15

Come fare la ricostruzione delle unghie in casa

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

Le mani curate sono un vero e proprio biglietto da visita, specialmente in ambito lavorativo. Sono molte le persone che le guardano per cui le unghie sporche o nervosamente smangiucchiate saltano subito all'occhio. Se si vuole provvedere da sole per risparmiare qualche soldino è opportuno informarsi dai tutorial che sono presenti su internet. Per riuscire a raggiungere un risultato ottimale bisogna provare spesso, magari anche sbagliando. L'ideale è frequentare un corso di formazione professionale; in questo caso è consigliabile cominciare ad acquistare un kit completo professionale per la ricostruzione delle unghie. Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni utili consigli su come fare la ricostruzione delle unghie in casa.

25

Occorrente

  • cotone idrofilo
  • colla per tip
  • acetone puro
  • gel trasparente
  • pennello per gel
  • smalti dei colori preferiti
  • lime diverse
  • lampada UV 36 WATT
  • tips
  • tronchesino
35

Passare l'acetone

La prima cosa da fare è quella di inumidire il cotone idrofilo nell'acetone puro e passarlo sulle unghie. Così facendo si rimuove qualsiasi "residuato bellico" di smalto e si rende la superficie dell'unghia perfetta per ciò che si ha in mente. Dopo aver scelto l'unghia finta della giusta misura si deve incollare la sua parte finale facendo una leggera pressione per 5 secondi su quella vera. La tip deve essere perfettamente incollata; non devono esserci spazi per non correre il rischio che l'acqua o la sporcizia possano infiltrarsi. Poi, l'unghia finta si deve adattare e limare bene.

45

Cambiare lima

A questo punto bisogna cambiare la lima; si deve prendere quella curva e lavorare su quell'antiestetico "gradino" che per forza di cose si crea tra l'unghia vera e quella finta. Il "gradino" va assolutamente assottigliato. Successivamente si passa al primer per stendere la base; in questo modo si può attaccare il gel. Ne basta davvero un pochino per cui non è consigliabile consumarlo inutilmente. Infine, si toglie l'eccesso e via nella lampada per circa un minuto.

Continua la lettura
55

Definire i dettagli

Ora è il momento di prendere il gel trasparente per fare uno strato molto sottile. Esso deve stare sotto a quello colorato e successivamente si mette sotto la lampada. In seguito si passa al colore e le unghie vanno ancora messe in forno, stavolta per tre minuti. Se si vuole ottenere una finitura più lucida è preferibile passare un ultimo strato trasparente, da asciugare naturalmente sotto la lampada. A questo punto si tratta solo di definire gli ultimi dettagli. Bisogna ricorrere ad un apposito prodotto per pulire dita e unghie dallo strato appiccicoso e superfluo lasciato dal gel. Poi, si lima ancora il gel di troppo oppure si migliora la forma data precedentemente.

19

Gli strumenti essenziali per la ricostruzione delle unghie

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

Non è detto che per una ricostruzione delle unghie ci si debba per forza rivolgere a un centro estetico. Certo, la professionalità di estetisti professionisti potrebbe sicuramente risultare un fattore di comodità e sicurezza, soprattutto rispetto al risultato finale, ma è altrettanto percorribile l'alternativa di compiere la ricostruzione anche in casa propria. Molte sono infatti le donne che si dilettano in queste operazioni di cura e miglioramento estetico del proprio corpo.
A questo proposito, ricordando che è fondamentale servirsi solo di quegli oggetti che rispettino le norme della salute, elenchiamo qui gli strumenti essenziali per la ricostruzione delle unghie.

29

Lampada UV

Partiamo dallo strumento in assoluto più importante per la ricostruzione: la lampada UV.
Essa infatti rappresenta il mezzo con cui avviene la catalizzazione e polimerizzazione del gel usato per la ricostruzione.
La lampada UV può essere da 36 o 45 Watt. Assicuratevi che rispetti le norme di sicurezza dell'Unione Europea (o degli Usa), facendo attenzione all'etichetta.

39

Lime

Le lime rappresentano senza dubbio gli strumenti più rilevanti nell'attività di ricostruzione delle unghie. Esse si occupano della levigazione delle unghie naturali prima della ricostruzione e svolgono anche un'importante funzione nell'opacizzazione finale al termine della ricostruzione dell'unghia in gel. Si contraddistinguono per grana crescente, vale a dire che un numero più alto indica una grana più fine.

Continua la lettura
49

Disinfettante per mani

Questo è uno strumento essenziale per svolgere l'operazione di ricostruzione delle unghie nella più totale igiene, dato che nell'operazione si va letteralmente a installare un'unghia finta su quella naturale. Per questo motivo, dovete utilizzare un disinfettante per mani, così da garantirvi un'igiene assoluta.

