Come preparare la crema di ortiche

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

A volte cucinare diventa un problema soltanto perché non si hanno idee o magari pensiamo che manchino gli ingredienti. In certi casi, invece, gli ingredienti ci sono eccome e si trovano proprio nel giardino di casa. Uno di questi è sicuramente l'ortica che cresce spesso copiosa e magari la evitiamo soltanto perché provoca un bruciore tremendo se la tocchiamo. Le ortiche, invece, sono molto utili e posseggono diverse proprietà e possono essere impiegate sia in campo cosmetico che culinario. In questo caso abbiamo deciso di utilizzarle in cucina e vedremo come preparare la crema di ortiche. Le dosi sono per quattro persone.

25

Occorrente

  • 200 gr di ortiche, 40 gr di cipolla, 125 ml di vino bianco, 500 ml di brodo ristretto o di carne, 200 ml di panna, 1 spicchio d’aglio, sale, pepe, 20 gr di burro
35

Per prima cosa bisogna raccogliere le ortiche e per non pungersi utilizzate dei guanti. Scegliete soltanto le cime e le foglie più tenere in modo da avere il meglio della pianta. Sempre utilizzando i guanti, lavate bene le ortiche sotto l'acqua corrente e per togliere il loro effetto urticante gettatele in acqua bollente per un paio di minuti. Se volete ricavare il meglio e non volete perdere nulla delle proprietà di quest'erba, bevete l'acqua di cottura mischiata ad altra acqua per un effetto disintossicante e depurativo specialmente se siete a dieta. In alternativa, potete innaffiare le piante. Prima di procedere alla cottura, scolate bene le ortiche scottate.

45

Intanto in una padella capiente e preferibilmente a bordo alto mettete il burro e tritate finemente la cipolla mentre l'aglio va lasciato intero. Rosolate il tutto a fuoco dolce e irrorate con il vino bianco. Abbiate cura di far evaporare tutto il liquido in eccesso perché il vino deve soltanto dare un aroma particolare al piatto. Nel frattempo preparate un brodo ristretto o un brodo di carne dopodichè unite le ortiche e cuocetele per 10 minuti. Abbiate cura di togliere l'aglio prima di questa operazione in quanto serve soltanto per insaporire ma non va mangiato per non alterare il gusto.

Continua la lettura
55

A questo punto vanno aggiunti il burro e la panna e frullate tutto aggiungendo sale e pepe quanto basta. La vostra crema è pronta e sarà soffice, vellutata e gustosa. Va servita calda con crostini di pane appena sfornati. Si tratta di una tipica ricetta altoatesina che si prepara specialmente d'inverno la sera per combattere il gelo invernale ma si adatta anche a delle cene formali per iniziare. Gli ospiti ne saranno entusiasti e senza dubbio vi chiederanno la ricetta. C'è chi aggiunge anche della fontina fusa o della crema di formaggio ma in questo caso si tratta di varianti e non della ricetta ufficiale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Capelli

Come realizzare una lozione anticaduta per capelli

Se siamo particolarmente stressati a risentirne è anche, inevitabilmente, la nostra chioma! Non c'è, insomma, da meravigliarsi se i capelli rimarranno nel pettine o sul cuscino al mattino. Questo fenomeno ci crea, a volte, più disagio di quanto vorremmo...
Prodotti di Bellezza

Migliori ingredienti per maschere e detergenti viso fatti in casa

A tutte le donne piacerebbe potere dedicare del tempo a se stesse. Fissare appuntamenti dalle estetiste è il sogno di molte. Non sempre questo è possibile, per tempo o perché si vuole risparmiare qualche soldino e quindi nel caso del viso esistono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.