Come rimuovere l'odore di muffa dal cuoio

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Purtroppo la muffa è uno dei problemi più diffusi al mondo, le cause della sua formazione possono essere molteplici e capirne le cause della sua formazione non sempre è semplice. È possibile però trovare alcune soluzioni per poterla debellare e ripulire le parti che ne sono piene. La muffa emana un odore di muschio che è semplicemente disgustoso. Ciò che la rende peggiore è quando si manifesta sulle pareti di casa o su alcuni oggetti, per cui è necessario un provvedimento idoneo per eliminarla. Nel caso di una cintura di cuoio per rimuovere l'odore di muffa, ci sono alcuni metodi che di seguito ci apprestiamo ad elencare. In questa guida infatti spiegherò come rimuovere l'odore di muffa dal cuoio, con pochi semplici passaggi. Vediamo come fare.

25

Occorrente

  • Candeggina
  • Olio di lino
  • Olio essenziale di lavanda
  • Segatura profumanta per lettiere
  • Deodoranti spray
  • Succo di limone e bicarbonato
35

La prima cosa da fare per eliminare l'odore di muffa dal cuoio, è di individuarne la causa; infatti, la muffa, è un fungo che cresce in zone ad alta umidità. Normalmente è sottile con strati di colori multipli, anche se di solito si presenta bianco, blu-verde, marrone e nero. Se non si elimina la fonte della muffa, si potrebbero danneggiare permanentemente gli oggetti, vanificando soprattutto gli sforzi fatti per rimuoverla. I pericoli maggiori, vengono da una parete umida, da una finestra non perfettamente sigillata, oppure da acqua stagnante lasciata sui pavimenti non correttamente asciugati.

45

Un detergente come la candeggina, è l'ideale per sbarazzarsi dei batteri (spore fungine), rilasciati dalla muffa. Sul cuoio, nello specifico, possiamo tuttavia intervenire con uno spruzzino in cui mettiamo dell'aceto misto ad acqua. A questo punto, la parte va asciugata con un panno, dopo aver strofinato con un spugna, mentre per ridare tono al materiale, si passa dell'olio di lino. Se il cattivo odore è particolarmente insistente ed intenso, ed abbiamo una cintura che presenta questo problema, allora possiamo prendere della segatura, anche quella utilizzata per la lettiera del gatto (profumata), e lasciarla sommersa al di sotto di essa per al massimo un paio d'ore.

Continua la lettura
55

Altri rimedi contro la muffa sul cuoio sono gli spray a base di essenza di tabacco, terra o agli agrumi, in genere utilizzati per la casa o per il cruscotto dell'auto. In alternativa, ci sono altri prodotti naturali che non alterano le fibre del cuoio, come ad esempio il succo di limone, mescolato con bicarbonato di sodio, ed applicato sulle superfici per sanificarle ed eliminare in modo definitivo il disgustoso odore di muffa.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Accessori

Consigli per orologi a carica manuale

L'orologio è sempre stato il modo maggiormente diffuso per indicare l'orario, fin dalla sua invenzione. Si è passati dagli orologi antichi a pendolo, fino ad arrivare ai modelli moderni che sono ad energia solare e spesso sono diventati uno “status...
Moda

Cura e manutenzione dei capi spalla

I capi spalla sono i più esposti per quanto concerne il look personale. Non a caso, possono essere di differenti tipologie e necessitano di un adeguato trattamento e di un'accurata conservazione, per evitare di rovinarli se vanno incontro a macchie accidentali....
Prodotti di Bellezza

Come fare un gel contorno occhi naturale defatigante

In questo articolo vogliamo aiutarvi a capire in che modo poter fare un gel per il nostro contorno occhi, del tutto naturale e defatigante. Se abbiamo gli occhi stanchi e segnati da antiestetiche occhiaie, in poche mosse e con l'uso di prodotti del tutto...
Cura del Corpo

5 cattive abitudini riguardanti la doccia

Farsi la doccia è relativamente semplice, non è così? Entriamo, ci insaponiamo, riflettiamo su tutti gli errori della nostra vita per qualche minuto, ci sciacquiamo ed usciamo. Facile no? Dovrebbe. Ma alcuni errori che facciamo in quei pochi minuti...
Moda

Come ammorbidire gli stivali di cuoio duro

Il cuoio è un materiale molto apprezzato per le sue innumerevoli qualità che spiccano per qualsiasi utilizzo se ne faccia. Uno dei principali è sicuramente quello relativo alle calzature, grazie alla facilitata traspirazione del piede all'interno della...
Accessori

Come pulire la pelletteria

La pelle viene impiegata per capi d'abbigliamento, calzature ed accessori raffinati e ricercati. Il materiale richiede trattamenti semplici ma regolari. In questa maniera, si manterrà sempre come nuovo e curato. La pulizia straordinaria prevede prodotti...
Moda

Come pulire una giacca di camoscio

La pelle di camoscio è uno dei materiali più pregiati impiegati nel mondo della moda. La notevole qualità di questa tipologia di tessuto viene molto sfruttata, infatti, nella creazione di capi di alto valore. Esiste, però, un problema che è conseguenza...
Make Up

Come pulire la Beauty Blender

Se sei dipendente da fondotinta e correttori, avrai sicuramente, nel tuo beauty case, almeno una Beauty Blender. Questa comoda e rivoluzionaria spugnetta, morbidissima al tatto e dall'originale forma a uovo, ha conquistato moltissime ragazze, dalle semplici...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.