Come Fare Un Detergente All'Ippocastano E Centella

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Un detergente comune è composto da insieme di sostanze in povere o liquide che hanno il fine di pulire la nostra pelle dalle varie impurità.
Sebbene i moderni detergenti nascano molto indietro nel tempo, la loro immensa diffusione inizia solo dopo la Seconda Guerra Mondiale. Ma i primi detersivi crearono non piccoli problemi di inquinamento in quanto la loro formulazione non prevedeva la biodegradabilità. Inoltre alcuni componenti creavano una serie di problemi, come ad esempio il fosfato di sodio che favoriva l'eutrofizzazione e che fu sostituito nelle formulazioni dalle zeoliti; oppure vi erano alcuni componenti chimiche che creavano irritazioni o allergie alle pelli più sensibili. Negli ultimi anni si è registrato un'importante flusso di auto-produzione che avviene sia per motivi economici ma soprattutto ecologici. In questa semplice ed intuitiva guida sarà illustrato in maniera chiara come fare un detergente all'ippocastano e centella, prodotto in modo sano e con le proprie mani. Buon lavoro!

26

Occorrente

  • Ippocastano foglie 100 gr.
  • Centella 100 gr.
  • Yogurt bianco 500 cl.
  • Olio di mandorle 20 cl.
  • Olio di rosa 20 gocce
36

Per la preparazione del detergente è necessario innanzitutto procurare le foglie delle due piante; si trovano anche in erboristerie o nei migliori negozi di piante. Dopo ciò, bisogna metterle a macerare per un'intera giornata in acqua distillata, con olio di mandorle, per farle ammorbidire. Così facendo, il giorno seguente, le foglie saranno più facili da lavorare ed essere quindi pestate in un mortaio. Facendo tale operazione ne ricaveremo un liquido molto profumato.

46

A questo punto, in un tegame versiamo dello yogurt bianco con un po' di olio di mandorle ed olio di rose e lo mescoliamo con un cucchiaio di legno per circa cinque minuti. Si può aggiungere eventualmente un altro po' di olio di mandorle, se il prodotto risulta essere troppo denso. Dopo aver raggiunto il giusto equilibrio, bisogna cuocerlo per pochi minuti a fiamma abbastanza moderata.

Continua la lettura
56

Terminata l'operazione del riscaldamento e poi del relativo raffreddamento, travisiamo in liquido in una bottiglia di vetro avendo l'accortezza di conservare il detergente ottenuto sempre in frigo. Il prodotto va utilizzato tutte le sere con un batuffolo di ovatta per struccare la pelle del viso. L'applicazione inoltre, favorisce la micro-circolazione ed è anche adatta per pelli sensibili e molto delicate che tendono alla secchezza. Rimarrete quindi stupiti di come con semplici mosse si può realizzare il detergente perfetto per le vostre esigenze.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • guardate i vari tutorial presenti su internet

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Make Up

Come preparare in casa un latte detergente adatto al tuo tipo di pelle

Detergersi il viso è molto importante per mantenere una pelle bella e sana. Alcuni studi hanno infatti dimostrato che andare a letto senza essersi pulite bene il viso, fa sembrare la pelle molto più vecchia.In commercio si trovano svariate tipologie...
Make Up

Trucco camouflage: guida ai prodotti

Il camouflage maschera inestetismi temporanei o cicatrici permanenti. Il trucco, psicologicamente terapeutico, camuffa con successo acne, couperose, psoriasi nonché danni da interventi estetici. Tuttavia, viene largamente impiegato anche in cinematografia....
Make Up

Come Rimuovere Un Body Paint

Al giorno d'oggi, l'arte si sta espandendo in tutti i campi, e negli ultimi anni l'arte del body painting si è andata sempre di più diffondendosi, fino a diventare ormai una moda. Molti infatti, sono i modelli e le modelle che prestano i loro corpi...
Make Up

Come struccarsi correttamente

Una delle parti del nostro corpo più delicate da trattare e più esposte a danni dovuti a una scarsa oppure a una inadeguata cura è sicuramente la pelle del viso. Questa, infatti, viene frequentemente attaccata dagli agenti atmosferici e dall'inquinamento,...
Make Up

Pelle grassa: come trattarla

Prendersi cura della propria pelle è importante, a qualunque età. Avere una pelle liscia e compatta è il sogno di tutte. Per raggiungere tale obiettivo bisogna adottare il trattamento più adeguato al proprio tipo di epidermide. Chi ha la pelle grassa...
Make Up

Come struccare perfettamente viso e occhi

Alla sera è fondamentale struccarsi, togliendo così tutte le tracce di trucco che noi donne ci mettiamo in viso; togliere il trucco ci permette di avere una pelle più liscia e più giovane e di svegliarci il giorno dopo con un bel aspetto. Struccarsi...
Make Up

Come rendere la pelle luminosa

Prendersi cura di sé è una delle cose più belle che si possano fare.Tra le tante cure che dobbiamo avere per noi c'è la cura del viso, della pelle del nostro viso.Il viso è ua parte particolarmente esposta di noi, è il nostro primo biglietto da...
Make Up

I vantaggi dello struccante bifasico viso e occhi

L'importanza di struccarsi alla sera, è nota ormai a tutti.ub">Vale comunque la pena ricordare, che detergersi e struccarsi significa liberare dalla nostra pelle trucco e residui ma vuol dire anche liberare i pori da batteri e impurità che durante il...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.