15

Come fare un profumo

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

Realizzare un profumo autonomamente e nella proprio abitazione è un qualcosa a cui molti hanno pensato di mettere in pratica. Molto spesso capita che nel provare a creare un prodotto del genere, ad esempio mescolando alcuni profumi acquistati, non si riesca ad essere soddisfatti dalla profumazione acquisita. In questa semplice ed esauriente guida vi spiegheremo come fare un proprio profumo in casa.

25

Occorrente

  • essenza base a piacere che sarà quella predominante
  • essenza secondaria che servirà a personalizzare il nostro profumo
  • alcool a 95 gradi
  • acqua distillata
  • 2 imbuti uno un poco più grande dell'altro
  • un contagocce
  • alcuni fogli di carta da filtro
  • un cilindro graduato per la misurazione dei liquidi
  • garza da utilizzare come filtro
35

Il materiale necessario

Per prima cosa, si deve acquistare tutto quanto il materiale necessario, che consiste in poche semplici cose da reperire, che generalmente si possono facilmente trovare in una qualsiasi erboristeria. Prima di tutto è necessario andare a comporre la propria fragranza personale, versando alcune gocce di essenza base ed altre gocce di essenza secondaria, su un foglio di carta da filtro. Occorre aggiungere delle gocce di essenza base o secondaria fino al raggiungimento della propria fragranza ideale. In questa maniera, infatti, si avrà realizzato il proprio "tester". Naturalmente, è fondamentale avere cura di ricordarsi quante gocce sono state utilizzate, in modo tale da riuscire ad ottenere la propria fragranza personale.

45

La preparazione

A questo punto, possiamo procedere alla preparazione del proprio profumo preferito. Una volta ottenuta la propria fragranza, è necessario misurare, con il cilindro graduato, 10 ml di fragranza, 200 ml di alcool e 40 ml di acqua distillata, che si andrà a collocare momentaneamente in una ciotola. Praticamente, con questo dosaggio si andrà a realizzare 250 ml di colonia. Successivamente, mediante l'ausilio dell'imbuto delle dimensioni adeguate, occorre versare in una bottiglia la colonia appena realizzata. A seguire, si andrà ad agitare per circa 10 minuti la bottiglia, per poi metterla per un tempo di almeno 3 giorni, ma non superiore ad una settimana, in un luogo fresco e possibilmente al buio. Trascorsi sette giorni, pertanto, è necessario travasare la colonia dalla bottiglia alla ciotola e viceversa, servendosi dell'utilizzo di una garza che ha la funzione da agire come una sorta di filtro.

Continua la lettura
55

La metodologia

Una volta che la propria colonia sarà ottimamente filtrata e pulita alla propria vista, ossia avrà l'aspetto decisamente limpido e privo di scorie, sarà pronta ad essere travasata con l'ausilio dell'imbuto in una boccetta appositamente creata per il profumo. Una volta che è stata appresa la metodologia per realizzare un profumo, sarà possibile divertirsi a sbizzarrire tutta la propria creatività. Inoltre, sarà anche possibile cogliere l'occasione per fare dei regali ad amici ed a familiari.

16

Come preparare il profumo alla violetta

tramite: O2O
Difficoltà: facile

Introduzione

Conosciuta fin dall'antichità ed apprezzata da poeti e pittori, la violetta (viola odorata) è un fiorellino grazioso che cresce spontaneo in primavera. Oltre ad essere simbolo dell’amore romantico, ispira allegria in chi l'ammira ed è dotato di un profumo estremamente delicato e raffinato. Era il simbolo dell’antica Atene ed uno dei fiori preferiti di Napoleone Bonaparte. Preparare un profumo alla violetta non è difficile e non richiede grande impegno. Se hai voglia di sperimentare, continua nella lettura e scoprirai come fare.

26

Occorrente

  • Alcool etilico a 96° o alcool buongusto a 96°
  • 1 flaconcino di vetro scuro con il tappo
  • Olio essenziale di violetta
  • Olio essenziale di bergamotto
  • Olio essenziale di lavanda
  • 1 contagocce
36

La prima cosa che devi fare è procurarti una boccetta di profumo vuota. Dopo averla pulita con cura (tappo e spray inclusi), devi lasciarla asciugare completamente all’aria, per non rischiare di contaminarla con altri odori eventualmente presenti su strofinacci o panni di casa. Per lavarla usa semplicemente acqua e bicarbonato di sodio. Quando sará bella asciutta versaci 90 ml di acool etilico a 96° oppure di alcool buongusto, sempre a 96°. Quest’ultimo è alcool etilico alimentare, derivante dalla fermentazione di zuccheri. Poi, aiutandoti con un contagocce, aggiungi 8 ml di olio essenziale alla violetta.

