14

Come fare lo shatush su capelli ricci

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

Molti affermano che i capelli rappresentino il vero e proprio biglietto da visita per ognuno di noi. Non a caso tantissime persone, ma soprattutto le donne, si recano dal parrucchiere almeno una o due volte alla settimana allo scopo di tenere sempre in ordine la propria capigliatura; ma oltre al tradizionale taglio e alla piega, esistono delle vere e proprie tecniche per abbellire i capelli. Ormai da alcuni anni si sta sviluppando una nuova tecnica di colorazione dei capelli chiamata shatush, la quale viene normalmente applicata sui capelli lisci; tuttavia, è possibile fare lo stesso anche su una capigliatura riccia. Vediamo allora attraverso i passi della seguente guida, come fare lo shatush sui capelli ricci.

24

Caratteristiche dello shatush

Come già accennato, nel particolare la tecnica dello shatush consiste nell'applicare un decolorante su alcune ciocche cotonate, facendole sfumare in modo graduale fino alla radice, per cui sulla cima dei capelli e vicino alle punte il colore apparirà molto più intenso. Non tutti sono favorevoli all'uso dei decoloranti poiché ritengono che esso sia abbastanza pericoloso perché potrebbe provocare la caduta dei capelli, soprattutto se si adoperano frequentemente; tuttavia non tutti sanno che lo shatush rovina i capelli meno di quanto si faccia con le classiche meches.

34

Schiarimento dei capelli

Nonostante lo shatush sia più utilizzato nei capelli lisci, sui ricci si può ottenere un effetto molto particolare. Se i capelli in questione sono ricci molto scuri tendenti al color rame, la schiaritura accentuerà la sfumatura. L'applicazione del decolorante dura circa 15-20 minuti per un unico tono e 30 minuti per 4 toni, sempre trattati in modo graduale. Più precisamente, l'effetto schiarente sui capelli ricci consiste nella lavorazione che prima tende a lisciare i riccioli tramite la piastra e poi con il decolorante e acqua ossigenata a 20 volumi. I capelli vanno presi partendo sempre dalla nuca fino alla fronte.

Continua la lettura
44

Cotonatura dei ricci

Una volta asciutti, occorre cotonare ogni riccio con un pettine a denti molto stretti per un totale di 5 volte. Dopo questi passaggi il risultato ottenuto è fantastico, in quanto ogni ricciolo appare schiarito con un effetto decrescente man mano che si arrotola verso il cuoio capelluto. Per cercare di tenere le sfumature per tanto tempo è necessario aspettare almeno mezz'ora per la posa, e dopo occorre risciacquare e asciugare con un phon, ottenendo sfumature multiple, simili a quelle delle vip del momento.

18

Come scegliere lo Shatush in base alla carnagione

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

Negli ultimi anni lo shatush ha iniziato ad impazzare tra la moda capelli di tutto il mondo, ad iniziare dalle VIP fino alle persone comuni. Praticamente è uno schiarire i capelli di diverse tonalità ed avere questo effetto schiarito come quando si va al mare, in estate. Lo shatush viene fatto a partire da mezza altezza dei capelli, ma ovviamente ogni parrucchiere può decidere, insieme alla donna, di provare colori, tonalità e estensione adatta. Inizialmente, quando ha iniziato a diffondersi, era biondo, si ci schiariva verso il biondo, poi visto che tutte hanno provato lo shatush, si è passati a scegliere il colore giusto a seconda della carnagione. In questa guida andremo a vedere proprio questo: come scegliere lo shatush in base alla carnagione.

28

Occorrente

  • Shatush, prodotto specifico
38

La tecnica dello Shatush, avviene mediante una decolorazione sulle punte dei capelli. Lo Shatush, è solitamente più utilizzato dalle donne che hanno capelli molto lunghi perché riesce a vedersi meglio il suo effetto lucente. Ma questo di certo non è un impedimento per le donne con i capelli più corti, anzi, tutti possono farlo. Spesso però, non a tutte le donne stanno tutti i tipi di Shatush ed è per questo, che vi servirà questa guida per capire come orientarvi sulle tonalità di questo effetto in base alla vostra carnagione. Più il prodotto decolorante starà applicato sulle punte, più l'effetto Shatush, risulterà chiaro e tendente al biondo.

