Come fare una crema alla canfora per le gambe

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

L'olio di canfora è da sempre usato nella preparazione di creme ed unguenti per alleviare il dolore alle gambe, gonfiore e pesantezza grazie alle sue proprietà disinfiammanti e balsamiche. È anche molto utile prima dello sport per prevenire crampi, contusioni, slogature e tensioni muscolari. In questa esauriente guida vi insegno come fare una crema alla canfora per le gambe. Questo unguento richiede pochi ingredienti ed è di facile preparazione. Si conserva fino a tre mesi, se custodita al riparo dai raggi solari e dal calore diretto. Se non avete a disposizione l'olio di mentolo potete sostituirlo con olio essenziale di rosmarino.  

24

I grammi

Prendete dieci o venti grammi di canfora (a seconda della quantità di crema che desiderate preparare), badando che sia canfora di ottima qualità poiché in commercio talvolta si trovano dei sottoprodotti che risultano inefficaci, se non addirittura dannosi. Rivolgetevi quindi ad un rivenditore serio. Mescolate la canfora con duecento grammi di olio purissimo di mostarda (lo trovate nelle migliori erboristerie o su internet). Mischiate molto bene i due ingredienti e metteteli infine dentro una bottiglia di vetro, che chiuderete bene per non fare penetrare aria al suo interno.

34

I raggi del sole

Mettete la bottiglia esposta ai raggi solari, o in alternativa, vicino ad una fonte di calore come il termosifone, in modo che la canfora si sciolga molto bene. Quando la canfora si è dissolta completamente, aggiungete cinque gocce di olio di cocco, dieci gocce di olio essenziale di mentolo, e scuotete di nuovo la bottiglia. A questo punto unite al composto trenta grammi di crema base neutra e mescolate molto bene con un cucchiaio in modo da unire la componente acquosa con quella grassa.

Continua la lettura
44

La crema

Badate che tutti gli ingredienti siano ben amalgamati. Se potete, utilizzate un frullino manuale, in modo da ottenere un composto molto liscio ed uniforme. Se la crema risulta troppo liquida, aggiungete un cucchiaio in più di crema base. Per terminare, unite alla crema alla canfora che avete appena preparato tre gocce di olio essenziale di lavanda, per conferirgli un buon profumo ed un effetto distensivo e rilassante. Mischiate ancora una volta e riponete la crema in un vasetto pulito ed asciutto di vetro scuro, che dovrà restare sempre riparato dalla luce. Massaggiate le gambe con questa crema tutte le sere, insistendo sui punti più doloranti delle articolazioni. Se le gambe sono particolarmente pesanti potete rinnovare l'applicazione anche al mattino.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura del Corpo

Come ridurre al minimo le cicatrici

Quando si fa sport, o si ha una vita piuttosto movimentata, non è infrequente avere dei piccoli infortuni che possono provocare in alcuni casi delle ferite, che se non curate come si deve possono originare delle cicatrici permanenti sul nostro corpo....
Make Up

Come rendere le labbra voluminose con il trucco

La bellezza di una donna si riconosce in ogni singolo dettaglio del proprio corpo. Ad esempio le labbra voluminose e seducenti possono essere veramente attraenti. L'interlocutore resterà sicuramente incantato di fronte ad una bocca affascinante e truccata...
Cura del Corpo

Come curare gli inestetismi della pelle

La pelle, soprattutto quella delle donne, può essere colpita da diversi inestetismi. Tra questi spiccano sicuramente la cellulite, i nei e macchie di vario genere, che possono alterarne la bellezza e l'uniformità. Fortunatamente, però, ad ogni problema...
Cura del Corpo

Come fare un pediluvio ai fiori di melissa

La Melissa officinale, conosciuta anche come Citronella, è una pianta erbacea perenne da sempre molto utilizzata in erboristeria, sia a scopi curativi, per uso interno ed esterno, che per la preparazione di candele ed oli, dal caratteristico odore (simile...
Accessori

Come riconoscere l'avorio naturale da quello sintetico

L'avorio rappresenta il materiale tratto principalmente dalle zanne dell'elefante, africano o asiatico che sia. Si può parlare di avorio, in modo improprio, anche quando ci si riferisce ai denti di altri animali, tra cui annoveriamo l'ippopotamo ed il...
Cura del Corpo

Come attenuare il rossore post ceretta

In qualunque momento dell'anno, per le donne è davvero molto importante avere gambe perfettamente lisce da sfoggiare, che sia per una giornata in spiaggia o per indossare una minigonna. La ceretta è sicuramente il metodo più economico e di gran lunga...
Cura del Corpo

Come realizzare una crema deodorante per i piedi

Dopo una lunga giornata di lavoro togliere le scarpe è una liberazione per i piedi, ma spesso l'odore che emanano è insopportabile. Infatti, quando teniamo le scarpe per parecchie ore, l'eccessiva sudorazione causa la formazione di batteri maleodoranti....
Prodotti di Bellezza

Come creare il proprio lucidalabbra

Siamo così abituati ad acquistare prodotti per il nostro corpo al supermercato, piuttosto che in profumeria, da non renderci conto di quanto sia semplice, in realtà, creare gli stessi in casa nostra, risparmiando sulla spesa e soprattutto utilizzando...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.