5 consigli per pulire le mollette per capelli

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se c'è qualcosa che non manca mai nello beauty case di una donna, quel qualcosa è sicuramente una collezione - più o meno numerosa - di mollette per capelli. Sappiamo bene che gli accessori che entrano in contatto con la nostra cute non possono fare a meno di accumulare sporco, tanto per il sebo prodotto dalla pelle quanto per l'uso di lacche, gel e fissanti vari che danno ai nostri accessori un aspetto unto e sgradevole. Di seguito 5 consigli per pulire al meglio le nostre mollette.

26

Acqua e sapone

Se utilizziamo mollette di plastica il modo più semplice per pulirle è utilizzare acqua e sapone, ancor meglio se usiamo uno shampoo non troppo aggressivo. Facciamo sciogliere il detergente che abbiamo scelto in acqua tiepida e lasciamo le nostre mollette a mollo per una decina di minuti. Sciacquiamole con acqua pulita ed asciughiamole con un panno. Il gioco è fatto!

36

Alcool denaturato

Se preferiamo utilizzare mollette in metallo, strofinarle con un batuffolo di cotone imbevuto con dell'alcol denaturato dovrebbe essere sufficiente ad eliminare lo sporco evitando di immergerle in acqua esponendole al rischio di ossidazione.

Continua la lettura
46

Aceto e bicarbonato di sodio

Nonostante facciamo attenzione, a volte capita di arrivare tardi e di trovare le nostre mollette di metallo già ossidate. Di solito la prima cosa che pensiamo è che sono inutilizzabili e l'unica soluzione è buttarle via e comprarne delle nuove. Forse non tutto è perduto. Prendiamo un contenitore e versiamoci dentro del comunissimo aceto di vino o se preferite aceto di mele, quanto basta a ricoprire le mollette che vogliamo ripulire. Mescoliamo insieme all'aceto un cucchiaino di Bicarbonato di sodio, anche questo molto comune e facile da trovare. Immergiamo le mollette, agitiamo un po' affinché la nostra pozione magica inizi a fare effetto e poi lasciamo agire per almeno qualche ora. Estraiamo le nostre mollette dal contenitore e ripuliamole con della carta da cucina. Così facendo elimineremo gran parte dell'ossido che ricopre i nostri preziosi accessori.

56

Panno morbido

Se le nostre mollette hanno quel tocco in più regalato da applicazioni o glitter è bene che non ne vengano private. Utilizzare rimedi troppo aggressivi rischia di far staccare le decorazioni lasciandoci con in mano un semplice fermaglio per giunta sporco di colla. La cosa migliore è pulirle con un panno morbido usando molta delicatezza.

66

Salviette struccanti

Se siamo in viaggio e non abbiamo a disposizione nessuno degli strumenti citati, possiamo utilizzare delle comuni salviette struccanti, di quelle che ogni donna ha nella borsetta. Niente di più semplice che estrarne una dal pacchetto e utilizzarla per strofinare le nostre mollette.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Accessori

Come indossare una coroncina di fiori

La coroncina di fiori da indossare sulla testa, è da sempre simbolo di freschezza e libertà e questa moda tipicamente country nonostante gli anni trascorsi dalla sua nascita (sessanta), non tramonta mai. Questo accessorio dei capelli può essere acquistato...
Capelli

Curly hair: tanti modi per farli

Avere i capelli ricci, può essere un grande pregio, che può trasformarsi però in un problema, quando non si sa come acconciarli. Rispetto a quelli lisci infatti, essi possono essere più complicati da gestire, e se non lo si fa nel modo giusto il risultato...
Capelli

Ruota svedese: cos'è e come farla

La ruota svedese rappresenta una tecnica abbastanza particolare e consente di ottenere dei capelli lisci senza l'impiego del calore: infatti, lisciare il cuoio capelluto adoperando il phon e la piastra potrebbe causare alla lunga dei danneggiamenti irreparabili....
Capelli

Come arricciare i capelli sulle punte

La maggior parte delle donne ama cambiare spesso pettinatura e passare dai capelli lisci ai capelli ricci. Se anche tu fai parte di quella categoria e sei alla ricerca di una nuova acconciatura che doni splendore ai tuoi capelli allora devi proprio...
Capelli

Come realizzare un'acconciatura anni Venti

Le donne sono sempre molto attente alla moda e alle tendenze del momento, e soprattutto alle acconciature dei propri capelli, con le quali vogliono apparire sempre belle e curate. Esistono molti tipi di acconciature ma ultimamente quelle che più vanno...
Capelli

Come fare la piega svedese

Se amate i capelli lisci ma avete paura di rovinarli con il phon oppure con l'uso della piastra, la piega svedese rappresenta la tecnica che fa a caso vostro. Si tratta di un metodo tradizionale, chiamato anche ruota svedese, utilizzato per ottenere dei...
Moda

Consigli per il riutilizzo dei collant rotti

I collant vecchi o rotti possono essere riutilizzati per diversi scopi utili. Tutte le donne dispongono di collant vecchi o bucati e generalmente vengono gettati. Tuttavia continuando nella lettura che segue potrete scoprire come riciclare vecchi collant....
Capelli

Come fare un'acconciatura a banana

Talvolta, accade che qualcuno vi inviti all'ultimo minuto ad un party elegante. Il primo pensiero che vi assale in questo caso riguarda cosa indossare e come sistemare i capelli. Niente potrebbe adeguarsi a tale occasione come la tipica "acconciatura...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.