Come liberarsi velocemente del cuoio capelluto secco

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La secchezza del cuoio capelluto è un problema più diffuso di quanto si possa pensare. Le cause scatenanti sono davvero molteplici e, questa problematica, comporta spesso con sé anche la comparsa della famosa "forfora secca", ossia una maggiore desquamazione del cuoio, che risulta troppo poco idratato. Tutto ciò, oltre a risultare fastidioso a causa del prurito che ne scaturisce e della sensazione di costante disagio, è anche fonte di grande insicurezza dovuta alla dequamazione visibile sul capo e suoi propri vestiti, soprattutto dopo lo shampoo. Purtroppo, quando la produzione di sebo è scarsa, i capelli mostrano gli effetti della sua secchezza con questi sintomi così fastidiosi. Se vi ritrovate in una situazione simile, probabilmente questa guida è proprio ciò che fa per voi. Oggi siamo qui proprio per illustrarvi quali possono essere le cose da fare per attutire e risolvere questo problema tanto fisico che estetico, ecco la guida dedicata a come liberarsi velocemente del cuoio capelluto secco.

26

Occorrente

  • Farina di granoturco, farina di riso, zucchero, olio di oliva, oli essenziali di: rosmarino, tea tree, limone e jojoba
36

Effettuare uno scrub

Prima di tutto, per iniziare ad agire su un cuoio capelluto particolarmente secco, potrebbe essere un'ottima idea quella di effettuare uno scrub profondo sul cuoio: questo servirà, infatti a far staccare tutta la forfora presente e le cellule epiteliali morte, donando subito una sensazione di immediata freschezza, pulizia e benessere. Sebbene in commercio, nei supermercati o nei negozi specializzati in prodotti per parrucchieri, è possibile trovare numerosi scrub di svariata natura e azione, è fondamentale scegliere nel modo corretto. Scegliete prodotti biologici con un buon INCI che siano effettivamente delicati e che non presentino sostanze chimiche troppo aggressive che andrebbero a sregolare ulteriormente il sebo aumentando sia la produzione di forfora che la secchezza del cuoio. In alternativa possiamo creare noi un buono scrub con alcuni ingredienti che abbiamo in casa: questo ci permetterà di ottenere gli stessi risultati a costi molto più contenuti e con prodotti naturali e sani. Potremmo crerare, ad esempio, un esfoliante valido unendo allo shampoo abituale un cucchiaio di farina di granturco macinata molto finemente, della farina di riso o dello zucchero, creare una pappetta e massaggiare con il composto tutto il cuoio capelluto per alcuni minuti con movimenti circolari e delicati. Lasciare in posa per qualche minuto e dunque procedere al lavaggio.
Un altro scrub casalingo interessante prevede di miscelare qualche cucchiaio di olio d'oliva a 2 cucchiaini di zucchero, massaggiate delicatamente l'emulsione così ottenuta su tutta la cute e poi procedete con il normale shampoo.

46

Scegliere uno shampoo neutro biologico

Come abbiamo accennato precedentemente, il cuoio secco dipende da un problema di seboregolazione (il cuoio produce troppo poco sebo, compare quindi il prurito e la cute si infiamma per poi squamarsi). Dobbiamo cercare allora di riequilibrare l'attività sebacea della cute seguendo questi piccoli accorgimenti. Uno di questi riguarda la scelta del proprio shampoo: scegliete shampoo delicati, possibilmente biologici in quanto, l'assenza di agenti chimici, non può che favorire la rinascita di un cuoio capelluto sano e seboregolato; gli agenti chimici infatti possono irritare e seccare ulteriormente il cuoio.

