la cura personale hanno un effetto tutt'altro che benefico sulla salute umana. Alcuni ricercatori hanno scoperto che su 82.000 sostanze utilizzate, circa 10.500 sono sostanze chimiche pericolose, molte delle quali sono cancerogene, pesticidi, tossine riproduttive, interferenti endocrini, plastificanti, sgrassanti e tensioattivi. Tutte queste sostanze vengono assorbite dalla pelle o vanno disperse nell'ambiente. Ecco quindi come riconoscere i composti chimici da evitare nei cosmetici.

27

Occorrente

  • Informazione
37

Parabeni. Questi composti organici penetrano facilmente nella pelle e sono sospettati di interferire con la funzione ormonale (sistema endocrino). I parabeni possono mimare l'estrogeno, ovvero l'ormone sessuale femminile primario. In uno studio, gli scienziati hanno rilevato i parabeni nei tessuti di carcinoma mammario umano, sollevando dubbi su una possibile causa del cancro. Essi possono anche interferire con le funzioni riproduttive maschili. Inoltre, gli studi indicano che tali composti, applicati sulla pelle reagiscono con l'UVB, con conseguente aumento dell'invecchiamento cutaneo e del DNA.

47

Dibutilftalato. Questo composto lo si può riconoscere della sigla "DBP" e viene assorbito attraverso la pelle. In esperimenti di laboratorio, hanno visto che il DBP può causare difetti di sviluppo, cambiamenti nei testicoli e della prostata e riduzione della conta spermatica. L'Unione Europea classifica il DBP come sospetto distruttore endocrino, sulla base di prove dalle quale emergerebbe un'interferenza con la funzione ormonale e riproduttiva, sulla base del fatto che essa può causare danni al nascituro e ridurre la fertilità. Queste prove, inoltre, suggeriscono che l'esposizione agli ftalati può provocare effetti negativi sul fegato e insufficienza renale nei bambini piccoli, quando i prodotti contenenti ftalati vengono assimilati per lunghi periodi.

Continua la lettura
57

Il butilidrossitoluolo, riconoscibile attraverso la sigla BHT, può indurre reazioni allergiche della pelle. L'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro classifica il BTH come un possibile cancerogeno per l'uomo. La Commissione europea, in riguardo all'alterazione del sistema endocrino, ha anche elencato il BHA come sostanza dannosa di prima categoria, sulla base di prove che dimostrano un'interferenza con la funzione ormonale.

67

Vi sono altre sostanze diverse che sono dannose. Vediamo i siliconi, cioè a base di silicio. Da evitare. I prodotti con questo nome terminano spesso con -thicone,-one,-ane,-siloxane e -silanol. Vediamo inoltre i Petrolati, quelli derivati dal petrolio, per raffinazione, sono residui del petrolio dopo la raffinazione. SLES e SLS i tensioattivi. Ed infine i PEG, sempre a derivazione petrolifera, vengono usati per amalgamare con l'acqua sostanze che non potrebbero farlo. Vi lascio INCI, il biodizionario dove potete consultare meglio il tutto.

77

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Prodotti di Bellezza

Prodotti cosmetici per adolescenti

Non è comune che nel periodo dell'adolescenza, si possano verificare dei problemi associati all'utilizzo di prodotto cosmetici. Molti adolescenti, a volte, entrano in contatto con delle sostanze allergizzanti, che si possono reperire nelle matite per...
Prodotti di Bellezza

Cosmetici fai da te per una bellezza naturale

Aver cura di corpo e viso con cosmetici naturali e fai da te è, sempre più, la scelta di tanti.I prodotti biologici, selezionati per rispondere alle esigenze specifiche di ogni tipo di pelle, sono gli ingredienti preferiti per una crema o un bagnoschiuma...
Prodotti di Bellezza

INCI: guida agli ingredienti dei cosmetici

È un'idea molto diffusa pensare che la qualità di un prodotto cosmetico dipenda dalla marca.In realtà il pregio dei cosmetici si determina attraverso due fattori: l'efficacia e l'INCI.L'efficacia sta nel mantenere in un tempo ragionevole la promessa...
Prodotti di Bellezza

Come eliminare le rughe con i cosmetici

Le rughe sono un inestetismo che prima o poi a tutti tocca avere, anche se tuttavia la categoria di persone che non riesce proprio ad accettarle sono le donne, le quali sono alla continua ricerca di qualsiasi soluzione per camuffarle. Esistono comunque...
Prodotti di Bellezza

Gli usi cosmetici dell'olio di uva

Come siamo soliti ripetervi spesso, non c'è migliore alleata di pelle e capelli se non la natura. In natura infatti si possono trovare una molteplicità di prodotti che, già da soli, basterebbero a far avere pelle e capelli praticamente perfetti, senza...
Prodotti di Bellezza

come preparare decotti cosmetici per la pelle con il tarassaco

Il tarassaco o dente di leone è una pianta erbacea perenne. Nasce spontaneamente nei boschi, nei prati, nei giardini o a mare, fino ad un'altitudine di 3000 metri. Le sue proprietà curative e cosmetiche sono note sin dal Rinascimento. La pianta è ricca...
Prodotti di Bellezza

Come fare l'aqua di rosa senza prodotti chimici

L'acqua di rose è un profumo molto tradizionale e delicato che da sempre ricorda la femminilità. In commercio si possono trovare numerosi prodotti al profumo di rose, dal classico tonico a delle creme idratanti. Ad ogni modo è possibile preparare un'acqua...
Prodotti di Bellezza

Gli usi cosmetici dello zenzero

Lo Zenzero (in inglese Ginger) è una pianta erbacea. È coltivata soprattutto nelle zone tropicali e subtropicali. Sicuramente la maggior parte delle persone conosce lo zenzero come un condimento. Lo zenzero è composto anche da acqua, carboidrati, proteine...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.