48

La colorazione ottenuta dallo Shatush, è una sorta di bicolore sfumato. In realtà, il classico Shatush nasce come decolorazione del biondo ma oggi esistono molte varianti di colore che possono variare dal rosso, al viola fino ad arrivare al blu. Le pelli chiare con un colore di capelli biondo naturale, dovranno attenersi a delle schiarite di capelli sempre poco chiare. Decolorare eccessivamente le punte, rischierà di farvi apparire troppo slavate, pallide e non avrete un effetto Shatush adatto alla vostra pelle. Fate una decolorazione naturale, come se le punte dei vostri capelli fossero schiarite in modo naturale dal sole.

Continua la lettura
58

Per le pelli non troppo chiare con capelli castani, un effetto molto chiaro tendente al biondo potrebbe stare molto bene e l'effetto Shatush illuminerebbe sicuramente il viso e i lineamenti. Anche uno Shatush rosso sulle pelli non troppo chiare è perfetto per valorizzare l'incarnato. Per le pelli lentigginose e per i capelli rossi naturali, lo Shatush non è ideale perché tenderebbe a farli diventare quasi color ruggine. Perfetto invece uno Shatush rosso scuro su capelli castani con un effetto sulle punte molto particolare quasi "vedo non vedo". Seguendo questi piccoli consigli, l'effetto Shatush sul vostro viso avrà una tonalità perfetta e vi renderà luminose e perfettamente alla moda.

68

Al di là della tonalità, lo shatush deve essere spesso ravvivato, sia per il colore che nella lunghezza dove si estende, soprattutto quando si tagliano i capelli. Ma ricordate di utilizzate prodotti che aiutino i vostri capelli a mantenere la lucentezza e la morbidezza, lo shatush, in base anche al tipo di capello, più renderli un po' secchi.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se siete pallide, evitate di decolorare troppo i capelli.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:
16

Come mantenere a lungo lo shatush

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

Cos'è lo shatush? Lo shatush è una tecnica di colorazione che ha come scopo quello di riuscire a schiarire le punte mantenendo integra la radice. Questa tecnica può essere eseguita su tutti i tipi di capelli (ricci o lisci) e anche su qualsiasi tipo di colore. Lo shatush è la tendenza del momento. La domanda che molte donne si pongono dopo aver fatto lo shatush è la seguente: cosa bisogna fare per mantenere il colore più a lungo ed intenso? In questa guida vi spiegherò dei piccoli trucchetti e segreti su come mantenere a lungo lo shatush.

26

Occorrente

  • shampoo Argan, asciugamano, olio, maschera,
36

Partiamo col dire che se lo shatush non viene curato inizia a "scaricare". Per avere un colore più intenso e che duri più a lungo bisogna utilizzare una tinta permanente perché quella semi-permanente è più debole, in questo caso bisogna tingersi spesso. Dopo aver tinto i capelli, lo shampoo che bisogna usare è quello di Nashi Argan, il quale grazie alle sue proprietà benefiche riesce ad assicurare idratazione e detersione. Grazie a questo shampoo il calore dello shatush rimane vivo ed intenso più a lungo possibile. Attenzione non bisogna mai lavare i capelli tre giorni prima di tingersi perché in questo modo il colore prende più velocemente.

46

Successivamente occorre utilizzare una alla settimana una maschera protettiva. In che modo? Bisogna preparare in una ciotola due parti rosse dell'uovo, successivamente, aggiungere un paio di cucchiaini di miele e, infine, dell'olio di oliva. Mescolare il composto ottenuto fino a farlo diventare denso. Dopodiché spalmare il composto in modo particolare sulle punte dei capelli procedendo in modo lento e preciso. Infine, avvolgere i capelli in un asciugamano caldo e farli riposare per un po'. Passate un paio di ore bisogna procedere con il lavaggio dei capelli. Attenzione lavare il cuoio capelluto con estrema delicatezza.

