Come realizzare un mini bouquet all'occhiello

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il bouquet all'occhiello può essere realizzato con fiori freschi o con fiori essiccati. Naturalmente, creando da soli questa particolare ed elegante creazione avrete l'opportunità di apprendere tecniche particolarmente utili ed innovative, con la possibilità utile di risparmiare grosse somme di denaro poiché in tal modo non avrete bisogno di recarvi in un apposito negozio per acquistarne uno già pronto. Ovviamente, tutto questo non va assolutamente sottovalutato, soprattutto in questo periodo di grave ed estremamente diffusa crisi economica. Continuate, dunque, a leggere questa importante guida per comprendere in modo abbastanza semplice e rapido come realizzare un mini bouquet all'occhiello.

24

Per realizzare il bouquet con fiori secchi dovrete acquistare delle peonie essiccate e tagliate successivamente il gambo ad una lunghezza di 4 centimetri circa, aggiungete tre foglie di peonia essiccate e tagliatele a 10, 8 e 6 centimetri. Unite insieme i fiori e le foglie con del filo di ferro da fioraio doppio, lasciando da parte la foglia da sei centimetri che dovrete legare con un filo di ferro leggermente più sottile. A questo punto, prendete 3 fette di mela essiccata e legatele insieme con il filo di ferro da fioraio più doppio.

34

Dopodiché, prendete tre rametti di Agonis juniperina essiccata, tagliatela in rametti e realizzate tre mazzettini. Ripetete lo stesso procedimento, utilizzando tre infiorescenze essiccate di Hydrangera e unendole con filo da fioraio sottile. Tagliate 8 steli di rose essiccati ad una lunghezza di 2 centimetri e uniteli esattamente a 3 rametti di eucalipto con il filo di ferro sottile. Fasciate tutti i gambi con del nastro da fioraio oppure meglio ancora con della guttaperca.

Continua la lettura
44

Se invece volete realizzare un mini bouquet di fiori freschi dovrete scegliere una rosa, dopodiché dovrete tagliare il gambo ad una lunghezza di circa 4 centimetri. Preparate 5 foglie di Elaeagnus, una grande, due medie e due piccole ed imbastitele con del filo di ferro sottile. Scegliete 15 steli di rosa con frutti e foglie, tagliate gli steli a 4 centimetri di lunghezza e raggruppateli insieme legandoli con il filo. Dividete poi in piccoli ciuffi uno stelo di Foeniculum e legateli allo stesso modo. Ricoprite tutte le legature con la guttaperca. Giunti a questa precisa fase della vostra operazione, dovrete aggiungere intorno alle peonie le rose, poi le fette di mela, le foglie di peonia e gli altri mazzettini. Legate ogni mazzetto con del filo di ferro argentato sottile. Successivamente, decorate il bouquet con dei fiocchetti di rafia e fasciate le legature con della guttaperca.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Moda

Come abbinare l'abito da sposa e il bouquet

All'interno di questa semplice ma utilissima guida, nei prossimi passi, vedremo come abbinare l'abito da sposa e il bouquet. L'abito da sposa, per una donna, rappresenta la cosa più importante per il giorno del matrimonio, sognato e desiderato da tempo....
Moda

I migliori bouquet per un matrimonio estivo

L'estate, nonostante le alte temperature che la caratterizzano, offre un'ampia gamma di fioriture in grado di soddisfare la maggior parte dei gusti e delle esigenze per realizzare i migliori bouquet da sfoggiare in un matrimonio estivo. Tra i fiori più...
Moda

Bouquet da sposa: 5 tendenze per un look da favola

Il giorno del proprio matrimonio costituisce per una donna sicuramente uno degli eventi più importanti della vita. È per questo motivo infatti che la maggior parte delle donne desidera che in questa occasione particolare sia tutto perfetto. Oltre alle...
Moda

Come realizzare un colletto gioiello

La moda è in continua evoluzione, si sa, e ultimamente sono tornati in voga i colletti. Vediamo sempre più spesso camicie a collo alto che terminano con eccentrici e colorati colletti, di ogni forma e dimensione. Da ciò è derivata un vera e propria...
Moda

Come realizzare una collana con il polistirolo espanso

Se avete in mente di realizzare un gioiello originale con materiale completamente di recupero, non c'è nulla di meglio che produrre un gioiello tramite un po' di polistirolo espanso. Attraverso questo genere di materiale, infatti, è possibile realizzare...
Moda

Come Realizzare Le Ciabatte Infradito In Spugna

Se siete abili nell'arte del cucito, potete realizzare con un po' di fantasia qualsiasi accessorio per la casa come presine, strofinacci o anche delle ciabatte, queste ultime da regalare a parenti o amici. Creare delle ciabatte infradito sarà semplice,...
Moda

Storia della minigonna

La nascita della minigonna non si sa con certezza se sia di origine francese o britannica, comunque è certo che la storia della minigonna inizia nel 1963 ed è diventata subito un simbolo della rivoluzione degli anni '60. La paternità è incerta tra...
Moda

Come Realizzare Una Sciarpa Per Una Bimba

Realizzare dei capi d'abbigliamento artigianali può diventare un gioco molto divertente se si hanno delle idee da sviluppare e qualche conoscenza tecnica. In particolare, coloro che amano lavorare a maglia hanno la possibilità di creare diversi vestiti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.