Come fare un impacco per i capelli all' aceto di mele e acqua di rose

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Il sogno di ogni donna è di avere capelli sempre perfetti e lucenti. Purtroppo, però, molte persone hanno capelli grassi, a tendenza seborroica. Questi tendono a sporcarsi troppo facilmente, a causa della formazione di forfora. La conseguenza è che si ha la necessità di doverli lavare molto frequentemente, rischiando di portare alla secchezza delle punte a causa del phon. Per eliminare la forfora ci sono dei prodotti specifici, ma essi possono irritare le cuti più sensibili. La soluzione può essere l'utilizzo di un impacco naturale. Se volete sapere come fare un impacco per i capelli all' aceto di mele e acqua di rose, questa guida fa per voi.

24

Occorrente

Per preparare il vostro impacco è necessario un pentolino, acqua quanto basta, circa 300 grammi di petali di rosa e tra le 10 e le 15 gocce di aceto di mele.
I petali di rosa si possono trovare già essiccati in erboristeria. In alternativa potrete comprare dell'acqua di rose già confezionata.

34

Procedimento

Facciamo bollire un po' di acqua (circa 1 litro) in un pentolino. Una volta giunto ad ebollizione, versiamo i petali di rosa. Lasciamo bollire ancora per un minuto circa. Una volta tolto il pentolino dal fuoco, filtriamo il liquido con un colino e versiamolo poi in un barattolo di vetro, meglio se con chiusura ermetica. Dopo averlo lasciato riposare per circa due ore, aggiungiamo 10-15 gocce di aceto di mele. A questo punto, mescoliamo bene i due ingredienti, in modo da togliere la fragranza dell'aceto. Possiamo correggere la profumazione dell'impacco versando nel barattolo qualche goccia di olio essenziale di rosmarino. Quest'ultimo, oltre al buon odore, potenzia l'effetto degli altri ingredienti già presenti. In seguito, mescoliamo di nuovo per amalgamare il tutto. Il vostro prodotto naturale è ora pronto per l'applicazione sulla vostra cute.

Continua la lettura
44

Applicazione

Per l'applicazione dell'impacco, bisogna utilizzare un dischetto struccante o un batuffolo di cotone imbevuto nella soluzione. Dopo aver strizzato bene il cotone, frizioniamo leggermente su tutto il cuoio capelluto, ma con maggiore insistenza sulle zone più unte. Teniamo il prodotto sul cuoio capelluto il più possibile, anche per tutta la notte, se possibile. Trascorso il tempo necessario, risciacquiamo con cura e laviamo i capelli; occorre ripetere il trattamento una o due volte a settimana. L'acqua di rose è importante per lenire le irritazioni, in questo caso sia del cuoio capelluto, sia della pelle, provocate dalla forfora. L'aceto di mele, invece, serve per riequilibrare l'eccesso di sebo e per tenere sotto controllo l'untuosità del cuoio capelluto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Capelli

Come mantenere sani e lucidi i capelli con l'aceto di mele

La cura del proprio corpo, è sicuramente un qualcosa di fondamentale importanza. In moltissimi infatti sono i metodi che abbiamo a disposizione per curare la nostra immagine, che vanno dal seguire una dieta equilibrata e fare della sana attività fisica,...
Capelli

Come rinvigorire i capelli con impacchi all'aceto

Molteplici sono le cause che quotidianamente rendono i capelli spenti, sfibrati e fragili (come il phon, la piastra, lo stress, gli agenti atmosferici e l'inquinamento ambientale): oltre ai prodotti già pronti all'uso esistenti sul mercato, esistono...
Capelli

Come utilizzare l'aceto di mele

L'aceto di mele è un prodotto molto diffuso al giorno d'oggi non solo in campo culinario ma anche in numerosi altri campi. Sono moltissimi infatti gli usi che se ne possono fare: esso possiede numerose proprietà che possono aiutarci nella vita di tutti...
Capelli

Come preparare uno shampoo purificante al bicarbonato e aceto di mele

Abbiamo dei capelli piuttosto grassi e non riusciamo a trovare un prodotto cosmetico in grado di risolvere il problema? La soluzione ideale potrebbe arrivare dalla natura. Negli ultimi anni, l'autoproduzione (soprattutto dei prodotti di bellezza) ha avuto...
Capelli

Come fare un impacco per capelli alla menta

I capelli sono la parte più importante e curata di ogni donna, e prendersene cura è un loro cruccio. Ogni giorno infatti spendono soldi alla ricerca prodotti naturali e non nocivi con i quali curarli. Smog, stress e agenti atmosferici sono i principali...
Capelli

Come fare un buon impacco per capelli ricci e crespi

Chi ha i capelli ricci, ha un rapporto di amore/odio con la propria chioma, poiché questa tipologia di capello, a dispetto della parvenza naturale e selvaggia, in realtà è di molte pretese in quanto a cura e manutenzione. I capelli ricci sono voluminosi,...
Capelli

Come lavare i capelli grassi con l’aceto

Per la cura dei nostri capelli, sul mercato sono presenti innumerevoli tipologie di prodotti, creati appositamente per soddisfare tutte le nostre esigenze. Con l'aiuto di questi prodotti è possibile ottenere chiome lucide e molto morbide al tatto. Detto...
Capelli

Come fare un impacco per districare i capelli

Non è poi così raro svegliarsi la mattina con i capelli completamente intrecciati. Specie per chi possiede i capelli lunghi, districare la propria chioma solo con un pettine può essere fastidioso e doloroso. Perciò la cosa migliore è aiutarsi con...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.