Continua la lettura
56

Infine, vi consiglio che nei giorni successi allo shatush non bisogna esporsi al raggi UV. Perché mai? I raggi UV tendono a far schiarire molto rapidamente lo shatush. Quindi se si desidera andare al mare bisogna proteggerli. Lo stesso discorso viene necessariamente fatto per quanto riguarda l'uso delle lampade. Importante, inoltre, asciugare i capelli all'aria perché il phone danneggia il colore, quando ciò non è possible bisogna utilizzare il phone a una temperatura media. Seguendo questi piccoli e brevi consigli riuscirete a mantenere lo shatush più a lungo possibile in modo brillante e, soprattutto in modo del tutto sano.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Curare lo shatush
16

Consigli per la scelta dello shatush

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

Spesso capita che per cercare di esorcizzare un momento no, o semplicemente per dare un taglio alla monotonia di tutti i giorni, le nostre intenzioni ricadano sulla scelta di un nuovo tatuaggio, di un piercing, o magari di un nuovo taglio di capelli. Le donne, in particolare, sono quelle che più di tutte sperimentano con i propri capelli, passando da un taglio all'altro e cercando tinta dopo tinta di trovare le combinazioni di colore può adatte al capello. Tra le tecniche più utilizzate dalle donne esiste quella dello shatush, una tecnica che permette di schiarire il colore naturale del capello partendo della radice. Scopriamo insieme alcuni utili consigli per la scelta dello shatush.

26

Se siete more usate il color tabacco

Un modo molto gettonato per schiarire i propri capelli attraverso la tecnica dello shatush è quello di usare una tinta color tabacco con riflessi tendenti sul ramato. Questa tipologia di colore è particolarmente indicata per tutte quelle donne che hanno la pelle scura e che presentano i capelli neri.

36

Se siete castane usate il biondo cenere

Un altro modo di utilizzare la tecnica dello shatush è quello di schiarire i capelli utilizzando una tinta biondo cenere. Il biondo cenere donerà a chi non presenta una pelle chiarissima un effetto molto elegante e naturale. Invece per chi presenta dei capelli castano chiaro e una pelle molto chiara, optare per una schiaritura troppo forte potrebbe rilevarsi controproducente rischiando di rovinare le punte.

Continua la lettura
46

Se siete rosse usate una tinta arancione

Se siete rosse non abbandonate l'intenzione di utilizzare la tecnica dello shatush, in quanto l'effetto sui vostri capelli, se accompagnato da una buona tintura, potrebbe risultare molto interessante e brillante. Potrete per esempio adottare una tinta color arancione schiarendo di pochi toni il colore naturale e aumentando l'intensità qualora i vostri capelli fossero molto lunghi. Fate comunque sempre attenzione a scegliere la tinta giusta onde evitare l'effetto aranciato.

56

Scegliete il colore più adatto alla vostra pelle

Quando scegliete la tinta per il vostro effetto shatush ricordate di tenere sempre conto del colore della vostra pelle, il quale non si adatta a tutte le tonalità. Se presentate una pelle chiara potreste optare per tutte le tonalità dal castano al biondo cenere. Se invece avete una carnagione olivastra, dovreste evitate sicuramente tonalità come il biondo platino optando per colori più scuri, o ramati che valorizzano l'incarnato del vostro viso.

66

Provate a usare colori eccentrici

la tecnica dello shatush vi permetterà anche di sbizzarrirvi con i colori permettendovi di scegliere diverse tonalità molto eccentriche e alternative. Provate quindi a colorare i vostri capelli optando per un effetto shatush che abbracci il celeste, il verde, il rosa o il blu. Scegliete quel tocco di eccentricità più adatto alla vostra pelle, sperimentate!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.