46

L'alcool è facilmente acquistabile al supermercato ed il contagocce lo trovi in farmacia. Per quanto riguarda gli olii essenziali, ti raccomando di rivolgerti ad un’erboristeria seria e comperare olio essenziale puro al 100%, preferibilmente biologico ed ingeribile. Agita delicatamente la boccetta, giusto il tempo di mescolare sommariamente i 2 ingredienti, quindi aggiungici 1 goccia di olio essenziale alla lavanda o iris ed 1 goccia di olio essenziale al bergamotto o rosa. Chiudi immediatamente il flacone con il suo tappo e scuotilo per 2 o 3 minuti, sempre con estrema cura. A questo punto trova un luogo fresco, asciutto e buio dove conservare il tuo profumo per almeno 1 settimana. È fondamentale che tu lo riponga al riparo dalla luce.

Continua la lettura
56

Oramai hai finito di preparare il profumo, ti occorre solo un pochino di pazienza: trascorsi i sette giorni, la tua fragranza alla violetta è infatti pronta per essere indossata. Con il tempo e l'esperienza imparerai a dosarne le componenti in base ai tuoi gusti personali, variando o aggiungendo ulteriori olii. Creare un profumo è un’arte e, attraverso l’olfatto, puoi evocare emozioni che gli altri sensi non sono in grado di risvegliare. La violetta si sposa bene, ad esempio, anche con l’essenza di cassis o di ambra e la sua fragranza è adatta sia d'inverno che d'estate. L'importante è che tu mantenga sempre la proporzione di base per la preparazione del profumo, che consiste nell’80% di alcool e 20% di olio essenziale.

16

Come preparare il profumo al bergamotto

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

La composizione dei profumi disponibili in commercio è basata prettamente sull'impiego di alcol nel quale sono state disciolte delle essenze. L'industria dei profumi è molto variegata e sono numerosissime le case produttrici che mettono a disposizione della clientela dei profumi di qualità, con fragranze di ogni tipo. I profumi, che siano destinati alla persona o all'ambiente, vengono prodotti con materie odorose, ovvero degli elementi sintetici, disponibili in oltre duemila varietà. Diversamente, le essenze profumate totalmente naturali, delle quali si può disporre, sono in numero nettamente inferiore: circa duecento. Se desideriamo preparare un profumo fai da te completamente naturale, per esempio alla fragranza di bergamotto, scopriremo come poterlo creare, proseguendo nella lettura della guida.

26

Occorrente

  • 60 ml di olio di mandorle dolci (in alternativa olio di cocco o di jojoba), 30 ml di acqua distillata, 6 gocce di olio essenziale di bergamotto.
36

Il bergamotto è un agrume dotato di una buccia dal colore giallo, prevalentemente coltivato in Calabria e sin dal secolo 1800, in questa regione, ne viene estratto l'olio essenziale. L'essenza viene ottenuta dalla spremitura delle bucce del bergamotto e viene considerata un valido aiuto in ambito neuro-psichiatrico, al fine di curare le depressioni, gli stati di ansia e le nevrosi. Il suo caratteristico aroma, così solare, riesce ad attenuare gli impeti emotivi, rinfrancando nei momenti di sconforto e donando energia e vitalità. Apatia, pigrizia mattutina caratteristica del mondo adolescenziale o addirittura lutti, possono essere combattuti indossando il profumo del bergamotto, che non a torto risulta essere uno degli ingredienti base delle acque di colonia.

46

Al fine pertanto di godere di tutti i benefici di questo fantastico aroma, iniziamo procurandoci l'occorrente adeguato: 60 millilitri di olio di mandorle dolci (oppure di olio di cocco o di jojoba), 30 millilitri di acqua distillata e 6 gocce di olio essenziale di bergamotto. Inseriamo dunque l'olio di mandorle dolci e le gocce di essenza di bergamotto in un recipiente, miscelando bene i due elementi ed infine versiamo quanto ottenuto in una boccetta di vetro. Poniamo quindi la boccetta in un luogo buio per sette giorni, avendo però cura di agitarla quotidianamente almeno un paio di volte.

