15

Come fare la ceretta alle gambe

tramite: O2O
Difficoltà: facile

Introduzione

"Se bella vuoi apparire un po' devi soffrire" recita il detto e sicuramente per molte donne la ceretta è sinonimo di dolore e disagio. Se però viene fatta correttamente, la ceretta è una delle opzioni più comode e durature per mantenere le gambe lisce e setose. Tuttavia, fare la ceretta da sole a casa non è del tutto facile, ecco quindi alcuni utili suggerimenti per fare la ceretta alle gambe.

25

Affinché abbiate un buon risultato, la ceretta va fatta solo quando i peli sono abbastanza lunghi, cioè di almeno 5-6 millimetri. Questo garantirà uno strappo corretto e completo, rimuovendo il pelo in profondità. Tuttavia, nel caso i peli fossero troppo lunghi, è consigliabile accorciarli servendoci di un taglia capelli elettrico, per accorciarne la lunghezza. Inoltre, la settimana prima della ceretta, è meglio rimuovere la pelle morta, facendo un'esfoliazione profonda alla pelle delle gambe, sempre per migliorare l'efficacia della nostra ceretta.

35

Il tipo di cera migliore è sicuramente quella a caldo, mentre la cera a freddo è più difficile da lavorare in quanto più densa e appiccicosa. Tuttavia, se siete alle prime armi con la depilazione fai-da-te, l'uso della cera a freddo è un buon modo per iniziare e fare pratica, poiché non vi è il rischio di ustioni. Le strisce di cera già pronte, sono invece adatte a pochi tipi di peli, oltre ad essere abbastanza costose.

Continua la lettura
45

Il primo passo essenziale è avere le gambe pulite e asciutte prima dell'applicazione della cera. Una volta che vi siete assicurate di avere le gambe asciutte, controllate di non avere, nella zona da depilare, vene varicose, tagli o abrasioni. Terminato il controllo, è il momento di cominciare con la ceretta. Immergete la spatola nella cera e togliete la cera in eccesso. Successivamente applicate la cera, in una piccola sezione, in direzione della crescita dei peli.

55

Modellate la striscia con le mani, sempre nella direzione della crescita dei peli. Dopo che avrete ben spianato la striscia di cera, è il momento di sfilarla. Per farlo, strappatela nella direzione opposta alla crescita dei peli, cercando di mantenere la striscia il più vicino possibile alla pelle. Dopo lo strappo, rimuovete i residui di ceretta con olio per bambini e acqua tiepida: avrà anche un effetto rilassante per la nostra pelle. Ll metodo più efficace per cercare per ridurre il dolore naturalmente provocato dallo strappo è quello, durante lo strappo dei peli, di mantenere la pelle più tesa possibile e tirare la striscia con decisione e fermezza.
Come vedete, bastano piccole precauzioni per risparmiare ed avere un risultato durevole nel tempo e perfetto.

14

Come depilarsi con la ceretta a caldo

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

La depilazione risulta seccante per noi donne, soprattutto nella stagione calda. La ceretta, risulta essere più efficace per i peli superflui è sicuramente quella a caldo.
Com è formata la ceretta a caldo e come depilarsi? È formata da un mix di cere riscaldate e sdradica i peli dalla radice.
Il calore della cera, aiuta il follicolo ad aprirsi, tuttavia quest' operazione puo' provocare problemi come la vasodilatazione; per tale motivo è sconsigliata a chi soffre di fragilità capillare.

24

La ceretta a caldo la puoi trovare in qualsiasi profumeria o supermercato. Può presentarsi o in forma di dischetti, ancora da sciogliere nell'apposito pentolino o già predisposta nell'apposito roll-on, immediatamente pronta all'uso.
La depilazione va effettuata infatti sulla pelle perfettamente asciutta e pulita.
Il pelo deve avere una lunghezza di almeno 4-5 mm per poter essere strappato.
Prima di procedere con la depilazione, occore applicare una crema pre-depilatoria in modo da preparare la pelle e rendere l'esecuzione meno dolorosa possibile.
La depilazione con la cera a caldo ha una durata abbastanza lunga; dura all'incirca 4 settimane.

34

I consigli che posso darti sono quelli quindi di a scaldare la cera in una ciotola usa e getta o nell'apposito pentolino in metallo. Ricorda di provare la cera prima sul dorso della mano e assicurarti che non abbia oltrepassato la temperatura giusta.
Successivamente applicala con una spatolina di legno o di metallo sulla parte da depilare. La cera va applicata seguendo una striscia lunga e continua di circa dieci centimetri, nel caso delle gambe. Se invece vuoi depilare l'inguine o le ascelle forma delle strisce più corte, ma sempre continue. Delicatamente stacca un lembo di cera nella parte superiore della striscia, poi strappa dalla parte del pelo, mai da quella opposta!
Lo strappo dalla parte opposta del pelo puo' infatti provocare peli incarniti molto fastidiosi.

