Come fare uno scrub rigenerante del cuoio capelluto

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Come si fa per viso e corpo, in alcuni casi, è necessario fare uno scrub anche sulla zona ricoperta dal cuoio capelluto, soggetta spesse volte a traumi causati da stress o da una eccessiva collocazione ai raggi solari e allo smog.
Con il peeling (o scrub) tutto questo si può evitare, perché fa si di eliminare tutte le cellule morte e al contempo di provvedere all'espulsione dell'eccesso di sebo, che causa la caduta del capello, soffocandone la ricrescita.
Vediamo quindi come fare in pochi semplici passi un peeling in grado di rigenerare il vostro cuoio capelluto, usando soprattutto prodotti a base naturale.
Buona lettura.

26

Occorrente

  • ciotola, olio di oliva, zucchero,miele, pennello, balsamo per capelli
  • Componenti aggiuntivi: rosmarino, olio essenziale di lavanda
36

Vediamo dunque, in questa brevissima, semplicissima e splendida guida come realizzare uno scrub che vi consentirà di concedere di nuovo forza e lucentezza ai vostri capelli rovinati.
Iniziamo dall'occorrente: tutto ciò che vi serve si trova con molta facilità sugli stipetti della vostra casa o può comunque essere facilmente trovabile nei supermercati e nei negozi di alimentari più vicini a casa vostra:
Olio extravergine di oliva, zucchero, miele, una ciotola, un pennello (preferibilmente quello utilizzato per applicare la 'tintura') e del comunissimo balsamo per capelli.

46

Per prima cosa bisogna versare all'interno della ciotola tre cucchiai pieni di zucchero, un cucchiaio raso di miele, l'olio extravergine di oliva e una discreta quantità di balsamo per capelli.
È bene evidenziare come non vada aggiunta acqua in alcun caso, anche qualora ci si trovasse dinanzi ad un composto eccessivamente appiccicoso; è invece consigliatissima, l'aggiunta di un'altra piccola quantità di balsamo. A quest'ultimo passo, va infatti ricordato che il vostro scopo è quello di ottenere un composto abbastanza 'cremoso' alquanto densa e non una soluzione liquida.

Continua la lettura
56

Dopo aver mescolato correttamente la crema con l'apposito pennello, ottenendo quindi un composto più omogeneo possibile, si provvederà ad applicare uniformemente la crema su tutto il cuoio capelluto e a massaggiare compiendo dei delicati ma frequenti movimenti circolari con le dita (ciò aiuterà ad eliminare tutte le cellule morte persistenti). Dopo aver massaggiato per circa cinque minuti, si effettuerà il risciacquo con acqua tiepida abbondante, senza usare shampoo o balsamo. A questo composto si possono aggiungere del rosmarino (se si esige il rinforzo del capello) o dell'olio essenziale di lavanda (aiutando la purificazione della cute).

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Capelli

Come trattare la secchezza del cuoio capelluto

Il cuoio capelluto, esattamente come la pelle, può risentire di vari fattori ed avere problemi di idratazione che comportano secchezza delle cute e talvolta forfora e prurito. Sia la pelle che il cuoio capelluto devono avere uno strato idrolipidico a...
Capelli

Come realizzare una maschera per il cuoio capelluto

Il cuoio capelluto svolge all'interno del corpo la funzione importantissima di proteggere il cervello, non solo attraverso la produzione dei capelli ma anche attraverso processi di termoregolazione, che filtrano i raggi solari e impediscono la dispersione...
Capelli

Cuoio capelluto sensibile: 5 errori da evitare

Avere capelli belli, brillanti e splendenti presuppone un'ottima salute del cuoio capelluto: è qui infatti che i nostri capelli hanno origine, qui che sono presenti i bulbi piliferi da cui poi dipenderanno bellezza e salute delle nostre chiome. Il cuoio...
Capelli

Come trattare il cuoio capelluto secco

Il cuoio capelluto secco può presentare diversi tipi di cause, spesso legate allo stile di vita oppure a problemi cutanei. Pochi semplicissimi ingredienti naturali possono aiutare a trattare questo genere di fastidio, riportando il cuoio capelluto alle...
Capelli

Come idratare il cuoio capelluto

Il cuoio capelluto ha continuamente bisogno di essere curato e, soprattutto, idratato, specialmente se si ha una pelle particolarmente secca, in quanto potrebbe presentarsi il fenomeno della desquamazione. Le principali cause che determinano la secchezza...
Capelli

Come nutrire il cuoio capelluto

Tutti noi vorremmo avere una chioma folta e lucente ma, spesso, ignoriamo che queste caratteristiche dipendono soprattutto dalla buona salute del nostro cuoio capelluto. I capelli, infatti, fondano la propria radice nel cuoio capelluto, ed è da lì che...
Capelli

Come curare il cuoio capelluto

Ogni parte del nostro corpo ha bisogno della giusta cura e di attenzione per garantirne il suo benessere. Purtroppo, molto spesso, ci soffermiamo solo sulle zone che sono visibili, come ad esempio i capelli, trascurando quelle che sono in posti più nascosti....
Capelli

Come trattare un eczema al cuoio capelluto

L'eczema è un problema della pelle che interessa diverse parti del corpo. Se colpisce le zone interne delle ginocchia o delle braccia, viene trattato con prodotti specifici. Allo stesso modo, è il medico a indicare il trattamento migliore quando colpisce...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.