5 metodi semplici per riconoscere l'oro placcato

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Può capitare spesso, specialmente nel caso di inesperti del settore, di confondere oggetti completamente d'oro con oggetti invece solamente placcati d'oro, e viceversa. Questo, può causare infatti errori di valutazione. Inoltre, sono purtroppo molto frequenti truffe ai danni dei meno accorti, i quali comprano oggetti di oro placcato pagandoli come oggetti totalmente d'oro o vendono oggetti di oro massiccio al prezzo di oggetti placcati. I più disonesti approfittano così delle persone meno esperte lucrando i malcapitati. I prezzi dell'oro e dell'oro placcato sono di fatto molto differenti tra loro. Tuttavia attraverso questa guida impareremo 5 metodi semplici per riconoscere l'oro placcato.

26

Il controllo del punzone

Con una lente di ingrandimento è possibile effettuare il controllo del punzone. Bisognerà infatti verificare con la lente il codice alfanumerico inciso sull'oggetto, il quale specifica l'azienda produttrice e la caratura espressa in millesimi. In particolare 375 millesimi di caratura corrispondono a 9 carati, 585 millesimi a 14 carati, 750 millesimi a 18 carati, 900 millesimi a 22 carati e 999 millesimi a 24 carati. Se sono riportate invece incisioni come "18K" o "14K" non si tratta certamente di oggetti d'oro ma potrebbe invece trattarsi di falsi o oggetti solamente placcati d'oro.

36

Il metodo della calamita

Un secondo metodo per riconoscere l'oro placcato è il metodo della calamita: se l'oggetto preso in esame viene attratto dalla calamita si tratta certamente di metallo rivestito, ovvero di oro placcato. Se invece l'oggetto è completamente d'oro, le attrazioni esercitate dal magnete non avranno presa.

Continua la lettura
46

Il metodo dell'acqua ragia

Il metodo dell'acqua ragia è un metodo molto affidabile per verificare se l'oggetto è totalmente d'oro o solamente placcato. L'acqua ragia infatti, contiene un potente corrosivo a base di acido nitrico in grado di intaccare ogni metallo. Se al contatto, con queste solvente l'oggetto preso in esame subisce una mutazione, allora saremo dinanzi ad un oggetto solamente rivestito esternamente d'oro.

56

Il metodo della pietra

Per questo metodo sarà fondamentale munirsi di una pietra in ceramica non vetrificata, facilmente reperibile. Successivamente si prenderà l'oggetto che, sfregato energicamente sulla mattonella, provocherà la formazione di strisce scure. Queste strisce a loro volta, a contatto con un solvente di acido nitrico al 60%, scompariranno nel caso di falsi o oggetti placcati mentre rimarranno nel casi di oggetti d'oro massiccio.

66

Il test del colore

Infine, un ultimo metodo utile per distinguere oggetti d'oro e oggetti di oro placcato, è il test del colore. Osservando infatti l'oggetto da analizzare si noterà immediatamente nel caso di oggetto falso o placcato un colore sbiadito o alterato nelle zone laterali, ovvero quelle maggiormente esposte all'attrito. Nel caso invece di oggetti di oro massiccio il colore non subirà modifiche o alterazioni. Sono dunque semplici e veloci questi piccoli trucchi per verificare la qualità del nostro gioiello. Fatene buon uso e, attenzione alle truffe!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Accessori

Come determinare un vero diamante

Il diamante è il gioiello per eccellenza: è quello più luccicante, il più costoso e spesso viene accostato al simbolo più classico dell'amore di un uomo verso la propria donna. Ma la sua preziosità è dovuta anche alla sua rarità, per questo motivo...
Cura del Corpo

Come disinfettare i buchi alle orecchie

Chi non apprezza gli straordinari orecchini che abbelliscono i lobi degli orecchi? Sono poche le donne e, perché no, anche gli uomini che si sono fatti fare o hanno intenzione i buchi alle orecchie. Mettiamo in chiaro però che, anche se non è un intervento...
Accessori

Come pulire e lucidare un rubino

I rubini limpidi che superano i 10 carati vengono considerati eccezionali. Come tutti i metalli e le pietre preziose, anche i rubini si opacizzano col trascorrere del tempo. La causa del problema viene attribuito alla polvere o al grasso da sudorazione....
Accessori

Come riconoscere l'argento

L'argento, dopo l'oro, è il materiale più utilizzato e più pregiato per la fabbricazione di monili, gioielli e oggetti per la casa. Il problema, quando si tratta di metalli preziosi, è che è molto alto il rischio che i pezzi possano essere contraffatti;...
Moda

5 trucchi per sembrare più magra nelle foto

Nell'era dei social, noi donne abbiamo abbracciato la filosofia del "mettersi in mostra" postando centinaia di foto sul nostro profilo Facebook oppure su Instagram, un po' per andare a caccia di like e quindi di fiducia in noi stesse, un po' per il puro...
Accessori

Come creare un anello a mezzaluna

Gli oggetti di bigiotteria risultano sempre più apprezzati dalla gente, soprattutto quando vengono realizzati con la tecnica del "fai da te". Quale migliore occasione delle festività natalizie per imparare a costruire qualcosa di nuovo, magari da offrire...
Accessori

Come realizzare un anello a grappolo

Negli ultimi anni si è andata sempre più diffondendo la tendenza di indossare bellissimi accessori voluminosi, infatti sono ritornati di moda i grossi anelli con delle grandi pietre, gli enormi bracciali e dei massicci ciondoli. Naturalmente tanti sono...
Capelli

5 motivi per tagliare i capelli

I capelli, per donne e uomini, sono certamente un elemento principale e molto importante del viso: possono infatti dare personalità e stile al nostro look. Un bel viso in gran parte è aiutato da un bel taglio. Per questo prima di andare sotto le forbici...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.