Continua la lettura
44

Se ci sono ancora dei peli superflui sulla zona che hai già trattato, puoi ripassare nuovamente la cera e procedere ad un nuovo strappo. Assicurati di eliminare i residui che restano dopo la depilazione. Ci sono in commercio fluidi o salviette usa e getta, a base di oli essenziali che ti aiutano a pulire la pelle.
Per idratare la pelle stendi un velo di crema idratante per riattivare la microcircolazione.
In questo modo, seguendo queste indicazioni, riuscirai ad ottenere un risultato perfetto.. Daltronde prima del risultato visivo, cio' che conta è la salute della nostra pelle!

18

Come depilarsi con ceretta fatta in casa

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

La depilazione è una pratica ora mai diffusa, non solo nel mondo femminile ma anche in quello maschile. Fa parte della nostra vita. In commercio vi sono tantissimi prodotti da utilizzare per eseguire una ceretta. C’è chi preferisce prendere un appuntamento con la propria estetista. Chi invece decide di affidarsi alla tanto cara ceretta fatta in casa. Con questa guida vi spiegherò come depilarsi con ceretta fatta in casa.

28

Occorrente

  • ceretta fatta in casa
  • miele
  • acqua
  • zucchero
  • succo di limone
  • spatola in legno o metallo
  • strisce depilatorie
  • lenzuolo vecchio
  • borotalco
  • olio o crema idratante
38

Gli elementi principali che compongono una ceretta fatta in casa, sono lo zucchero, il miele e il succo del limone. Molto importante nella preparazione della ceretta fatta in casa è la consistenza che si deve riuscire ad ottenere. Data non solo dal tempo di cottura della cera ma anche dal modo in cui gli ingredienti riescono a sciogliersi ed ad amalgamarsi tra di loro. La ceretta fatta in casa sarà pronta quando inizierà ad assumere un colore miele dorato. Una volta che avremo finito di preparare la nostra ceretta fatta in casa, possiamo passare alla vera e propria depilazione.

48

In realtà abbiamo a disposizione due metodi, per depilare gambe, braccia o parti intime. Possiamo usare le classiche strisce depilatorie. Oppure un metodo detto e conosciuto come la depilazione araba. Cerchiamo di analizzare entrambe le modalità: La depilazione classica avviene con l’uso delle famose strisce depilatorie. Che possiamo trovare nei supermercati o nei negozi di estetica. La prima cosa da fare per entrambi i metodi di depilazione è quella di passare sulle gambe o su qualsiasi parte del corpo, del borotalco. In questo modo eviteremo che la ceretta possa irritare la pelle. E che vengano fuori arrossamenti o peli incarniti. Grazie al borotalco, lo strappo sarà molto più indolore.
Una volta eseguita questa pratica, possiamo stendere la cera fatta in casa sulle gambe o braccia, attraverso l’uso di una spatola di legno o di metallo. Dobbiamo stendere la cera sulla gamba in modo da creare una striscia lunga circa 10-12 cm e larga circa 5 cm. Una volta stesa la cera, dobbiamo prendere le strisce che abbiamo acquistato. E posizionarle su di essa.

Continua la lettura
58

La strisce vanno applicate con un movimento deciso. Dobbiamo strapparle dalla gamba, seguendo la direzione del pelo.
La depilazione attraverso il metodo arabo, si differenzia in quanto in esso non c’è la pratica dello strappo. E’ una depilazione molto più delicata, che protegge la pelle. Senza sottoporla allo stress tipico degli altri metodi depilatori. Nella depilazione araba la cosa importante è la consistenza che deve avere la cera. Quest’ ultima non deve essere molto liquida ma piuttosto densa. Dovrà essere lavorata con le mani e non stesa con una spatola. La prima cosa da fare è inumidirci un po’ le mani con dell’acqua e prendere un pezzo di cera. Iniziamo a lavorarla con le mani. In modo da ottenere una pallina.

