Come lavare i capelli grassi con l’aceto

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Per la cura dei nostri capelli, sul mercato sono presenti innumerevoli tipologie di prodotti, creati appositamente per soddisfare tutte le nostre esigenze. Con l'aiuto di questi prodotti è possibile ottenere chiome lucide e molto morbide al tatto. Detto questo è anche doveroso specificare che nella stragrande maggioranza dei casi, questi prodotti sono preparati utilizzando ingredienti chimici quindi dannosi sia per il cuoio capelluto sia per i capelli stessi. È comunque possibile ottenere ottimi risultati utilizzando semplicemente un prodotto naturale, presente ormai all'interno della maggioranza delle nostre cucine: l'aceto di mele. Vediamo allora di seguito alcuni consigli su come lavare i capelli grassi utilizzando questo ingrediente naturale.

25

Occorrente

  • una ciotola in vetro
  • un contenitore
  • 2 tazze di acqua
  • 3 cucchiai di aceto di mele
35

Come già indicato nel passo di apertura, utilizzare l'aceto di mele in sostituzione ai vari prodotti chimici, significa prendersi cura della nostra bellezza, in questo caso particolare dei nostri capelli, in modo del tutto naturale. Oltre ad agire delicatamente sulle nostre chiome, l'aceto di mele ci aiuta a mantenere sana la struttura del capello, evitando così l'insorgenza della forfora e nei casi più gravi la perdita dei capelli stessi.

45

L'utilizzo di questo rimedio casalingo è molto semplice, una volta lavati i capelli utilizzando uno shampoo neutro delicato, è necessario procedere con l'applicazione del composto preparato in precedenza. Prendiamo quindi una ciotola in vetro, versiamo al suo interno l'acqua tiepida, aggiungiamo poi l'aceto di mele. Con un cucchiaio mescoliamo il liquido in modo che i due componenti si possano mescolare fra loro. Quando anche questo passaggio e completo, versiamo il liquido ottenuto all'interno di una boccetta, agitiamo e versiamo a filo metà del contenuto sui capelli. Con i polpastrelli procediamo ora ad effettuare un rapido massaggio su tutta la testa in modo che il composto possa penetrare fino alle radici dei capelli. Ripetiamo l'operazione versando ora sui capelli il rimanente liquido.

Continua la lettura
55

Avvolgiamo le chiome con un telo morbido e lasciamo in posizione la lozione per almeno venti minuti. Trascorso il tempo togliamo il telo e procediamo a risciacquare i capelli utilizzando acqua tiepida. Dopo il trattamento con l'aceto di mele, non è necessario utilizzare il balsamo in quanto già il prodotto stesso ammorbidisce e districa i capelli. Nel caso di capelli molto grassi, può essere utile ripetere il trattamento più volte alla settimana. Il consiglio è quello di acquistare solo ed esclusivamente un prodotto di buona marca e che sia di origine biologica.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Capelli

5 trucchi per realizzare uno chignon con capelli sottili

I capelli sottili, a differenza di quelli grossi, necessitano di cure specifiche appositamente studiate per contrastare al massimo la loro tendenza ad attaccarsi al viso apparendo così radi e privi di corpo. La gestione di questa tipologia di capello,...
Capelli

5 maschere per il trattamento dei capelli secchi

Avere i capelli sempre in ordine e a posto è uno dei desideri di ogni donna: naturalmente però non tutte possono permettersi lunghe e costose sedute dal parrucchiere. Come fare quindi per mantenere i capelli sempre al top? Per avere capelli belli e...
Capelli

Come trattare i capelli stirati

Sentirsi a posto con la chioma è una delle esigenze maggiormente avvertite da donne e ragazze che ricorrono all'esperienza dei parrucchieri o al fai-da-te per sistemare i propri capelli. Per avere chiome ordinate e lisce, chi le ha ricce o crespe preferisce...
Accessori

Accessori etnici: come abbinarli

Per stile etnico si vuole intendere gli usi, i costumi e le tradizioni di un popolo. Questo stile nella maggioranza dei casi, è formato da colori e forme che variano appunto in base al Paese di appartenenza. Fra tutti, vi è uno stile etnico che prevale...
Capelli

Uomo: come pettinare i capelli ricci

In genere pensiamo di essere le uniche persone ad avere difetti e sia l'uomo che la donna sono sempre pronti a preferire ciò di cui non dispongono. Ad esempio nel caso dei capelli, chi gli ha lisci vorrebbe averli ricci e viceversa. In particolare l'uomo...
Capelli

10 errori che rovinano i capelli

Nei pensieri di ogni donna c'è quello di essere sempre in ordine, a cominciare proprio dai capelli: le chiome sono molto importanti perché esprimono femminilità e una testa ben curata, pettinata e con capelli sani si riconosce anche da molto lontano....
Capelli

Come applicare i bigodini

Quando bisogna recarsi ad un evento speciale o una festa, è sempre meglio accudire il look personale. Il consiglio è quello di andare presso un apposito centro (quale un salone di bellezza o un parrucchiere). In questo modo è possibile ottenere dei...
Capelli

Come preparare uno shampoo purificante al bicarbonato e aceto di mele

Abbiamo dei capelli piuttosto grassi e non riusciamo a trovare un prodotto cosmetico in grado di risolvere il problema? La soluzione ideale potrebbe arrivare dalla natura. Negli ultimi anni, l'autoproduzione (soprattutto dei prodotti di bellezza) ha avuto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.