Come avere un cuoio capelluto sano con l'olio di mandorle

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

L'olio di mandorla è conosciuto sin dai tempi antichi da sempre per i suoi effetti salutari e era usato dai Romani che lo fecero conoscere a tutti i popoli conquistati. Oggi, è aggiunto a preparati emollienti, ristrutturanti e lubrificanti per la preparazione di prodotti cosmetici e farmaceutici. Infatti, a causa dei trattamenti aggressivi il capello perde lucentezza e tono. In questa guida voglio spiegarti come avere un cuoio capelluto, sano con l'olio di mandorle.

25

Occorrente

  • 50 ml di olio di mandorle dolci
  • 6 gocce di olio essenziale di rosmarino
  • 6 gocce di olio essenziale di alloro
  • 30 ml di olio di jojoba
35

Prepara una bottiglietta di vetro scuro o una boccetta (meglio se munita di contagocce) e sterilizzale per mezzo della bollitura o con l'ausilio di uno sterilizzatore a vapore. Recati poi, con la bottiglietta o con la boccetta presso un'erboristeria ben fornita, e fatti preparare la soluzione che l'erborista stesso vi verserà. Comincia poco per volta con le gocce e solo sulle zone che ne hanno bisogno. Se la radice è a posto, ma le punte sono secchissime, applica l'olio solo sulle punte.

45

Con quest'olio alla mandorla due volte la settimana per almeno un mese esegui il massaggio del cuoio capelluto e della massa dei capelli agendo nel modo seguente: versa poche gocce sul palmo della mano sinistra e scaldalo sfregandolo poi intingi nel prodotto i polpastrelli della mano destra. Massaggia, con i polpastrelli intinti nell'olio, tutto il cuoio capelluto senza tralasciarne alcun punto. Se invece il tuo problema consiste nell'avere capelli sani ma troppo crespi, la soluzione è, il, balsamo " leave-in" ovvero il balsamo che si lascia in posa nei capelli, senza risciacquarlo. Il balsamo "leave-in" sono delle gocce di mandorle che vanno usate nelle zone che ne hanno bisogno, perché potrebbero essere pesante per i capelli, sopratutto se fini.

Continua la lettura
55

Dopo il massaggio al cuoio capelluto, passa il preparato anche sui capelli partendo dalla radice verso le punte. Lascia il prodotto agire per pochi minuti (due o tre) e poi fai uno shampoo delicato, Il cuoio capelluto, specialmente quello molto secco, sarà liscio, nutrito e sano. Questo preparato può anche essere usato per combattere la crosta lattea nei bambini piccoli se l'olio di rosmarino è sostituito con olio di camomilla. Asciuga i capelli come d'abitudine e tieni il phon a una distanza di venti centimetri dai capelli, per evitare che si danneggiano con il calore. Ovviamente, come ogni cosa naturale, bisogna munirsi di tanta pazienza per trovare la formula che per te funziona di più, e un pochino di abilità, per capire quali sono le tecniche e la quantità precisa per te.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Capelli

Come idratare il cuoio capelluto

Il cuoio capelluto ha continuamente bisogno di essere curato e, soprattutto, idratato, specialmente se si ha una pelle particolarmente secca, in quanto potrebbe presentarsi il fenomeno della desquamazione. Le principali cause che determinano la secchezza...
Capelli

Come trattare la secchezza del cuoio capelluto

Il cuoio capelluto, esattamente come la pelle, può risentire di vari fattori ed avere problemi di idratazione che comportano secchezza delle cute e talvolta forfora e prurito. Sia la pelle che il cuoio capelluto devono avere uno strato idrolipidico a...
Capelli

Come liberarsi velocemente del cuoio capelluto secco

La secchezza del cuoio capelluto è un problema più diffuso di quanto si possa pensare. Le cause scatenanti sono davvero molteplici e, questa problematica, comporta spesso con sé anche la comparsa della famosa "forfora secca", ossia una maggiore desquamazione...
Capelli

Come trattare il cuoio capelluto secco

Il cuoio capelluto secco può presentare diversi tipi di cause, spesso legate allo stile di vita oppure a problemi cutanei. Pochi semplicissimi ingredienti naturali possono aiutare a trattare questo genere di fastidio, riportando il cuoio capelluto alle...
Capelli

Come curare il cuoio capelluto

Ogni parte del nostro corpo ha bisogno della giusta cura e di attenzione per garantirne il suo benessere. Purtroppo, molto spesso, ci soffermiamo solo sulle zone che sono visibili, come ad esempio i capelli, trascurando quelle che sono in posti più nascosti....
Capelli

Cuoio capelluto sensibile: 5 errori da evitare

Avere capelli belli, brillanti e splendenti presuppone un'ottima salute del cuoio capelluto: è qui infatti che i nostri capelli hanno origine, qui che sono presenti i bulbi piliferi da cui poi dipenderanno bellezza e salute delle nostre chiome. Il cuoio...
Capelli

Come fare uno scrub rigenerante del cuoio capelluto

Come si fa per viso e corpo, in alcuni casi, è necessario fare uno scrub anche sulla zona ricoperta dal cuoio capelluto, soggetta spesse volte a traumi causati da stress o da una eccessiva collocazione ai raggi solari e allo smog.Con il peeling (o scrub)...
Capelli

Come combattere il prurito del cuoio capelluto

A volte anche la testa fa prurito ed è importante capire la causa, valutandone anche l'intensità del prurito. Generalmente grattarsi la testa per qualche secondo, una volta ogni tanto, non deve fare preoccupare tantissimo. Se invece si ha una sensazione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.