Come annodare una toga

Tramite: O2O 24/06/2018
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se in occasione di una festa come vestito avete deciso di optare per una toga, è importante sapere come annodarla in modo che rimanga ben ancorata al corpo e vi consenta di muovervi con una certa agilità. In riferimento a ciò, nei passi successivi della presente guida troverete la descrizione di due metodi per annodare correttamente una toga rispettivamente per uomo e per donna.

26

Occorrente

  • Lenzuolo bianco
  • Cintura
36

Adagiare un'estremità del lenzuolo sulla spalla

Un primo modo per annodare una toga e che si rivela adatta per un uomo, consiste nel far passare un'estremità del lenzuolo prescelto sulla spalla, dopodiché bisogna tenerlo dietro la schiena. A questo punto si prende un'altra estremità e si fa passare per circa 10 centimetri sopra la spalla sinistra, e precisamente dal di dietro verso l'avanti in modo che la restante parte di lenzuolo si erga fino all'altezza della vita. Adesso bisogna farlo girare intorno alla schiena, e passare poi sotto il braccio fino a raggiungere il petto. A questo punto il lenzuolo va adagiato sopra la spalla, e la parte più lunga che passa sotto il braccio destro e sul petto deve raggiungere la spalla sinistra. Per terminare la vestizione non resta che fare dei nodi tra i vari lembi di lenzuola.

46

Piegare il lenzuolo in proporzione al corpo

Un altro modo per annodare una toga senza spalline per una donna, consiste nel piegare il lenzuolo in base all'altezza più congeniale e in proporzione a quella del corpo. Nello specifico bisogna rimanere in piedi, tenendo il lenzuolo davanti e in orizzontale. A questo punto va piegato sul verso che corrisponde alla sua larghezza. Fatto ciò, è importante assicurarsi che sia in grado di coprire le gambe, avvolgendolo poi intorno al seno. Adesso è necessario piegare orizzontalmente il lenzuolo sul di dietro, prima su una parte del petto e poi sull'altra. Per terminare è sufficiente dare un'occhiata nello specchio prima di procedere con i nodi finali.

Continua la lettura
56

Aggiungere una cintura

Per completare il lavoro nel caso della toga per donna, basta aggiungere una cintura di pelle marrone scuro o dorata in quanto serve a massimizzare il risultato dal punto di vista estetico. A margine va sottolineato che le tipologie di annodatura della toga sia per uomo che per donna descritte nei passi precedenti della guida, sono tipiche di quelle indossate dai tribuni della Roma imperiale e dalle ancelle dell'antica Grecia. Grazie a questi metodi di annodatura che potrete tra l'altro visualizzare nei dettagli tramite il link allegato, partecipare ad un festa con un abito diverso dal solito susciterà sicuramente tanta ammirazione da parte di tutti gli altri invitati, e quindi sapere con somma soddisfazione che il tempo impiegato per annodare le due tipologie di toghe non è stato inutile.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Moda

Come annodare un pareo

Sembra difficile da credere, ma un pareo può facilmente trasformarsi in mille vestiti diversi, pronti da sfoggiare sulla spiaggia o in serata dal sapore etno-chic. Nella moda femminile occidentale è usato come copricostume. Come fare? Ecco alcuni degli...
Moda

Alternative eleganti alla cravatta

Si sa che per molti uomini vestirsi con camicia e cravatta può diventare una vera e propria tortura; del resto, per annodare e sistemare bene questo accessorio occorre anche una certa maestria. Ci sono comunque anche altri modi per poter fare bella figura...
Moda

Come abbinare il trench

Il trench è un evergreen, un capo classico sempre alla moda. Dal design pratico ed avvolgente, nasce su imitazione del "cappotto da trincea". Dall'ottima vestibilità, oggi rappresenta l'impermeabile doppiopetto per eccellenza. Adatto per uomini e donne,...
Moda

Come indossare una stola per una cerimonia

In alcune occasioni eleganti si può rendere necessario abbinare al proprio outfit una stola. Durante le cerimonie importanti, per esempio, la stola è un capo indispensabile per coprire le spalle di un abito eccessivamente scollato. Infatti in luoghi...
Moda

Come indossare una tunica

La tunica è un tipo di abbigliamento caratterizzato da una grande versatilità. Essa permette, infatti, di ricreare più stili ed è adattabile, quindi, a diverse situazioni quotidiane in cui possiamo ritrovarci. Questo indumento era già in uso ai tempi...
Moda

Come vestirsi per una festa in stile giapponese

Se volete organizzare, o avete ricevuto un invito per una festa in stile giapponese, sappiate che per l'occasione bisognerà che tutto sia in tema con l'evento in stile orientale. Innanzitutto occorrerà creare vestiti ed accessori in abbinato, oltre...
Moda

Come far tornare nuova la lana usata

Capita spesso di avere meglioni, sciarpe o altri indumenti di lana inutilizzati. È possibile recuperare la lana utilizzata per creare nuovi gomitoli. È inoltre possibile far tornare nuova la lana di vecchi cuscini o di maglioni infiltriti. In questa...
Moda

Come realizzare magliette hippy con la tecnica del Tie Dye

Le magliette Tie Dye sono quelle magliette che di solito venivano indossate negli anni settanta dagli hippy, chiamati anche figli dei fiori. La tecnica del Tie Dye consiste nell'annodare il tessuto per poi colorarlo, dando vita a disegni unici. Si tratta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.