Come fare un pediluvio con sassi e zenzero

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Quando la sera rientri stanco dal lavoro la cosa migliore da fare è una bella doccia calda per sciogliere i nervi e la tensione scrollando di dosso lo stress accumulato durante la giornata. Poiché i piedi spesso stanno rinchiusi in scarpe antinfortunistiche dalla mattina alla sera è doveroso dedicare del tempo anche a loro. Un bel pediluvio consentirà ai piedi di sciogliere la stanchezza e di spazzare via tutte le tensioni. Se leggerai questa guida ti spiegherò in maniera semplice e chiara come fare un pediluvio con sassi e zenzero.

27

Occorrente

  • Bacinella di acqua calda, bacinella di acqua fredda, cubetti ghiaccio, sassi, zenzero grattugiato, fazzoletto in citone
37

Prima di rientrare a casa recati sulla sponda di un fiume o di un ruscello e raccogli alcuni sassi di media grandezza oppure, se disponi di sassi ornamentali, puoi utilizzare anche quelli. Acquista una radice di zenzero fresca di piccole dimensioni, grattugiala e metti la polpa ottenuta in un tovagliolo di tessuto che dovrai legarlo con del filo.

47

Poni sul gas una pentola colma d'acqua e, quando bolle, spegni il fornello ed immergi il tovagliolo contenente lo zenzero fresco grattugiato. Metti l' acqua calda in una bacinella posta sul piano del box doccia, siediti sullo sgabello, qualora fosse presente oppure su una sedia se ne fosse sprovvista. Poni sul fondo della bacinella i sassi dopodiché immergi i piedi fino alle caviglie per 5 o 6 minuti. Muovi i piedi sui sassi affinché ne tragga beneficio maggiore la circolazione. Lo zenzero è indicato in caso di gambe stanche e pesanti in quanto è un ottimo alleato per il corretto ripristino della circolazione sanguigna.

Continua la lettura
57

Al termine del tempo indicato immergi i piedi in un'altra bacinella che avrai riempito con acqua e cubetti di ghiaccio. Questo passaggio deve durare 2 o 3 minuti. In questo modo la circolazione riprenderà a funzionare in maniera corretta e ti darà la sensazione di avere gambe rilassate e leggere.

67

Non lasciare immersi i piedi nell'acqua calda per più di 5 minuti in quanto essa tende a dilatare i vasi sanguigni mentre l'acqua fredda tende a comprimerli. Ecco spiegato il motivo per cui il tempo di immersione dei piedi in acqua fredda è inferiore rispetto al primo. Se sarai costante ed ogni sera ripeterai questo rituale di coccole per i tuoi piedi anche il tuo fisico ne trarrà giovamento. Al termine dell'utilizzo togli i sassi e ponili ad asciugare all'aria aperta per poterli nuovamente utilizzare il giorno successivo. Lo zenzero grattugiato va buttato e non può essere riutilizzato in quanto è stato privato delle sue sostanze nutritive.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non aumentare il periodo di immersione dei piedi

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Prodotti di Bellezza

come preparare un pediluvio antiodore con le erbe

Il pediluvio è un'immersione dei piedi in acqua calda o fredda e serve per eliminare i cattivi odori che emanano i nostri arti inferiori. Esso serve anche per tonificare i nostri piedi se abbiamo passato una giornata di lavoro senza aver avuto la possibilità...
Cura del Corpo

Bicarbonato di sodio per il pediluvio

Per il pediluvio i rimedi possono essere diversi ma un rimedio sicuramente naturale al 100% consta nell'utilizzo del famoso bicarbonato di sodio in quanto disinfetta ed aiuta ad eliminare la pelle "vecchia" e la pelle "morta" dai piedi, in particolar...
Cura del Corpo

Come preparare un pediluvio naturale

Spesso trascuriamo il fatto che i piedi rappresentano per noi una delle parti del corpo più importanti, e li sottoponiamo a degli sforzi eccessivi. Essi sostengono il nostro peso, soprattutto quando siamo costretti per lavoro a stare in piedi per molte...
Cura del Corpo

Come fare un pediluvio ai fiori di melissa

La Melissa officinale, conosciuta anche come Citronella, è una pianta erbacea perenne da sempre molto utilizzata in erboristeria, sia a scopi curativi, per uso interno ed esterno, che per la preparazione di candele ed oli, dal caratteristico odore (simile...
Accessori

Come Realizzare Degli Orecchini Con I Sassi Del Mare

Qualora la precedente estate appena terminata (Giugno-Settembre 2014) oppure quella dell'anno scorso (ovvero il 2013) l'abbiate passata in una meravigliosa località al mare e vi siate portati dei bellissimi sassolini (raccolti direttamente sulla spiaggia...
Cura del Corpo

Come fare un pediluvio rilassante

I piedi sono delle strutture anatomiche essenziali per il nostro corpo, sostengono tutto il peso corporeo e a volte, risultano essere doloranti, affaticati e gonfi. È importante quindi prestare attenzione anche ai vostri piedi senza trascurarli. Il...
Accessori

Come realizzare dei ciondoli con pietre o sassi

Ognuno di noi indossa un qualche tipo di accessorio per apparire più bello ed interessante agli occhi delle altre persone. Solitamente si indossa qualche ciondolo, regalato da qualcuno o che ci ricorda qualche persona cara o evento particolare della...
Cura del Corpo

Come rilassare i piedi stanchi

I nostri beati piedi sono la parte del corpo più sottoposta a stress in quanto è grazie a loro che noi ci reggiamo e camminiamo. Spesso tendiamo a trascurarli, non osservando delle utili regole che possano giovare ad alleviare la stanchezza e la pesantezza...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.