Argento indiano: consigli per la lucidatura

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se abbiamo anelli e braccialetti realizzati con argento indiano, la procedura per la lucidatura è diversa rispetto a quello tradizionale di tipo europeo; infatti, si tratta di una produzione con una bassa percentuale di argento, e di conseguenza gli oggetti sono più neri come colorazione. Nei passi successivi di questa lista in merito a ciò, ci sono una serie di consigli utili, per ottimizzare la lucidatura dell'argento indiano.

26

Usare il bicarbonato di sodio

Un consiglio in merito alla lucidatura dell'argento indiano, consiste nell'usare una sostanza naturale come il bicarbonato di sodio; infatti, quest'ultimo oltre che schiarire la tonalità di colore, svolge anche una leggera ma efficace azione abrasiva, in grado di eliminare i punti neri che si formano sulla superficie degli oggetti.

36

Miscelare cera e limone

Un anello o un bracciale realizzati con argento indiano, si possono lucidare miscelando della comune cera d'api, come ad esempio quella per i pavimenti in cotto con del succo di limone. La posa sugli oggetti (circa 5 minuti), consente di intervenire poi con un panno di flanella per lucidarli a specchio. Da premettere che la lucentezza non cambia sostanzialmente il naturale colore di questa lega, che rimane quindi nerastro.

Continua la lettura
46

Utilizzare una comune pasta abrasiva

Una comune pasta abrasiva come ad esempio quella per lucidare la carrozzeria delle auto, si può utilizzare anche sull'argento indiano. Il risultato è infatti decisamente accettabile, poiché essendo il prodotto realizzato con dei granuli, svolge una buona azione abrasiva rendendo nel contempo lucido ed uniforme il colore degli oggetti.

56

Usare della carta smeriglio a grana sottilissima

Se l'argento indiano si presenta con una tonalità di colore decisamente più nera del solito, a causa dell'ossidazione a cui il metallo è soggetto per la sola esposizione all'aria o per il sudore corporeo, si può intervenire usando della carta smeriglio a grana sottilissima. Nello specifico si tratta del cosiddetto "triplo zero" molto in voga in oreficeria, proprio per levigare e lucidare manufatti vari, sia in oro che in argento.

66

Immergere l'argento indiano nell'ammoniaca

Un altro prodotto molto efficace ed utilizzato dagli artigiani che hanno la necessità di lucidare metalli vari, come ad esempio ottone oppure bronzo dorato, è l'ammoniaca che ritorna utile anche per l'argento indiano. L'uso è semplice; infatti, è sufficiente immergere gli oggetti (anche con pietre) in questa sostanza per circa mezz'ora. Trascorso tale tempo, basta un risciacquo e poi l'asciugatura prima in segatura di bosso e poi utilizzando un normale phon, che ottimizza il risultato creando una sorta di rodiatura del metallo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Accessori

Come Riconoscere Un Gioiello D'Argento

L'argento è un metallo che viene spesso utilizzato per realizzare tanti tipi di oggetti. I più richiesti sono i gioielli. In passato esisteva l’equivalenza tra argento lavorato e moneta corrente, essendo questa realizzata in argento ed il suo valore...
Accessori

Come riconoscere l'argento

A meno che non si tratti di un professionista che conosce i metalli e che ci lavora per altri motivi, spesso è facile lasciarsi ingannare dal cartello certificato di garanzia oppure "vero argento2, per poi tornare magari a casa con un pezzo di latta...
Accessori

Come pulire un anello d'argento

Spesso capita che si abbia un problema con le posate in argento che, con il tempo, possono perdere la loro lucentezza oppure si possono macchiare di scuro. Per far ritrovare loro la lucentezza e per pulire gli oggetti puoi utilizzare uno spray che trovi...
Accessori

Come Realizzare Un Paio Di Orecchini A Mezzaluna Con Filo D'Argento E Perline Ambra

Per realizzare un bel paio di orecchini a forma di mezzaluna, fatti con filo d'argento e perline color ambra, vi suggerisco di leggere le indicazioni tecniche qui riportate. In modo creativo e divertente, otterrete dei gioielli molto particolari, colorati...
Accessori

Come pulire i gioielli d'argento

L'argento appartiene alla serie di metalli definiti 'nobili', i quali, essendo piuttosto rari, tendono anche a risultare preziosi. Si tratta di un elemento particolarmente duttile, dotato di una condizione atomica stabile e quindi inalterabile negli anni,...
Accessori

Come realizzare un braccialetto in argento con moschettone

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori, che sono dei veri appassionati di accessori ed anche del metodo del fai da te, a capire come poter realizzare un braccialetto in argento, con un bellissimo e robusto moschettone. Ed ecco che...
Accessori

Come realizzare un collier con cordino cerato e charms argento

Per creare un bel collier, fatto con cordino cerato, con charms d'argento e perline decorative; basterà seguire questi semplici passaggi per riuscirlo a realizzarlo con le proprie mani. In modo rapido e semplice, riusciremo a realizzare un gioiello elegante...
Accessori

Consigli per la manutenzione dei gioielli

Il gioiello è etimologicamente accostato sia al gioco sia alla gioia: non a caso, procurano gioia a chi li ha indosso e invogliano al gioco. Ma son dolori quando scopriamo che il nostro bracciale d'argento o d'oro si è ossidato. Si tende a credere che...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.