Continua la lettura
56

Effettuare impacchi con oli essenziali

Altri validi alleati sono i preparati di oli essenziali. Ad esempio potete aggiungere allo shampoo 10 gocce di olio essenziale di rosmarino, 10 gocce di olio di tea tree e 5 gocce di olio essenziale di limone. Con questo composto lavate i capelli lasciando il prodotto in posa per circa 2 minuti. Il risultato è un cuoio capelluto più sano e idratato. Per un'azione ancora più efficace preparate un impacco composto da 1 cucchiaio da minestra di olio di jojoba , 4 gocce di olio essenziale di lavanda e 4 gocce di olio essenziale di rosmarino. Prima dello shampoo dunque, effettuate questi impacchi massaggiando delicatamente la cute fino a che il composto realizzato non sarà cosparso omoegenamente su tutto il capo e completamente assorbito. Consigliamo di lasciare agire il prodotto per un'ora oppure di effettuare l'impacco la sera prima di mettersi a letto e di lasciare agire tutta la notte per un'azione ancora più profonda e risultati visibli sin dalla prima applicazione. Infine, se il problema non è molto grave e il tempo a vostra disposizione è davvero poco, esistono in commercio alcuni shampoo appositamente studiati per la forfora secca, non sono eccessivamente costosi, ma garantiscono ugualmente discreti risultati.

Coccolate i vostri capelli e loro vi ripagheranno con una salute mai vista.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Lavaggi eccessivamente frequenti e con prodotti aggressivi possono aggravare il problema

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Capelli

Come idratare il cuoio capelluto

Il cuoio capelluto ha continuamente bisogno di essere curato e, soprattutto, idratato, specialmente se si ha una pelle particolarmente secca, in quanto potrebbe presentarsi il fenomeno della desquamazione. Le principali cause che determinano la secchezza...
Capelli

Come nutrire il cuoio capelluto

Tutti noi vorremmo avere una chioma folta e lucente ma, spesso, ignoriamo che queste caratteristiche dipendono soprattutto dalla buona salute del nostro cuoio capelluto. I capelli, infatti, fondano la propria radice nel cuoio capelluto, ed è da lì che...
Capelli

Come trattare la secchezza del cuoio capelluto

Il cuoio capelluto, esattamente come la pelle, può risentire di vari fattori ed avere problemi di idratazione che comportano secchezza delle cute e talvolta forfora e prurito. Sia la pelle che il cuoio capelluto devono avere uno strato idrolipidico a...
Capelli

Come realizzare una maschera per il cuoio capelluto

Il cuoio capelluto svolge all'interno del corpo la funzione importantissima di proteggere il cervello, non solo attraverso la produzione dei capelli ma anche attraverso processi di termoregolazione, che filtrano i raggi solari e impediscono la dispersione...
Capelli

Cuoio capelluto sensibile: 5 errori da evitare

Avere capelli belli, brillanti e splendenti presuppone un'ottima salute del cuoio capelluto: è qui infatti che i nostri capelli hanno origine, qui che sono presenti i bulbi piliferi da cui poi dipenderanno bellezza e salute delle nostre chiome. Il cuoio...
Capelli

Come fare il massaggio al cuoio capelluto

Avere un taglio di capelli all'ultima moda oppure uno chignon elegante e raffinato rappresentano un biglietto da visita molto importante per tutte quelle posizioni lavorative, in cui è indispensabile avere una buona presenza, per cui è molto importante...
Capelli

Come fare uno scrub rigenerante del cuoio capelluto

Come si fa per viso e corpo, in alcuni casi, è necessario fare uno scrub anche sulla zona ricoperta dal cuoio capelluto, soggetta spesse volte a traumi causati da stress o da una eccessiva collocazione ai raggi solari e allo smog.Con il peeling (o scrub)...
Capelli

Come avere un cuoio capelluto sano con l'olio di mandorle

L'olio di mandorla è conosciuto sin dai tempi antichi da sempre per i suoi effetti salutari e era usato dai Romani che lo fecero conoscere a tutti i popoli conquistati. Oggi, è aggiunto a preparati emollienti, ristrutturanti e lubrificanti per la preparazione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.