Come eliminare i pidocchi

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Contrariamente alle credenze popolari, il contagio non avviene per scarsa igiene personale o degli ambienti, né per trasmissione a carico di animali a pelo lungo. Esso è dovuto al contatto diretto e allo scambio di sciarpe, indumenti vari, spazzole, peluche, che consentono all'insetto di attaccarsi al capello e nutrirsi attraverso la cute. Lontano dal sangue muoiono entro 2-3 giorni. Eliminare i pidocchi è un'operazione che richiede solo molta pazienza e costanza. Vediamo di seguito cosa fare. Sarà sufficiente far capire loro che i pidocchi proliferano nelle aree chiuse ed affollate come scuole, oratori, colonie e che bisogna evitare il contatto diretto dei propri capelli con quelli dei compagni; non scambiare mai indumenti personali come sciarpe, berretti, maglie, giubbotti, o peggio ancora pettini, spazzole, fermagli o cerchietti.

26

Occorrente

  • pettinino a denti fitti
  • spray antiparassitario
36

I pidocchi sono dei piccoli parassiti di colore bianco-grigio che colpiscono principalmente le teste dei bambini in età scolare. L'infestazione, detta pediculosi, si manifesta con la comparsa di lendini (uova) sul cuoio capelluto dall'aspetto molto simile alla forfora e con un accentuato e fastidioso prurito esteso al collo e dietro le orecchie. Al primo allarme di infestazione, è importante ispezionare meticolosamente e quotidianamente il cuoio capelluto del bambino, servendovi di un pettine a denti fitti ed eventualmente l'ausilio di una lente di ingrandimento, facendo attenzione in particolare alla nuca e dietro le orecchie dove solitamente si annidano le lendini. Il taglio dei capelli non è una soluzione al problema, anche se rende la fase di rimozione delle uova molto più agevole rispetto ad una chioma folta e lunga.

46

Dopo il normale shampoo, applicate su tutta la cute un prodotto specifico antiparassitario, facilmente reperibile in farmacia, seguendo la posologia indicata dal pediatra. Continuate la cura per i 7-10 giorni successivi al contagio, per scongiurare ogni possibilità di ricomparsa.

Continua la lettura
56

È fondamentale che tutti gli oggetti, i peluche, la biancheria (comprese lenzuola e guanciali), gli indumenti che sono entrati in contatto con il bambino, vengano lavati ad elevate temperature (quando possibile) o isolati per 4-5 giorni in sacchi ermetici. Le spazzole ed i pettini dovranno essere immersi in una bacinella di acqua bollente e sapone per i piatti, per almeno un'ora. Controllate che altri membri della famiglia non siano stati contagiati ed educate i vostri figli a prevenire la pediculosi con dei semplici accorgimenti.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Disinfettare tutti gli indumenti, la biancheria ed i peluche a 60°

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Capelli

Come eliminare i pidocchi

Contrariamente alle credenze popolari, il contagio non avviene per scarsa igiene personale o degli ambienti, né per trasmissione a carico di animali a pelo lungo. Esso è dovuto al contatto diretto e allo scambio di sciarpe, indumenti vari, spazzole,...
Capelli

I migliori rimedi per rimuovere i pidocchi

I pidocchi sono un problema molto diffuso soprattutto nei bambini. Questi parassiti attaccano il cuoio capelluto deponendo anche le loro uova e moltiplicandosi. Ci sono diverse soluzioni per rimuovere i pidocchi in modo definitivo sia nei bambini che...
Capelli

Come prevenire i pidocchi in modo naturale

I pidocchi sono insetti molto piccoli, difficilmente visibili ad occhio nudo. Di colore grigio-bianco, infestano il cuoio capelluto. Lasciano sulla cute una sostanza liquida pruriginosa per una migliore adesione al capello. La riproduzione dei pidocchi...
Capelli

Come combattere i pidocchi

A ciascuno di noi, almeno una volta nella vita sarà capitato di avere a che fare con i pidocchi, specie in età scolare. Generalmente la causa dei pidocchi non è sempre sinonimo di mancata pulizia anzi al contrario questi nocivi parassiti trovano terreno...
Capelli

Come creare uno shampoo anti-pidocchi

Ogni anno quando inizia la scuola la preoccupazione di noi genitori è rivolta ad un pericolo che è sempre in agguato ovvero il diffondersi della pediculosi, che nello specifico significa infezione da microbi e parassiti meglio conosciuti in gergo come...
Capelli

Come eliminare l'odore di frittura dai capelli

Chi cucina sa benissimo che significa stare davanti ai fornelli e, quando capita di friggere pesci o altro cibo inevitabilmente sia quello che indossiamo che la nostra pelle si impregna di questo odore di frittura che poi diventa nauseante. Tuttavia anche...
Capelli

Come eliminare il cloro dai capelli

Il cloro è una sostanza chimica che viene anche usata come disinfettante nelle piscine per assicurare un'acqua pulita e compatibile con l'alta frequentazione dei nuotatori, specie durante l'estate.Tuttavia il cloro si attacca inevitabilmente ai capelli...
Capelli

Come eliminare l'effetto crespo dai capelli ricci

I capelli ricci sono difficili da guarire e richiedono particolari attenzioni, dallo shampoo fino alla piega. Molto spesso, coloro che hanno questo genere di capigliatura si trovano a dover fronteggiare uno sgradevole problema. L'effetto crespo determina...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.