Come fare un cowash

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

I nostri capelli a causa di tinte e permanenti spesso risultano fragili e crespi, e soprattutto non morbidi al tatto; infatti, in commercio esistono diversi prodotti per migliorarne l'aspetto, e per donare maggiore lucentezza e renderli quindi più forti. Oggi però in voga vi è un vero e proprio trattamento chiamato cowash, cioè un sistema naturale per lavare il cuoio capelluto, lasciandolo nel contempo morbido per alcuni giorni. In riferimento a ciò, ecco nei passi successivi di questa guida, come fare un cowash in pochi e semplici passaggi.

26

Occorrente

  • Balsamo una tazzina
  • 1-2 cucchiaini di zucchero
  • 1 cucchiaino di miele
36

Prepara il cowash

Innanzitutto per la preparazione del cowash, sono necessari alcuni ingredienti che abbiamo generalmente in casa ossia lo zucchero e il balsamo, inoltre è molto semplice da realizzare e richiede anche poco tempo a disposizione. La differenza con un lavaggio normale dei capelli sta nel fatto che il balsamo non possiede sostanza schiumogene presenti nello shampoo, ed inoltre lo zucchero svolge la funzione di un vero e proprio scrub, quindi contemporaneamente sgrassa e pulisce i capelli, rendendoli morbidi e soffici.

46

Scegli il balsamo


L'uso del cowash è ideale perché non maltratta la cute, e soprattutto se hai i capelli molto sottili e li lavi spesso, la cute non viene danneggiata dai componenti chimici presenti invece nel comune shampoo. Importante è la scelta del balsamo che deve essere privo di silicone, in quanto se da un lato è un ottimo idrorepellenti e resistenti alle temperature quindi dona ai capelli luminosità, dall'altra parte invece crea sul capello una pellicola, seccandoli e creando delle antiestetiche doppie punte. Per preparare il nostro cowash, prendiamo un recipiente e mescoliamo per alcuni minuti, il balsamo neutro quindi privo di silicone con dello zucchero.

Continua la lettura
56

Emulsiona il composto


Il composto ottenuto deve essere emulsionato bene sui capelli bagnati per circa cinque minuti, in modo che lo zucchero svolga la funzione di un vero e proprio scrub. Trascorso tale tempo, risciacquiamo i capelli con abbondante acqua tiepida e poi li asciughiamo al sole. Inoltre lo scrub con lo zucchero pulisce in profondità, non graffia il cuoio capelluto, ed è un prodotto naturale preferibile a quello di canna perché svolge una maggiore azione esfoliante e soprattutto delicata. Un ulteriore consiglio è di usare il sistema del cowash ogni due settimane, quindi alternando al proprio shampoo questo fatto in caso, e sicuramente nell'arco di un mese già si noteranno i primi risultati soddisfacenti.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se desideri dei capelli ancora più morbidi puoi aggiungere anche un cucchiaino di miele

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Capelli

Errori da evitare se fai il cowash

Il cowash è l'alternativo metodo, molto di moda ai giorni d'oggi, per lavare i capelli senza l'utilizzo del normale shampoo. Questo tipo di lavaggio, infatti, si effettua con il solo balsamo, unito ad altre sostanze, come lo zucchero. Ma la tecnica del...
Capelli

Consigli per un perfetto cowash

Oggigiorno possiamo utilizzare mille tecniche per prenderci cura di noi stessi, del nostro corpo e dei nostri capelli. In particolar modo, i capelli hanno bisogno di tantissime cure. Possiamo utilizzare mille prodotti per renderli più forti e resistenti....
Capelli

Come avere capelli soffici e setosi

Possedere dei capelli brillanti, soffici e setosi rappresenta un obiettivo molto ambito specialmente dalle donne. Prenderci cura di loro, svolge ruolo fondamentale al fine di apparire sempre in perfettoordine in ogni situazione. Nasce quindi la necessità...
Capelli

Come fare uno scrub rigenerante del cuoio capelluto

Come si fa per viso e corpo, in alcuni casi, è necessario fare uno scrub anche sulla zona ricoperta dal cuoio capelluto, soggetta spesse volte a traumi causati da stress o da una eccessiva collocazione ai raggi solari e allo smog.Con il peeling (o scrub)...
Capelli

Come fare uno scrub ai capelli

Come per la propria pelle del viso c'è la necessità di effettuare periodicamente un cosiddetto scrub, affinché si possano eliminare tutte le cellule morte, dovete assolutamente sapere che anche il cuoio capelluto ha bisogno di molta cura per far si...
Capelli

Come fare uno scrub antiforfora

La forfora è uno dei problemi più fastidiosi che può colpire il cuoio capelluto; infatti, oltre a creare disagi dal punto di vista estetico, il più delle volte si associa anche a prurito, rossore e bruciore. Per intervenire è necessario non solo...
Prodotti di Bellezza

Come fare un balsamo scrub solido per cosce e glutei

Tutte le donne sognano di avere dei glutei e delle cosce belle lisce e toniche sia d'estate, quando la prova costume si avvicina, che durante tutto il resto dell'anno, in modo da poter apparire sempre più belle per i loro uomini, ma soprattutto per se...
Capelli

Come fare un massaggio per la cute

La nostra cute ha bisogno di un massaggio regolare. Se vi state domandando perché, sappiate che la risposta è nell'azione benefica del trattamento stesso. Oltre a favorire la microcircolazione del sangue nei bulbi, se fatto con oli specifici, un massaggio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.