Come realizzare un cappello da Fatina

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Che sia per una festa o per semplice divertimento, è bello creare qualcosa da sè, o perché no, insegnare ai nostri bambini a creali da soli divertendoci con loro. Ogni anno vengono proposti nuovi costumi, nuove maschere, ma ce ne sono alcuni che superano le mode del momento, che esistono da sempre. Ad esempio tutte le bambine si sono mascherate almeno una volta da fatina: hanno indossato un bell'abito colorato con delle belle decorazioni, immaginato di fare delle magie con la bacchetta. Naturalmente immancabile il cappello a punta. Se è vero che in commercio ce ne sono di ogni tipologia, forma e colore, è altrettanto vero che crearli da sé è maggiormente gratificante. Con questa guida spiegherò come realizzare un cappello da fatina in casa con materiali facilmente reperibili e soprattutto non costosi.

26

Occorrente

  • cartoncino
  • forbici
  • colla
  • nastrini
  • colori
  • brillantini
  • stoffa
  • ago e filo
36

Realizzare un cappellino da fata è semplicissimo e richiede pochissimi elementi. Prendete il cartoncino colorato, le misure ideali sono 50 per 70, ma l'importante è che riusciate a farne un cono ne troppo piccolo ne troppo grande.
A questo punto piegate il cartoncino per formare il cono in modo da fare una bella punta e chiudetelo con della colla. Tagliate con delle forbici la carta in eccesso nelle estremità. Fate un piccolo foro sulla punta per mettere dei nastrini o anche delle stesse filanti. I colori li scegliete voi in base anche a come decorerete il cappello.

46

Una volta terminata la fase iniziale della preparazione del cono, armatevi di fantasia e iniziate a decorare. Se avete usato un cartoncino che a voi sembra sottile, ritagliate tanti pezzi di giornale ed incollateli sul vostro cono per dargli maggiore consistenza. Una volta asciugato, iniziate a colorare. Se scegliete un colore unico, potrete ricoprire il vostro cappello con della porporina. Se invece volete usare più colori potete fare un cappello a righe (in tal caso con l' aiuto di un righello segnate le giuste distanze da una riga all" altra e la riga stessa, al fine di essere più precisi).

Continua la lettura
56

Se invece volete utilizzare della stoffa vi occorrono anche del tessuto colorato, ago e filo. Per questa tipologia dopo la solita preparazione della struttura in cartone tagliate la stoffa necessaria a ricoprire il cono prima di avvolgerlo. Cucite i lati e dopo di che rivestite il cono. Per tenerlo ben saldo sulla testa ed evitare che cada ad ogni piccolo movimento, fate due fori laterali a cui annodare le due estremità di un elastico, da far passare sotto al mento.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Accessori

Come realizzare un cappello per la laurea

Il cappello di laurea, o tocco, lo conosciamo tutti; è un berretto alto, cilindrico portato anticamente dagli uomini e oggi da giudici e avvocati quando indossano la toga. Quelli in vendita costano una decina di euro e non hanno nulla di speciale. È...
Accessori

Come realizzare un cappello da ragno

In occasione di una festa di Halloween o di Carnevale, oppure nel caso delle recite, bisogna necessariamente procurarsi un costume. Un contesto di questo tipo ci offre sempre un buono spunto per dare libero sfogo alla nostra creatività. Se siamo in cerca...
Accessori

Come realizzare un cappello di lana all'uncinetto

Il mondo dell'abbigliamento ci mette a disposizione, da diversi anni, varie opportunità per vestirci in modo adeguato per qualsiasi occasione. Tuttavia, c'è da dire che è praticamente impossibile essere veramente unici ed originali nel modo di vestire,...
Accessori

Come realizzare un cappello orientale

I cappelli orientali hanno origine nel Sud Est Asiatico e sono realizzati interamente con la paglia. La loro tesa larga è stata progettata per proteggere i lavoratori sul campo dal sole e dalla pioggia, anche se spesso venivano immersi in acqua e poi...
Accessori

Come realizzare un cappello vietnamita

Il "Non la" è il cappello tradizionale vietnamita. Esso ha una forma conica legato al sottomento tramite una fascetta, realizzato in semplici materiali e alla portata di tutti come il bambù, la paglia, la corteccia di albero Moc, o le foglie di palma....
Accessori

Come pulire un cappello di foglie di palma

Quando si affrontano dei viaggi di vacanza è facile cadere nella tentazione dell'acquisto di un cappello di foglie di palma, tipico dei paese assolati del Sud America. La nascita di questo cappello è dovuta a persone piuttosto povere che erano costrette...
Accessori

5 consigli per indossare il cappello con stile

Il cappello è un accessorio ormai di uso comune nella nostra società, ma questo di certo non significa che tutti lo indossino con stile. Molti infatti lo usano per pura comodità o convenienza, senza pensare che fa parte del nostro abbigliamento e come...
Accessori

Come costruire un cappello a cilindro steampunk

Lo steampunk è un settore della narrativa fantastica o fantascientifica caratterizzato dall'introduzione di una tecnologia anacronistica all'interno di un'ambientazione spesso ottocentesca. In particolare viene privilegiata la Londra vittoriana. In questa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.