Come Favorire Una Cicatrizzazione Corretta Con Metodi Naturali

Difficoltà: facile
Come Favorire Una Cicatrizzazione Corretta Con Metodi Naturali
15

Introduzione

In genere, l'unico scopo di una cicatrice è di ricordarvi per sempre un incidente che altrimenti avreste già dimenticato da un pezzo: una ferita, una malattia, una vaccinazione, un intervento chirurgico. Tuttavia questi segni, spesso antiestetici, non devono essere necessariamente permanenti. Spesso si può aiutarli a svanire più in fretta, o addirittura evitarli, trattando la pelle nel modo giusto durante il processo di cicatrizzazione. Non stuzzicare la crosta, per esempio, riduce la probabilità di sviluppare una cicatrice.
Di seguito verranno descritti alcuni rimedi per favorire una cicatrizzazione corretta con i metodi naturali.

25

Occorrente

Assicurati di avere a portata di mano:
  • aromaterapia: 30 g di olio di semi di cinorrodo
  • 1 goccia di olio essenziale di rosa
  • 2 gocce di olio essenziale di elicriso
  • terapia ayurvedica: un quarto di cucchiaino di curcuma
  • un quarto di cucchiaino di mirra
  • per insaporire un pizzico di zafferano
  • acqua calda o miele
  • crema o gel alla calendula
  • aloe vera e/o olio di mandorle.
Come Favorire Una Cicatrizzazione Corretta Con Metodi Naturali
35

Uno dei primi mix consigliati è il seguente che prevede l'uso dell'olio di semi di cinorrodo, il quale possiede un eccezionale potere salva-pelle. Per preparare la miscela da utilizzare sulle croste, bisognerà miscelare 30 g di quest'olio con una goccia di olio essenziale di rosa e due gocce di olio essenziale di elicriso, in un contenitore.
Una volta creato il composto, dovrà essere conservato in un flacone di vetro scuro. Affinché abbia l'effetto desiderato se ne dovrà applicare una piccola dose sulle cicatrici o sulle croste una volta al giorno dopo il bagno.

Come Favorire Una Cicatrizzazione Corretta Con Metodi Naturali
45

Per prevenire invece la formazione del tessuto cicatriziale si dovrà utilizzare un altro rimedio. Sarà necessario far sciogliere un quarto di cucchiaino di curcuma, la stessa quantità di mirra ed eventualmente un pizzico di zafferano (per insaporire) in un po' di acqua calda o di miele. Dopo aver preparato il composto lo si potrà conservare in frigo per qualche giorno.
Il rimedio così preparato dovrà essere assunto per due volte al giorno, lontano dai pasti.

Approfondimento

Guida al trucco permanente
55

I fiori arancioni della calendula sono estremamente efficaci per ridurre l'infiammazione e favorire la rigenerazione dei tessuti dopo una ferita. In erboristeria e nelle farmacie che vendono prodotti naturali puoi trovare ottime creme o gel alla calendula: per l'applicazione, segui le istruzioni riportate nel foglietto illustrativo all'interno della confezione.
Ulteriore rimedio reperibile facilmente è l'aloe vera, che aiuta ad ammorbidire la ferita rendendola meno asciutta e facilitando così il ripristino dell'epidermide. Questa pianta non dovrebbe mai mancare nei nostri balconi, basterà spezzarne una foglia, e frizionare il gel sulla ferita, una volta al giorno. In alternativa all'aloe si potrà utilizzare l'olio alle mandorle ad alto potere emolliente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala l'immagine o le immagini che ritieni inappropriate
Devi selezionare almeno un'immagine
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti