Come conservare i semi di lino

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il lino è una pianta originaria dell'Asia, che viene coltivata dai tempi più remoti in tutto il mondo. Ne esistono tantissime varietà, che vengono utilizzate sia come un fiore decorativo, che per alcune trasformazioni industriali e di carattere medico. La riproduzione avviene a mezzo di semi, ed è proprio a riguardo di quest'ultimi, che consigliamo come conservare quelli di lino. I semi di lino si utilizzano anche in ambito culinario, basti pensare alla farina ed all'olio che si ricavano da questi prodotti. Le principali funzioni mediche riguardano le proprietà lassative, oppure un importante azione antinfiammatoria o emolliente. Non da meno, è la proprietà di contrastare l'innalzamento dei livelli di glucosio nel sangue, grazie alla presenza degli Omega 3. In questa guida ci occuperemo, pertanto, di spiegare come conservare i semi di lino.

24

I semi di lino, normalmente, vengono conservati essiccandoli, ed il sistema migliore è quello di stenderli su delle graticole di paglia, oppure su dei canestri rovesciati. Per una buona riuscita dell'operazione, si può tuttavia procedere con la conservazione in barattoli di vetro o di ceramica, purché siano puliti e soprattutto sterilizzati. I barattoli con i semi devono essere accuratamente conservati in un luogo fresco ed asciutto, e con una buona frequenza devono essere aperti e controllati, in modo da visualizzare se sono stati intaccati da insetti o da muffe. In quest'ultimo caso, se la conservazione presenta degli scopi medicinali, i semi devono essere eliminati, onde evitare che possano danneggiare la salute.

34

Se i semi di lino sono conservati per farli riprodurre nella stagione adeguata, è necessario raccoglierli e mantenerli all'asciutto fino al momento di collocarli in un semenzaio, per farli germinare oppure per piantarli a dimora. Una volta che i semi germogliano, danno vita a dei fiori particolarmente colorati di un colore viola pallido, da cui si estraggono delle sostanze abbastanza importanti per la realizzazione dei medicinali. Tuttavia, dobbiamo precisare che l'essiccazione rappresenta uno dei sistemi di conservazione più valido, in quanto mantiene inalterati i principi attivi contenuti nei semi stessi. Nel caso specifico del lino, visti i suoi utilizzi, quest'accorgimento si rivela di fondamentale importanza.

Continua la lettura
44

I semi di lino, per essere conservati nel migliore dei modi, devono essere raccolti prima della completa maturazione e successivamente fatti essiccare. Una volta che tutto questo avviene in modo corretto, si può preparare la farina di lino, con la quale, oltre a realizzare delle pappine, si possono curare le infiammazioni di ogni genere, come gli accessi e le gastroenteriti. Per gli amanti della coltivazione del lino, è doveroso precisare che la conservazione dei semi necessita, come già accennato in fase di introduzione, di un semenzaio che deve contenere della sabbia fine e del terriccio, ed una temperatura costante intorno ai 20 gradi. La riproduzione per seme, rappresenta il sistema di propagazione più semplice e naturale per quasi tutte le piante, ed in particolare per quella del lino. Pertanto, in assoluto, l'utilizzo del semenzaio è indispensabile.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Prodotti di Bellezza

Come togliere il gel semi permanente in poco tempo

Tutte noi donne amiamo farci la manicure dal'estetista con gel semi permanente. A volte dopo un po' di tempo per un motivo o per un altro abbiamo bisogno di toglierlo. Andare da chi c'è l'ha fatto non è sempre un opzione che prendiamo in considerazione...
Prodotti di Bellezza

Come Fare Una Saponetta All'Olio Di Semi Di Papaya

La papaya è un frutto esotico ma conosciutissimo in Italia. Chiamato "frutto degli angeli" da Cristoforo Colombo per via della sua soffice, dolce e succosa polpa, la papaya è peraltro un frutto ricco di vitamina C e di antiossidanti e per questo si...
Prodotti di Bellezza

Come Fare Un Fondotinta Semi-liquido

In questo articolo vi spiegheremo come fare un fondotinta semi-liquido. Non siamo tutte fortunate da poter andare in vacanza in un posto di sole, e prendere una bella abbronzatura dorata. Per quelle signore e ragazze che non ci riescono ad andare, la...
Prodotti di Bellezza

Come conservare lo smalto delle unghie

Quasi tutte le donne posseggono uno smalto per unghie, ma non tutte sanno in che modo conservarlo per evitare che si rovini. Se volete conoscere alcuni piccoli trucchi che vi permetteranno di conservare il più a lungo possibile il vostro smalto preferito,...
Prodotti di Bellezza

Come conservare il profumo più a lungo

Nei secoli passati, il profumo era il biglietto da visita della persona che lo indossava. In genere erano le donne che lo facevano e solamente in occasioni davvero importanti mentre oggi non esiste più questa distinzione, infatti, sia donne che uomini...
Prodotti di Bellezza

Come fare il gel per i capelli

Ecco come fare il gel per i capelli, in casa in modo naturale, economico e in poche semplici mosse! Gli ingredienti principali del tuo gel saranno i semi di lino e il succo di limone: le loro proprietà lucidanti, disciplinanti e sgrassanti combinate...
Prodotti di Bellezza

Come Conservare Le Saponette Fatte In Casa

Fare le saponette in casa non richiede una particolare abilità. Se non avete mai provato, vi consiglio di seguire la guida che trovate a questo link: come fare delle saponette in casa. È diventato ormai un passatempo divertente e utile allo stesso tempo...
Prodotti di Bellezza

Come fare la brillantina per capelli

La brillantina da sempre viene utilizzata dagli uomini, e non solo per tenere fermi e compatti i capelli, ma anche per farli apparire meno bianchi. Il look personale è un altro aspetto strettamente legato all'uso del prodotto; infatti, basti pensare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.