68

A questo punto non dobbiamo far altro che passare un po’ di borotalco sulla parte del corpo da depilare. E iniziare a rotolare su di essa la nostra pallina di cera. Al passaggio della pallina di cera i peli si staccheranno, attaccandosi ad essa. Quando la pallina sarà diventata bianca, vuol dire che la sua efficacia sta per finire. Quindi dovremo crearne una nuova con la cera che abbiamo preparato. Finita la depilazione, sciacquiamo la zona trattata con dell’ acqua fresca. Idratiamola o con dell’ olio o con una crema.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Passare sulla parte da depilare del borotalco per non irritare la pelle
Alcuni link che potrebbero esserti utili:
18

Come fare la ceretta con limone e zucchero

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

La depilazione: un vero e proprio rito di bellezza. Non c’è donna che non desideri vedere la propria pelle priva degli antiestetici peli e sentirla morbida e setosa al tatto. Ultimamente anche la moda maschile richiede una pelle depilata e cosi anche il sesso forte, ha ceduto a questo rito, fino ad oggi prettamente femminile. Questa pratica è normalmente abbastanza dolorosa, specialmente nelle zone inguinali. In questa guida i forniremo le indicazioni su come fare una buonissima ceretta a base di zucchero e limone, economica, non irritante e molto funzionale: la ceretta Araba.

28

Occorrente

  • pentolino
  • tazzine di caffè
  • 200 gr zucchero
  • 50 gr succo di limone
  • miele (facoltativo)
  • 50 gr di acqua
  • spatola
  • strisce di pezza o di plastica
38

Premetto che, benché ci siano due metodi diversi di applicazione della ceretta depilatoria nelle varie zone del corpo, la procedura di preparazione rimane la medesima. Gli ingredienti per la preparazione sono pressappoco gli stessi. Il primo metodo, quello classico-tradizionale, prevede che la ceretta, una volta pronta, venga spalmata, prima su strisce di pezza o di plastica e poi applicata sulla zona del corpo da depilare. L’altro invece, prevede di lasciar solidificare pasta ottenuta e applicarla contropelo direttamente sulla pelle, senza alcun supporto e si strappano successivamente a favore di pelo. In questa guida proveremo il primo sistema. Preparazione: Le dosi che vi fornirò sono approssimative perché questa ceretta prevede una buona percentuale di personalizzazione. Infatti sarà la manualità la migliore maestra. Riuscirete a capire i dosaggi sono facendola spesso e capendo le quantità dei vari ingredienti perché la si presenti più o meno densa a seconda delle vostre preferenze. Navighi in internet infatti, sono molte le variabili sulle quantità.

48

È invece di fondamentale importanza conoscere i componenti e la procedura da eseguire. Il primo passo è preparare sul piano di lavoro un pentolino, possibilmente con il fondo molto spesso, il succo di limone, lo zucchero semolato e l'acqua. Versare nel pentolino lo zucchero e l'acqua, con un cucchiaio di legno mescolare energicamente il composto fino a farlo amalgamare. Accendere il fuoco e posizionare il pentolino, tenendo la fiamma molto bassa. Attendere che il composto bolla e che si trasformi lentamente in un bel caramello. Le prime prove possono non andare a buon fine, non infatti semplice identificare il giusto momento per fermare la cottura ma con l’esperienza imparerai a capirlo facilmente.

Continua la lettura
58

Appena il composto inizierà leggermente a bollire, versa anche il succo di limone e continua a mescolare il composto. Inizialmente lo vedrai diventare bianco ma poi lentamente comincerà ad acquistare un bel colore ambrato, sempre più simile al caramello. Una volta raggiunto il colore scuro, spegnere il fuoco e attendere che il composto di raffreddi. Eviterai così di procurarti delle serie ustioni. Nel frattempo prepara delle strisce di pezza o delle strisce di plastica per la depilazione. Potrai trovare comodamente queste strisce nei supermercati. Posiziona dunque una di queste strisce sul piano di lavoro e con una spatola preleva dal pentolino un po’ di ceretta e stendila al centro della striscia, lasciando i bordi puliti. Il composto deve essere morbido ma assolutamente non liquido e quasi a temperatura ambiente.

68

Assicurati con un dito che sia tiepida, ma non bollente e poi applicala nella zona dove intendi effettuare la depilazione. Attendi qualche istante che la ceretta agisca sui peli e poi, afferrando la striscia dalla parte superiore, sollevala. Esegui lo strappo senza violenza ma con decisione. Puoi usare la striscia per una seconda depilazione su un’altra zona del corpo, aggiungendo altra ceretta dal pentolino. Se ti accorgi che si è raffreddata troppo oppure si è indurita, travasa il residuo in un barattolo di vetro o in un bicchiere e lasciala sciogliere a bagnomaria. Non arrendetevi se la consistenza non è subito quella giusto, la pratica vi porterà a capire perfettamente le dosi. Il composto si scioglie con l'acqua e questo vi aiuterà a rimuovere i residui dalla pelle.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Attenzione alla temperatura. Se troppo calda può provocare serie ustioni.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.