5 regole per vestirsi a cipolla

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Arriva il freddo e arriva l'esigenza di coprirsi bene, ma a volte si incorre in sbalzi di temperatura fra interni ed esterni. In questi casi la soluzione è vestirsi a strati (o "a cipolla") in modo da rimuovere o indossare i propri indumenti a piacimento in base alla situazione. Non solo! Lo scopo di vestirsi a strati è anche quello di ottenere una distribuzione funzionale del calore e l'espulsione dell'umidità corporea, il tutto in funzione di evitare di prendere qualche malanno. Quindi in questa guida vi spiegherò in cinque regole come vestirsi correttamente "a cipolla". Buona lettura.

26

Occorrente

  • Canottiera o Maglietta interna in microfibra o cotone
  • Maglia o Camicia
  • Maglioncino o Cardigan
  • Giacca classica o in jeans
  • Giubbotto o cappotto
  • Cappellino e Sciarpa
36

REGOLA NUMERO 1- Ultimamente vanno di moda le giacche in jeans e questo è un bel vantaggio se siete amanti del casual. Infatti potete proprio usare una giacca di questo tipo come terzo strato sopra il maglioncino o la maglia a maniche lunghe. Per coloro i quali hanno invece scelto un outfit formale non c'è niente di meglio di una bella giacca classica da indossare sopra il cardigan o la camicia.Qui trovate un esempio di outfit a strati per donna e qui per uomo.

46

REGOLA NUMERO 2- Gli "strati della cipolla" a questo punto possono considerarsi completati, però è sempre meglio portare con se o un bel giubbotto (scelta casual) o un cappotto (scelta formale) che possono sempre rivelarsi utili, specialmente di notte.

Continua la lettura
56

REGOLA NUMERO 3- Uscite tranquilli sapendo che siete in grado di affrontare qualsiasi temperatura perché siete vestiti correttamente "a cipolla". Troppo caldo? Potete togliere la giacca. Troppo freddo? Potete rimettervela... E così via, in base alla situazione. Vi raccomando di portare sempre e comunque con voi un cappellino e una sciarpa per i momenti più freddi.

66

REGOLA NUMERO 4- Continuiamo col dire che la scelta degli indumenti varia in base al vostro stile: più tendente al formale o al casual per esempio. Vedremo insieme entrambe le scelte in parallelo. Come primo strato, in entrambi casi, si deve scegliere una canottiera o una maglietta interna in microfibra o cotone. Essa permette l'assorbimento, la distribuzione e l'evaporazione dell'umidità e protegge dal freddo. Così abbiamo il primo strato.
REGOLA NUMERO 5- Per quanto riguarda il secondo strato, se volete essere più formali (che siate uomini o donne) dovreste optare per una camicia possibilmente in cotone (ma anche in seta va bene) accompagnata eventualmente da un cardigan. Quest'ultimo è utilissimo per trattenere il calore e distribuire l'umidità assorbita dalla canottiera. Se invece volete optare per qualcosa di più casual, anziché scegliere la camicia potete indossare una maglia a maniche lunghe o corte non pesante alla quale aggiungere un eventuale maglioncino (che in questo caso svolge lo stesso compito del cardigan).

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Moda

5 errori da evitare nel vestirsi a cipolla

Dicono che non ci siano più le mezze stagioni. Forse, chi ha preannunciato questa frase non si è mai trovato ad uscire di casa con un bellissimo sole nel cielo e poi ritrovarsi dopo mezz'ora, per strada, bagnati come un pulcino perché è sceso giù...
Moda

Come vestirsi a teatro

Se siete stati invitati a trascorre una serata a teatro e vi trovate davanti al solito dilemma, ovvero come vestirsi, la guida che segue farà al caso vostro. L'evento, senza dubbio, prevede un abbigliamento adeguato ma non per questo è d'obbligo indossare...
Moda

Come vestirsi in ufficio d'estate

Nel libro "Il diavolo veste Prada" si tratta proprio questo argomento. Una giovane scrittrice si ritrova nella redazione di un magazine di moda e dovrà ben presto adeguare il suo stile anonimo e scialbo, a quello delle sue colleghe, sempre al top. Certo...
Moda

Come vestirsi a Pasqua

Se vi state chiedendo come bisogna vestirsi a Pasqua, è bene sapere che ci sono degli eventi e delle ricorrenze che esigono un tipo di abbigliamento mirato e la Pasqua è una di queste. La stessa cosa vale per le feste legate alla tradizione religiosa...
Moda

Come vestirsi ad un matrimonio: per le invitate

Quando si è invitati a partecipare ad un matrimonio la scelta dell'abito è di fondamentale importanza, soprattutto per le donne. Dunque, purtroppo, anche e soprattutto per i matrimoni abbiamo delle regole di "bon ton" da rispettare. In questa guida...
Moda

Come vestirsi bene, spendendo poco

In questo articolo sarà illustrato in che modo è possibile vestirsi bene ed anche alla moda, ma riuscendo allo stesso momento, a spendere davvero poco. Detto così potrebbe di certo sembrare un sogno o anche una bufala, ma in realtà non è affatto...
Moda

Come vestirsi per mangiare all'aperto

Il segreto per vestirsi in modo adeguato in certe occasioni va scelto con criterio. Tanto che, è necessario pianificare cosa indossare. Un modo per esempio per vestirsi per mangiare all'aperto ha anche una certa importanza. Stare all'aperto sarà sicuramente...
Moda

Vestirsi in modo sexy senza essere volgari

Quello di sapersi vestire non è solo una moda o un cliché ma un vero modo di vivere e sentirsi. Infatti non tutti hanno gusto in fatto di abbigliamento, soprattutto quando si vuole risultare sexy, è più facile sembrare e apparire molto volgari se...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.