Come realizzare una collana di pietre dure

tramite: O2O
Difficoltà: media
19

Introduzione

Giada, onice, diaspro, agata, cristallo di rocca e tante altre possono essere le pietre dure dai colori più disparati, belle da vedere e da comporre in collane o altri accessori. Realizzare una collana di pietre dure è, oltre che divertente, anche un ottimo modo per esprimere il proprio gusto e dar vita a collezioni originali e uniche. Insieme alle pietre, è possibile usare perle, perline, ciondoli, diademi e tutto ciò che la nostra immaginazione suggerisce. Vediamo, allora, come procedere nella formulazione di una collana base, che abbia la struttura idonea a prestarsi ad ogni possibile combinazione.

29

Occorrente

Assicurati di avere a portata di mano:
  • pietre dure grezze e rotonde
  • perle e perline dorate e argentate
  • filo di nyon per bijoux
  • 2 schiaccini
  • 2 gancetti di chiusura
  • pinza
  • 5 m di cordoncino nero
39

La base della collana può essere di diversa natura: nylon per bigiotteria, filo di seta, elastico di silicone, di corda, di caucciù, a seconda dei gusti. Assumiamo di volerla comporre con del filo di nylon per bigiotteria, dunque prendiamo anche due gancetti per la chiusura, delle pietre dure rotonde di vari colori, e magari delle perle e delle perline delle stesse dimensioni delle pietre, o di dimensioni variabili.

49

Tagliamo il filo di nylon della misura desiderata, lasciando un po' di margine per inserire e bloccare le chiusure; infiliamo una delle estremità del filo nell'occhiello di uno dei gancetti di chiusura, ripieghiamolo su se stesso e blocchiamolo con uno schiaccino: è un anellino metallico, che una volta schiacciato con la pinza si appiattisce e blocca il filo. Dall'estremità libera, inizia la preparazione della collana infilando una pietra dura, una perlina metallica, una pietra dura, una perlina metallica e una perla colorata.

59

Infila i componenti della collana seguendo sempre la sequenza: perlina metallica tra una pietra e l'altra e tra le perle, oppure in un'altra sequenza da te preferita.
Per chiudere la collana infila il filo di nylon nello schiaccino e poi nell'occhiello del secondo gancetto di chiusura, ripassa il filo nello schiaccino e chiudilo appiattendolo con la pinza. Inserisci il filo avanzato e ripiegato nelle pietre per nasconderlo.

69

Se, invece, vuoi realizzare una collana più particolare procurati del cordoncino.
Taglialo in tre pezzi da un metro e mezzo ciascuno, e sistema i pezzi uno accanto all'altro. Sovrapponi un dito a metà della loro lunghezza e piega i cordoncini intorno ad esso. Con un altro pezzetto di cordoncino, lungo cinquanta centimetri, chiudi il cappio con un nodo molto stretto, e usandolo le estremità che restano, avvolgi il cappio con dei nodi a festone, ripetendo la cosa fino a quando tutto il cappio non sarà rivestito da tale ricamatura: in questo modo avrai realizzato un'asola per chiudere la collana.

79

A circa quattro centimetri dall'asola annoda insieme tutti i cordoncini, poi inserisci una o più pietre in sequenza, e subito dopo e realizza un'altra legatura annodando i cordoncini liberi. Ripeti questo processo fino alla fine della collana in modo da immobilizzare i componenti e tenerli ben separati tra loro. Puoi alternare i nodi anche a spazi vuoti, della lunghezza che preferisci, così che avrai una collana con un numero variabile di nuclei di perle e pietre.

89

Quando avrai terminato, per chiudere la collana, a sei centimetri circa dall'ultimo nodo, infila un'ultima pietra dura fissandola lateralmente con due nodi, uno per estremità. Taglia in cordoncino eccedente: infilando questa pietra nell'asola avrai realizzato la chiusura della collana.

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Con le stesse procedure puoi realizzare dei bracciali da abbinare alle collane

Potrebbe interessarti anche

Il presente contributo è stato redatto dall'autore ivi menzionato a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e può essere modificato dallo stesso in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore dello stesso, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tale contributo e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala l'immagine o le immagini che ritieni inappropriate
Devi selezionare almeno un'immagine
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti