Come trattare il cuoio capelluto grasso

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Prenderci cura del nostro fisico è fondamentale se vogliamo essere sempre belli e seducenti. Tuttavia, ci sono parti di noi stessi che spesso vengono tenute in scarsa considerazione ma che necessitano di numerose cure ed attenzioni, ad esempio i nostri capelli. Se il cuoio capelluto è grasso, dovremo curarlo perfettamente e nel minor tempo possibile onde evitare che si danneggi ulteriormente. In questa guida infatti vedremo come trattare il cuio capelluto grasso.

24

Un buon shampoo

Per prima cosa, è bene dire che i capelli devono essere lavati almeno due volte al giorno utilizzando un buon shampoo, meglio ancora se si tratta di uno shampoo naturale realizzato con ingredienti sani. Evitiamo di utilizzare prodotti poco sani o di dubbia provenienza sul nostro cuoio capelluto. Una volta lavati i capelli con lo shampoo, utilizziamo un buon balsamo per rinvigorirli, per rinforzarli e soprattutto per nutrirli in profondità. Se i capelli oltre ad essere grassi sono anche molto deboli, possiamo fare per almeno 2-3 volte a settimana dei veri e propri impacchi su di essi.

34

Un impacco biologico

Sicuramente possiamo fare un impacco allo yogurt ed al succo di more o di carote. Mettiamo in una piccola bacinella 125 g di yogurt magro biologico, aggiungiamo un poco di succo di carote e poi amalgamiamo questi ingredienti con un cucchiaio fino a quando non avremo ottenuto una sorta di cremina molto omogenea. Ora, utilizzando una piccola spatola in plastica, distribuiamo il composto sui nostri capelli, prestando attenzione a distribuire il composto omogeneamente. Utilizzando delle piccole mollette, blocchiamo i nostri capelli e poi avvolgiamoli in una cuffia in plastica. Se non abbiamo la cuffia in plastica, possiamo avvolgere attorno ai nostri capelli un poco di pellicola. Lasciamo agire il composto per almeno 20-30 minuti e poi risciacquiamo i capelli sotto l'acqua tiepida.

Continua la lettura
44

Una cattiva alimentazione

È importante dire che anche una cattiva alimentazione può danneggiare notevolmente i nostri capelli ed indebolirli. Prediligiamo quindi una dieta sana ed equilibrata, a base di frutta, di verdura, di carne bianca, di pesce e di cereali integrali. Nel caso fossimo fumatori, cerchiamo quantomeno di smettere di fumare, il fumo danneggia ed indebolisce i nostri capelli. Evitiamo di utilizzare cappelli soprattutto in estate, in quanto i cappelli non solo indeboliscono i nostri cappelli, ma aumentano la sudorazione del capo. Infine evitiamo di utilizzare prodotti quali lacche e gel aggressivi che possono rendere i nostri capelli più appiccicosi ed in alcuni casi anche grassi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Capelli

Come trattare la secchezza del cuoio capelluto

Il cuoio capelluto, esattamente come la pelle, può risentire di vari fattori ed avere problemi di idratazione che comportano secchezza delle cute e talvolta forfora e prurito. Sia la pelle che il cuoio capelluto devono avere uno strato idrolipidico a...
Capelli

Cuoio capelluto sensibile: 5 errori da evitare

Avere capelli belli, brillanti e splendenti presuppone un'ottima salute del cuoio capelluto: è qui infatti che i nostri capelli hanno origine, qui che sono presenti i bulbi piliferi da cui poi dipenderanno bellezza e salute delle nostre chiome. Il cuoio...
Capelli

Come liberarsi velocemente del cuoio capelluto secco

La secchezza del cuoio capelluto è un problema più diffuso di quanto si possa pensare. Le cause scatenanti sono davvero molteplici e, questa problematica, comporta spesso con sé anche la comparsa della famosa "forfora secca", ossia una maggiore desquamazione...
Capelli

Come avere un cuoio capelluto sano con l'olio di mandorle

L'olio di mandorla è conosciuto sin dai tempi antichi da sempre per i suoi effetti salutari e era usato dai Romani che lo fecero conoscere a tutti i popoli conquistati. Oggi, è aggiunto a preparati emollienti, ristrutturanti e lubrificanti per la preparazione...
Capelli

I rimedi naturali per combattere la forfora

Il nostro cuoio capelluto tende normalmente a desquamarsi, favorendo il ricambio delle cellule eliminandone quelle morte. Quando però la desquamazione è eccessiva si inizia a parlare di forfora, una patologia del cuoio capelluto che si presenta sotto...
Capelli

Capelli rovinati: 5 rimedi naturali

Capita fin troppo spesso che, a causa degli eccessivi lavaggi, dell'utilizzo smodato dell'asciugacapelli, della continua esposizione ad agenti inquinanti ed al sole, dell'applicazione di trattamenti molto aggressivi, i capelli risultino sfibrati, secchi...
Capelli

Come curare i capelli decolorati

In passato avete eseguito una tintura sui vostri capelli e ora appaiono visibilmente spenti, deboli, e privi di lucentezza? Non disperate, ma sappiate che esistono diversi metodi per riportare alla loro normale vitalità i capelli che hanno subito questo...
Cura del Corpo

10 cose da sapere sulla secchezza del cuoio capelluto

I capelli di ognuno di noi sono radicati in una zona della cute che si trova subito sopra la scatola cranica e che è chiamata cuoio capelluto. Quest'ultimo ha il compito di proteggere il nostro cervello e grazie alla presenza dei capelli consente di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.