Come preparare il profumo alla fresia

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

In questa guida verrà indicato un metodo che vi permetterà di preparare il profumo alla fresia. Quest'ultima viene coltivata da sempre sia per il suo fiore stupendo, ma anche per il suo intenso profumo. La fresia è una pianta erbacea perenne appartenente all'Africa meridionale. È bene sapere che ogni suo bulbo produce foglie di piccole dimensioni nastriformi che sviluppano un sottile fusto che produce stupendi fiori aventi un delicato profumo. Vediamo dunque come procedere per preparare un buonissimo profumo con le proprie mani.

27

Occorrente

  • Bottiglietta di vetro con un tappo
  • Olio essenziale di fresia
  • Contagocce
  • Alcool etilico puro
37

Come prima cosa, dovrete procurarvi i seguenti ingredienti: il contagocce (si può acquistare facilmente in farmacia), l'acool in qualunque formato nei supermercati e l'essenza di fresia, presente comunemente in qualunque erboristeria o profumeria. La somma dei prezzi di ognuno di questi elementi è irrisoria rispetto al valore del prodotto finale. Per quanto riguarda la bottiglietta invece, basta averne in casa una vuota, ma è necessario che abbia un tappo e non un vaporizzatore. Una volta che avete ottenuto questi oggetti, necessari per svolgere il lavoro, potrete cominciare a effettuare la preparazione.

47

Prendete con il contagocce 10 mL dell'olio essenziale di fresia e versate il tutto nella bottiglietta di vetro. Tramite l'utilizzo del manico di un cucchiaio, agitate e mescolate molto dolcemente (fate questa operazione per qualche minuto) per fare amalgamare le essenze e aggiungete nella boccetta 90 mL di acool. Dal momento che l'obiettivo è ottenere un profumo, non dovrete aggiungere altri componenti, ma se volete potete prendere 250 mL di acqua di colonia con l'aggiunta di 200 mL di alcool, 40 mL di acqua distillata e 10 mL di essenza pura. A questo punto, dopo aver agitato bene, chiudete bene il contenitore con il tappo.

Continua la lettura
57

Successivamente, dovrete lasciare decantare il composto per una settimana, lasciandolo riposare in un luogo fresco e possibilmente asciutto. La condizione indispensabile per la realizzazione di un buon profumo è quella di farlo riposare in un luogo buio, ove non ci sia l'interazione chimica con i raggi solari o eventuali fonti luminose. Una volta conclusi i sette giorni, il prodotto sarà ormai pronto. A questo punto, potrete personalizzarlo con diverse etichette e potete pensare anche ad un nome per la fragranza così ottenuta. A questo punto, potrete impacchettare il vostro prodotto e regalarlo ad amici e parenti che resteranno piacevolmente sorpresi del vostro dono.

67

Guarda il video

77

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Prodotti di Bellezza

Come realizzare saponi profumati con essenza di cioccolato

Attualmente esistono in commercio molti tipi di saponi profumati: essi sono di facile reperibilità non soltanto nei negozi che sono specializzati in questo tipo di articolo, ma anche nei numerosi supermercati. Ma riuscire a realizzarli da soli può essere...
Make Up

Come curare le unghie malate con la melaleuca

Anche le unghie delle mani e dei piedi spesso possono essere soggette a delle infezioni, che sono per lo più fungine, come per esempio l'onicomicosi o la paronichia. Per riuscire a combattere in modo naturale queste infezioni fungine sulle unghie ci...
Make Up

Come ravvivare uno smalto secco

Le boccette che fanno capolino dagli scaffali delle profumerie, ci attirano irresistibilmente con tutti i loro colori. Infatti finiamo spesso per riempire il nostro beauty di smalti che rimangono inutilizzati per diverso tempo. Quando finalmente vorremmo...
Capelli

Come avere un cuoio capelluto sano con l'olio di mandorle

L'olio di mandorla è conosciuto sin dai tempi antichi da sempre per i suoi effetti salutari e era usato dai Romani che lo fecero conoscere a tutti i popoli conquistati. Oggi, è aggiunto a preparati emollienti, ristrutturanti e lubrificanti per la preparazione...
Capelli

Come fare un balsamo per capelli al rosmarino

I capelli rappresentano l'annesso cutaneo che più in assoluto deve essere curato e adeguatamente trattato. Molto spesso, a causa di stress, oppure per un'alimentazione sbagliata, o ancora per un'eccessiva esposizione ai raggi UV, essi possono rovinarsi...
Cura del Corpo

Come fare un'acqua di colonia al muschio bianco

Profumarsi è un rito che viene utilizzato da sempre. Esistono una vastissima scelta di profumi che si differenziano sopratutto per la loro fragranza. Il profumo è qualcosa di assolutamente personale e tramite l'olfatto ci lega a ricordi, fatti, persone...
Prodotti di Bellezza

Come preparare in casa un profumo ai fiori

Colorati, allegri, belli e soprattutto profumati. Stiamo parlando dei fiori, che oltre ad ornare parchi, giardini o le nostre case, vengono utilizzati per scopi non ornamentali. Uno di questi utilizzi prevede la preparazione di un gradevole profumo, adatto...
Prodotti di Bellezza

Come fare dei profumi personalizzati con gli oli essenziali

Quanto costa al giorno d'oggi avere un profumo firmato? A parte quello che è l'aspetto economico in sè, siete sicuri che gli ingredienti che vengono utilizzati per produrlo siano genuini e non nocivi per la nostra salute? Attraverso i passaggi successivi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.