59

Tip

Le tip altro non sono che le unghie finte costituite da plastica preformata, delle protesi che hanno il compito di allungare le unghie naturali. Esse sono vendute in confezioni che ne comprendono un diverso numero e sono disponibili in molti diversi tipi di dimensioni, oltre che in svariati colori.
Esse, inoltre, sono vendute quasi sempre insieme alla colla per tip che serve, appunto, per applicarle.

69

Primer

Giungiamo ad un altro strumento necessario e altamente rilevante nel processo di ricostruzione delle unghie, vale a dire il primer.
Il primer, infatti, rappresenta il mediatore di aderenza tra l'unghia naturale e il gel (di cui parleremo tra poco) e serve a eliminare residui di grasso sull'unghia naturale e a renderla uniforme per la migliore applicazione del gel.

79

Gel

Ecco, dunque, il gel che è il prodotto maggiormente interessato nella ricostruzione.
Il gel si divide in vari tipi a secondo della fase del processo in cui è utilizzato: gel costruttore è quello più importante usato dopo il primer, mentre il gel trifasico e il gel color riguardano le fasi finali dell'intervento estetico di ricostruzione.

89

Pennelli per unghie

I pennelli per unghie, venduti in varie grandezze per le differenti esigenze, servono per l'applicazione dei vari liquidi che intervengono durante le varie fasi della ricostruzione delle unghie. Con il pennello applicheremo il gel costruttore e, in fase più avanzata, anche il gel traspirante che sarà l'ultimo strumento di cui ci occuperemo.
Inoltre alcuni particolari tipi di pennelli servono davvero molto in fase di limatura, eliminando la polvere creata dalla lima.

99

Lucido finale

Concludiamo con uno strumento fondamentale, che inoltre risulta anche come uno degli ultimi che va utilizzato. Stiamo parlando del lucido finale, detto anche gel traspirante, che è in grado di conferire la lucentezza desiderata alle unghie anche dopo l'esposizione a lampada UV.
Il lucido finale rende belle, brillanti e lucide le unghie ricostruite.

15

Come Scegliere La Forma Delle Unghie Più Adatta Alle Tue Mani

tramite: O2O
Difficoltà: facile

Introduzione

Se amate prendervi cura di voi stesse e avere le mani sempre ordinate, questa è la guida che fa per voi. Non sempre, infatti, è semplice scegliere la forma delle unghie più adatta alle vostre mani, ma seguendo alcuni semplici consigli, sarà un gioco da ragazzi. Vi mostrerò diversi tipi di unghie e vedremo insieme come scegliere quello adatto in base al tipo delle vostre mani.

25

Prima di tutto, dovete sapere che le unghie sono una parte molto importante del corpo per accentuare la propria femminilità e la propria sensualità. Per fare ciò, bisogna saper scegliere tra le varie forme quella più adatta alle proprie mani. La scelta più ovvia ricade spesso sulla forma ovale (o a mandorla) che è la forma che dona alle mani grazia e femminilità e si adatta alle mani con dita lunghe e affusolate. Essa è splendida con smalti colorati di tutti i tipi. Tuttavia, questa scelta non si adatta universalmente a tutti i tipi di mano.

35

Continuando, vi presento l'altra forma per le unghie: la forma a punta (o a stiletto). Essa è una forma ideale per le donne che amano le unghie molto lunghe e seducenti. Essa dona l'idea di una donna trasgressiva e per questo vi consiglio di usarla con colori forti, quali il rosso, il nero e il viola. Si adatta molto bene anche alle mani con dita lunghe e affusolate, anche se è gradevole anche su mani piccole che presentino dita un po' più corte.

Continua la lettura
45

La forma rotonda è una forma molto classica, simile a quella ovale ma con i lati più arrotondati. Essa è adatta per quelle donne che hanno un tipo di mano più possente, con dita robusta e parte rosa dell'unghia molto larga. Se avete una mano di questo tipo, evitate la forma squadrata, poiché tende a far sembrare le dita più tozze di quel che sono. La forma rotonda vi aiuterà, al contrario, a rendere le vostre mani più aggraziate e armoniose. Vi consiglio di prediligere sempre i colori naturali per gli smalti, quali il rosa, il bianco e il rosso.