Continua la lettura
56

Una volta trascorso il tempo necessario, aggiungiamo l’acqua distillata ed agitiamo perché venga ben miscelata al composto. Passiamo dunque ad una prova di olfatto: nel caso in cui il profumo risultasse poco intenso, aggiungiamo qualche altra goccia di olio essenziale; in caso contrario uniamo dell'altra acqua distillata. Infine, poiché l'olio e l'acqua non sono mescolabili fra di loro, sarà bene inserire il nostro profumo al bergamotto in un apposito contenitore spray, agitandolo bene ogni qual volta desideriamo usarlo.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Agitare sempre la boccetta spray del profumo al bergamotto prima dell'uso.
16

Come realizzare un profumo personalizzato

tramite: O2O
Difficoltà: facile

Introduzione

La guida che verrà impostata si occuperà di profumi. A tutti noi ci sarà capitato, almeno una volta, di non riuscire a decidere qualche profumo comprarci, stando diverso tempo in giro nelle profumerie, senza riuscire a trovare qualcosa che ci piacesse particolarmente e, allora stesso tempo, non fosse eccessivamente oneroso per il nostro portafoglio. Nella guida che vedremo andremo a spiegarvi in pochi passi, come realizzare un profumo personalizzato.

26

Occorrente

  • Contenitore in vetro colorato
  • alcool etilico a 95 gradi
  • oli essenziali puri
  • un dosatore contagocce
36

Il materiale

Tanto per incominciare, dovremo andare a procurarci una serie di materiale e di ingredienti che sono strettamente necessari per riuscire a perseguire l'obiettivo finale che ci siamo fissati. Ci sentiremo, per così dire, un po' degli sperimentatori. E sostanzialmente dovremo realmente sperimentare nella fase iniziale, al fine di dosare nella maniera migliore i vari ingredienti, arrivando quindi a produrre delle fragranze che rispecchino ciò che abbiamo in mente. Occorrerà un contenitore in vetro trasparente o colorato (di solito per i profumi si usano boccette da 30, 50, 75 o 100 ml), dell'alcool etilico a 95 gradi, oli essenziali puri al 100% e un dosatore contagocce.

46

La produzione

La nostra finalità sarà quella di arrivare a creare un profumo che abbia, per ogni cento milligrammi, una percentuale di circa il sei per cento di contenuto in oli essenziali mentre, per quanto riguarda la restante parte, il novantaquattro per cento, andremo a utilizzare dell'alcool etilico a novantacinque gradi. L'olio essenziale può essere di un unico tipo oppure si può comporre un bouquet utilizzando le essenze che preferiamo. Sarà interessante testare di volta in volta nuove combinazioni. L'alcool utilizzato per il nostro profumo casalingo è lo stesso che si adopera per preparare liquori e ricette di pasticceria. Assolutamente non quello denaturato.
Quando avrete miscelato i vari ingredienti, dovrete lascia riposare la produzione per un periodo variabile tra le due e le quattro settimane, in un luogo che garantisca riparo da fonti di calore e fonti di luce. Andate ad agitare periodicamente il contenitore, in modo tale che gli ingredienti si miscelino in maniera uniforme. Dopo questo periodo lo potremo utilizzare.

Continua la lettura
56

Le caratteristiche degli oli essenziali

Attenzione agli oli essenziali che scegliamo, perché questi hanno caratteristiche molto diverse gli uni dagli altri. Quelli di agrumi ad esempio si caratterizzano per essere fotosensibilizzanti e potrebbero generare macchie sulla pelle se ci esponiamo al sole. Dovremo affidarci a un erborista esperto che ci consiglierà nella scelta e sarà in grado di illustrarci le proprietà di ogni singolo olio essenziale.
In conclusione di quest'interessante guida, vi consiglio vivamente di proseguire con le vostre ricerche informative su questa determinata tematica, al fine di raccogliere più informazioni possibili prima di sperimentare con la vera e propria produzione. Eccovi, a tal proposito, un link utile: http://mineraliberi.it/profumi-fai-da-te/.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.