Come realizzare un make-up anni ‘20

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

The roaring twenties: gli anni ruggenti. L'estetica e la moda di quei decenni hanno lasciato un segno indelebile nella storia del design e della moda, e quel tipo di look ci rimanda l'immagine di feste e serate alla Grande Gatsby. Quale ragazza non ha mai sognato di essere una flapper in pelliccia e volants? Ecco qui un tutorial su come realizzare un make-up anni '20, per vivere questo sogno per una sera:.

24

La base

Scegli una cipria che sia simile al tuo tono di pelle, o leggermente più chiara: lo scopo non è quello di modificare il colore come nel make up moderno, ma di rendere la cute più compatta e luminosa. Se possibile evitare il fondotinta liquido, la cui texture è troppo pesante per questo stile. Applicate la cipria muovendo il pennello verso il basso e seguendo i contorni del volto.
Ora è il momento di applicare il fard: la tecnica migliore è quella di seguire una forma di mezzaluna su ogni guancia, andando da un punto tra l'occhio e la tempia a uno tra il naso e lo zigomo. Scegliete un colore intenso, che tenda al rosso o al mattone, e sfumatelo con attenzione: l'effetto deve somigliare a quello di una guancia intensamente ma naturalmente arrossita.

34

Le labbra

Il colore chiave è il rosso: qualsiasi sfumatura è accettata, purché si abbini ai vostri colori naturali. I toni più aranciati sono adatti alle bionde, quelli più sanguigni alle more.
Ovviamente il rosso chiaro è adatto al giorno, quello scuro alla sera.
Scegliete un prodotto ad effetto matte: il gloss non fa parte de make up anni '20.
Per prima cosa ripassate il contorno labbra con una matita, sfumando verso l'interno: il vero segno distintivo delle flapper girls era infatti la bocca ad Arco di Cupido. Questo effetto si ottiene enfatizzando l'arco centrale del labbro superiore, applicando più rossetto appunto sulla curva esterna, lasciando il centro più roseo e sfumato.

Continua la lettura
44

Gli occhi

Il primo passo sono le sopracciglia: scuritele leggermente con una matita per sopracciglia, solo leggermente. Dopodiché applicate un velo di gel per tenerle in forma.
Il mascara è consigliato: tuttavia non deve avere un effetto drammatico, e potete usarne uno del colore delle vostre ciglia.
L'ombretto è forse il punto forte del vostro trucco!
Applicate un tocco di nero o di colore scuro sulla palpebra superiore, in modo da ottenere una zona intensamente colorata che faccia risaltare il colore degli occhi. Limitate i colori neri e scuri a questa striscia: dovrete sovrapporne un'altra più colorata in modo da abbinarla ai vostri occhi. Occhi azzurri e verdi vogliono ombretti dai toni acquatici, occhi castani vogliono invece toni floreali o autunnali. Per gli occhi neri o molto scuri scegliete toni rossastri o aranciati.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Make Up

Come realizzare un make-up anni ‘20

The roaring twenties: gli anni ruggenti. L'estetica e la moda di quei decenni hanno lasciato un segno indelebile nella storia del design e della moda, e quel tipo di look ci rimanda l'immagine di feste e serate alla Grande Gatsby. Quale ragazza non ha...
Make Up

Come realizzare un make up anni '50

Chi non conosce il detto "la moda ritorna"? Beh, di modi di dire ce ne sono tanti, ma questo fa assolutamente parte di quei motti evergreen, che non si smentiscono mai. Che sia solo una scusa per non liberarci dei nostri vecchi vestiti (nella speranza,...
Make Up

Il make up ideale per chi si avvicina ai 50 anni

Una cinquantenne di oggi deve sapere accettare lo scorrere del tempo, anche se spesso, molte donne lo ritengono angosciante. Spesso ci si sottopone a interventi di chirurgia plastica per correggere gli inestetismi più evidenti ma, troppo spesso ci si...
Make Up

Make up: trucco anni '70

Gli anni Settanta simbolo di libertà, pace, amore ed espressività sono un periodo abbastanza complesso sia da un punto di vista sociale che culturale. Ovviamente i cambiamenti a cui una società fino ad allora dominata da idee borghesi va incontro si...
Make Up

Come realizzare un make up da pin-up

Avete mai visto quei poster in cui appaiono delle belle ragazze con le gonne a pois e le bandane in testa? Sono le immagini delle pin-up anni Cinquanta che conservano sempre un certo fascino. Oggi si organizzano molte feste a tema e questi favolosi anni...
Make Up

Come realizzare un make up fluo

Il make up fluo andava molto di moda negli anni '80, ma di recente molte delle tendenze di quell'epoca sono ritornate di moda. Tra queste vi è proprio il trucco fluorescente. Per realizzarlo non serve essere dei make up artist di professione, ma basta...
Make Up

Come realizzare un nude make up

Il make up è fondamentale per moltissime donne. È oramai importante quanto l'abbigliamento o l'acconciatura. Nient'altro è in grado di valorizzare i lineamenti femminili come il trucco. Per questa ragione sono tantissime le donne che non rinunciano...
Make Up

Come realizzare un make-up stile zombie

Halloween è alle porte e i preparativi fervono. Per esaltare il tema, un make-up stile zombie è perfetto. I materiali che servono per poterlo realizzare sono semplici ed alla portata di tutti. Inoltre, con un minimo di manualità, il risultato si rivelerà...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.