Come creare un ombrello da sposa

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

In questo articolo, vogliamo aiutare tutte le spose che decidono di celebrare il loro "Si, lo voglio!" in una stagione un po' incerta, a creare un ombrello da sposa, adatto ad ogni occasione. Si sa che coloro che decidono di sposarsi durante i mesi primaverili, autunnali e invernali, devono pur sempre avere l'incertezza del tempo, perché può anche accadere che durante l'intera giornata di festa, si debba fare i conti anche con la pioggia. Quest'ultima è sicuramente un imprevisto davvero molto fastidioso, in quanto può con la sua presenza, rovinare e mettere a disagio gli sposi, per non parlare nello specifico della sposa, del suo abito magnifico, della sua acconciatura ed anche del trucco, tutti elementi fondamentali. Vediamo quindi come procedere.

26

Occorrente

  • ombrello bianco
  • 8 m di nastrino di voile bianco
  • 5 m di nastrino di raso bianco
  • un paio di mazzetti di fiorellini
  • 3 m di nastro di tulle bianco
  • 50 cm di nastro con paillettes bianche
  • colore bianco argento
  • perline bianche a forma cuore
36

Innanzitutto, la prima cosa da fare è quella di prendere un foglio di carta e scriverci sopra la famosa frase del proverbio "Sposa bagnata, sposa fortunata". A questo punto, dobbiamo puntare il foglio sul rovescio del nostro ombrello: in questo modo, potremo ripassare e ricalcare tutta la scritta che leggeremo, grazie alla trasparenza dell'ombrello. Per ricalcarla, utilizzeremo il colore argento-glitter. Inoltre, facciamo attenzione a tener ben steso il tessuto dell'ombrello, in modo che la scritta venga ricalcata in maniera perfetta. Oltre a ciò, facciamo molta attenzione ad evitare sbavature di colore.

46

Successivamente, dobbiamo cucire un doppio giro di nastrino di voile, di color bianco, e un giro di nastrino di raso intorno all'ombrello, dopodiché dobbiamo fermare entrambi i nastri sulla punte con qualche punto di ago e filo, rigorosamente bianco. Questi punti potremmo anche nasconderli con un fiocchetto di tulle e un mazzolino di fiorellini bianchi artificiali. Adesso è arrivato il momento di creare e confezionare, in modo molto carino e delicato, ben altri otto fiocchetti di tulle e fiorellini.

Continua la lettura
56

Tali fiocchetti saranno poi applicati su tutta la superficie dell'ombrello stesso da sposa. Insieme a questi fiocchetti, possiamo aggiungere anche delle perline e degli strass di plastica. Arrivati a questo punto, non dovremo fare altro che cucire, sotto la scritta del proverbio, le paillettes a forma di cuore e infine applicare al centro i due strass a cuore. Possiamo dire che il nostro ombrello da sposa è pronto per essere utilizzato dagli sposi, durante una giornata poco soleggiata. La scelta del coloro dell'ombrello può anche esser fatta in base al colore dei particolari dell'abito da sposa. Buon lavoro!

66

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Moda

10 consigli per abbinare cappotti colorati

Con l'inizio della fredda stagione l'armadio si riempie di vestiti pesanti, pioggia, freddo, vento, sono delle minacce dalle quali salvaguardarsi. Per questo motivo non può mancare nel guardaroba di ognuno di noi il cappotto. Indumento molto amato sia...
Moda

Come vestirsi per una festa in costume ottocentesca

Il Diciannovesimo secolo è stato un periodo di vasti cambiamenti nel mondo moda, provocando una vera e propria rivoluzione sia per la moda maschile, sia per quella femminile. La Rivoluzione Industriale ha dato origine a una nuova “Upper Class” fondendo...
Moda

5 outfit per una festa di Carnevale

Il carnevale è una festa che si celebra nei Paesi cattolici. Carnevale significa letteralmente "eliminare la carne", dal latino carnem levare", che indicava il banchetto che si teneva il Martedì grasso, ovvero l'ultimo giorno di Carnevale, a cui poi...
Moda

Come vestirsi per affrontare la mezza stagione

Quando arrivano le stagioni di mezzo come primavera e autusenno, non si sa mai come vestirsi. Questi periodi sono causati infatti da improvvisi cambi climatici, piogge che si alternano a giornate di sole splendente. Quindi capita molto spesso che durante...
Make Up

I siti internet per imparare a truccarsi

Il trucco rappresenta una cosa di cui le donne non riescono a farne a meno. Vogliono vedere come sfumare l'ombrello, creare dei chiaroscuri, saper applicare la matita o l'eyeliner, e molto altro. Esistono veramente tante cose che appartengono a questo...
Moda

Moda: come vestirsi in stile giapponese

A differenza di altri paesi nel mondo, in Giappone è possibile imbattersi in giovani ragazze vestite nei modi più assurdi, ma senza per questo essere giudicate o derise. Lo stile giapponese però non è solo estroso e ricercato, ma anche elegante e...
Moda

Come vestirsi nei giorni di pioggia

L' acqua, il vento, la pioggia e l' umidità influenzano la scelta dell'abbigliamento, del trucco e dell'acconciatura facendoli essere dei tasselli critici d'affrontare. Stando a contatto con questi elementi atmosferici, si cerca di preservare primariamente...
Moda

10 must have della stagione autunnale

L'autunno è una stagione meravigliosa: i suoi colori così caldi tra il rosso, il marrone e l'arancio, le foglie che cadono dolci dagli alberi, le temperature miti e il ritorno di cibi caldi e nutrienti come vellutate, zuppe e minestre che hanno un sapore...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.