55

La forma squadrata ha anche dei pregi: essa è molto indicata per la french manicure, uno stile per le unghie molto semplice da fare e bello da vedere. Se avete le mani lunghe e magre vi consiglio vivamente di scegliere questa forma: essa rende le vostre mani ancora più affusolate e seducenti. Una buona alternativa è la forma squadrata ovale che, al contrario, è una forma che si adatta ad ogni tipo di mano, in quanto rappresenta una via di mezzo tra una punta squadrata e una ovale. Anche in questo caso giocate bene con i colori per evitare di avere delle mani poco armoniose.

18

Come fare una copertura unghie in UV gel

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

Se il nostro desiderio è quello di avere sempre delle unghie curate e ordinate senza necessità di spendere un capitale dall'estetista per la manicure, non abbiamo nulla da temere. In rete ormai sono presenti fantastici kit professionali per regalarci una perfetta manicure completa e con delle semplici guide che permettono di ottenere dei risultati simili a quelli di un professionista. L'importante è acquistare sempre prodotti certificati e sicuri. Il fine della presente guida è quello di fornire delle utili indicazioni su come fare una copertura unghie in UV gel.

28

Occorrente

  • Lampada UV da 36 kw
  • Gel UV di base
  • Gel UV modellante
  • Gel UV sigillante
  • Lima grammatura 100/180
  • Spingi cuticole
  • Cleaner
  • Pads
  • Primer
  • Buffer
  • Olio per cuticole
  • Pennello n° 4
38

Operazioni preliminari

Una delle operazioni preliminari da eseguire per ottenere una buona copertura in gel duratura è quella di pulire in maniera accurata le unghie. La tenuta del gel può infatti compromettersi per la presenza del leggero strato di grasso che si crea sulle unghie. Dopo la pulizoa e prima di abbassare le pelliccine con uno spingi cuticole è buona norma passare una crema oleosa sulle unghie in modo da ammorbidirle bene. La fase successiva prevede l'utilizzo di un buffer per rendere opaca la superficie dell'unghia e di una lima da 100/180 per dare la forma desiderata all'unghia. Terminiamo le operazioni preliminari con una ulteriore pulizia con un pad imbevuto di cleaner per portare via le polveri della limatura e per degrassare l'unghia.

48

L'utilizzo del primer

Un elemento fondamentale è l'utilizzo di un primer: questo è un acceleratore di aderenza che deve essere passato su tutte le unghi e che disidrata in profondità l'unghia facendo in modo che la stessa sia pronta a ricevere facilmente il gel che dovrà successivamente attaccarsi. A questo punto bisogna attendere che il gel si asciughi in modo completo sulle unghie. L'uso del primer è necessario in quanto il suo mancato utilizzo potrebbe compromettere la riuscita dell'intera copertura.

Continua la lettura
58

Stendere il gel sulle unghie

La fase successiva consiste nello stendere il gel sulle unghie: questa operazione avviene attraverso diversi step. Inizialmente si stende il gel di base che avrà il compito di aumentare l'aderenza dei successivi strati di gel. Deve essere passato come un normale smalto con il pennellino e per renderlo ben compatto bisogna farlo polimerizzare dentro la lampada per 120 secondi. Al termina dell'asciugatura in lampada, l'unghia apparirà comunque appicicosa: è normale in quanto deve aumentare l'aderenza dello strato di gel successivo.

68

Stendere il secondo strato di gel

A questo punto possiamo passare il secondo strato di gel che è quello UV modellante in quanto avrà il compito di fornire alla nostra unghia l'intera struttura, creando una sorta di bombatura nella parte centrale dell'unghia. Il compito di questa parte bombata è quella che di rafforzare la struttura dell'unghia e di renderla più resistente agli urti, evitando al gel di creparsi.
La bombatura si crea con una pallina di UV gel che sarà posizionata al centro dell'unghia e spalmando con un pennellino una quantità ridotta di gel sulle unghie. Anche la bombatura richiede una fase di polimerizzazione di circa 2 minuti.

78

La definizione delle unghie

Una volta effettuati questi due step, se lo desideriao possiamo effettuare la decorazione che preferiamo. In caso contrario possiamo passare direttamente alla sigillatura di tutto il lavoro con l'utilizzo del gel UV sigillante. Anche questo gel va polimerizzato in lampada per 2 minuti. Passati i due minuti bci basterà eliminare lo strato appiccicoso con un pad imbevuto di cleaner. L'ultimo step è quello di passare un olio per cuticole sulle nostre unghie. In questo modo andremo a spingere le pellicine in fondo alle unghie e rimuoveremo gli eccessi di gel che possono essersi creati nella stesura. A questo punto la nostra copertura unghie in UV gel è terminata e se abbiamo eseguito tutto alla perfezione dovrebbe resistere per almeno tre settimane.

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non dimentichiamo di bagnare bene il pennellino del gel
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.