Come rimuovere l'occhio di pernice

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

L'occhio di pernice è una dolorosa presenza di pelle in accumulo sul piede e che, in genere,   si forma tra gli interstizi delle dita, anche se spesso si presentano sotto la pianta, oppure sopra. L'occhio di pernice più fastidioso è tuttavia quello che si forma tra il quarto e il quinto dito, ma può interessare anche gli altri tre. In questa guida, vediamo allora quali sono i rimedi per rimuovere l'occhio di pernice.

25

Occorrente

  • Liquido o cerotti per occhio di pernice
  • Bicarbonato di sodio
  • Olio di semenza di lino
  • Garza
  • Chiodi di garofano
35

L’occhio di pernice quando si forma, diventa doloroso in quanto è soggetto ad attrito tra le dita o sopra e sotto il piede, a causa della pressione della scarpa. Quest'ultima è spesso la causa scatenante di questa escrescenza cutanea, in quanto la loro forma (tallone sollevato e scivolamento verso la punta), e la particolare restrizione (scarpe da donna molto sottili ed acuminate) creano l'habitat perfetto per la formazione dell’occhio di pernice.

45

Quando compaiono, sono piccoli e non fanno subito male come i calli che sono anche più grandi, per cui passano alcuni giorni e non accusando particolari dolori ci camminiamo su, fin quando non si infiammano e si screpolano fino a causare dolore e sofferenza nel camminare, e svolgere le normali operazioni quotidiane di mobilità. La prima cosa importante è quindi portare sempre scarpe comode. Per poterlo rimuovere, bisogna innanzitutto ammorbidire la pelle dura, utilizzando un'apposita soluzione che si vende in farmacia sia liquida che a cerotto, e quando diventa molle, con un taglierino accuratamente senza farsi male, va completamente rimosso. Tuttavia ci sono alcuni rimedi naturali per rimuoverlo senza dolori e sofferenze giornaliere. In questo caso è possibile utilizzare degli impacchi di olio di semenza di lino, che vanno applicati sopra o sotto il piede o tra le dita, insieme ad una garza sterile, dopo averla accuratamente fatta bollire.

Continua la lettura
55

L'applicazione ovviamente va fatta senza scarpa. Tuttavia per poter almeno camminarci sopra, è possibile utilizzare una garza imbevuta in bicarbonato di sodio, e applicarla ancora bagnata, aggiungendo nel sacchettino di fortuna, alcuni chiodi di garofano che sono un ottimo antisettico naturale. Questi impacchi vanno ripetuti tutti i giorni almeno per una settimana. Infine, quando l'occhio di pernice non da più fastidio, lo si può asportare senza utilizzare taglierini o strumenti chirurgici, bensì mettendo i piedi in ammollo in acqua ossigenata mista a bicarbonato di sodio, strofinando con le mani e aiutandosi con una pietra pomice, magari approfittandone per rimuovere anche qualche durone presente sotto al tallone.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Make Up

Come trattare al meglio i tuoi piedi

All'interno di questa breve guida, andremo a parlare di cura personale. Nello specifico caso, come avrete già potuto comprendere attraverso la lettura del titolo della guida stessa, andremo a spiegarvi Come trattare al meglio i tuoi piedi. Avere cura...
Moda

Come Realizzare Mocassini Scamosciati

Gli amanti del fai da te sono in grande aumento e, senza dubbio, l'arte e la cultura degli indiani d'America ha sempre affascinato questa categoria di persone. Questo perché i loro oggetti e le loro creazioni in pelle, metallo, osso ed oro, sono molto...
Moda

10 outfit con le ballerine

Le ballerine al pari di ogni altro indumento dalla indiscussa versatilità devono essere sempre presenti all'interno del guardaroba di una donna. Il basso profilo ne permette l'abbinamento con qualsiasi tipo di abbigliamento, anche se non tutte le donne...
Moda

Come Realizzare Le Ciabatte Infradito In Spugna

Se siete abili nell'arte del cucito, potete realizzare con un po' di fantasia qualsiasi accessorio per la casa come presine, strofinacci o anche delle ciabatte, queste ultime da regalare a parenti o amici. Creare delle ciabatte infradito sarà semplice,...
Accessori

Come creare degli infradito con le stelle

È arrivata finalmente l'estate, e l'infradito, calzatura piccola, leggera e sottile, è l'alleato della nostra valigia. Semplice da realizzare, è davvero l'unica scarpa che si può creare da soli, dando sfogo alla fantasia senza timore di eccedere....
Moda

Come abbinare le sabot

Come molte di noi ricorderanno, negli anni 90 c'è stato un boom di creazione e ideazione di moltissimi tipi di scarpe, che oggi stanno tornando di moda; tra questi ricorderete i sabot. Questi sono calzature con un tacco più o meno alto (4-5 cm), solitamente...
Prodotti di Bellezza

Come fare un unguento antidolorifico

Molto spesso durante la giornata avvertiamo dei dolori muscolari dovuti alla cattiva postura o a posizioni scomode nel letto. In questa guida vi spiegherò come fare un unguento naturale per far passare questi piccoli dolori. L'unguento può essere usato...
Moda

Come costruire dei mocassini

Calzare delle buone scarpe, semplici e comode, non è sempre facile. Anche se in commercio esistono moltissime scarpe, trovare quella giusta che faccia al caso proprio potrebbe diventare un'impresa. Ma esistono delle scarpe però che per la loro comodità...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.