Come autoprodursi uno shampoo a basso costo

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Esistono diversi prodotti in commercio per la pulizia dei capelli, in base alle nostre esigenze, preferenze e tipologie. Lo shampoo tuttavia, fino a pochi decenni fa, si autoproduceva in casa ed i risultati, oltre che più economici, erano ottimali. Qui di seguito vi diamo tante piccole ricette su come autoprodursi uno shampoo a basso costo in casa.

25

Per i capelli che risultano danneggiati e a cui volete restituire non solo lucentezza ma anche resistenza e volume, vi consigliamo lo shampoo all'uovo. Vi basterà un semplice tuorlo d'uovo, mischiatelo con il succo di limone e poche gocce di acquavite (se non disponete di ciò, potete sostituirla con del semplice rhum). Il vostro shampoo per capelli danneggiati sarà pronto. Distribuitelo su tutta la cute e lasciatelo agire sui capelli per mezz'ora, avvolgendoli in un panno caldo (che aiuta a assorbire meglio le sostanze nutritive). Risciacquate e già noterete i primi risultati!

35

Avete capelli grassi che si sporcano subito dopo mezza giornata? Lo shampoo alla farina di ceci fa al vostro caso. Vi servirà semplicemente dell'acqua tiepida (250 ml), due cucchiai di farina di ceci, stessa misura di aceto di mele e se volete, aggiungete un olio essenziale a vostro piacere. Mescolate tutti i prodotti in una ciotola finché non saranno amalgamati per bene, distribuitelo in maniera omogenea su tutti i capelli e lasciate riposare per qualche minuto. Risciacquate per bene e asciugate. I vostri capelli risulteranno più sani e impiegheranno molto più tempo a sporcarsi.

Continua la lettura
45

Se i vostri capelli sono sempre pieni di forfora, basterà seguire questa ricetta fai da te per uno shampoo antiforfora per dire addio alla fastidiosa e anti estetica farinetta tra i capelli. Vi servirà semplicemente un cucchiaio di aceto di mele, stessa misura di olio di jojoba, chiodi di garofano macinati e 100 ml di sapone neutro liquido. Mischiate tutto finché non otterrete un composto omogeneo. Se non lo consumate subito, conservatelo in frigo, senza superare i 3 giorni. Applicate sui capelli e lasciate riposare per 10 minuti, avvolgendo con un panno. Risciacquate accuratamente e i risultati saranno evidenti.

55

Se invece il vostro problema sono i capelli danneggiati a causa di tinture, esposizione troppo lunga al sole o che si spezzano facilmente, il nostro consiglio è di creare uno shampoo al miele, emolliente, idratante, anticrespo e seboregolatore. Vi baseranno due cucchiai di miele, due cucchiai di olio di mandorle (oppure olio di argano o olio d'oliva), sciogliete tutto in acqua tiepida e applicate il risultato sui vostri capelli. Usatelo come un normale shampoo e risciacquatelo dopo pochi minuti con acqua tiepida.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Capelli

le migliori maschere naturali per la ricostruzione dei capelli

I capelli sfibrati e rovinati sono un male comune, soprattutto durante i cambi di stagione. Le cause del danneggiamento possono essere tante, dal calore del phon e della piastra per capelli, al freddo intenso del periodo invernale, senza dimenticare il...
Capelli

10 ingredienti naturali per idratare i capelli

Il problema principale di chi ha i capelli secchi è quello di mantenerli morbidi al tatto, lucenti e ben idratati. L'uso intensivo di phon, colorazioni chimiche e prodotti di scarsa qualità può inoltre danneggiare ulteriormente la chioma, rendendola...
Capelli

Come fare un balsamo per capelli danneggiati e sfibrati

Con il passare del tempo i capelli cominciano a risultare danneggiati e sfibrati. Quindi perdono di spessore e diventano opachi. Questo accade perché vengono trattati con prodotti che stressano il cuoio capelluto. Ovviamente, anche gli agenti atmosferici...
Capelli

Come riparare i capelli danneggiati con prodotti naturali

I capelli sono una parte fondamentale del nostro aspetto. Essi incorniciano il nostro viso e sono in grado di modificare il tutto in base al colore e al taglio che hanno. Si tratta di un vero e proprio biglietto da visita dato che influenzano molto la...
Prodotti di Bellezza

Come Riparare I Nostri Capelli Danneggiati

Quando il capello appare secco, fragile senza brillantezza e con le doppie punte è sintomo che è profondamente danneggiato e maltrattato. Le cause possono essere varie, da un eccesso dell'uso del phon e della piastra o da una cattiva alimentazione e...
Capelli

Come preparare un impacco per capelli danneggiati a base di pompelmo e yogurt

Possedere una bella chioma, lucente, luminosa ed voluminosa è da sempre il sogno di tutti, specialmente di ogni donna. I capelli, infatti risultano essere " la cornice" del viso e per avere un bell'aspetto, la loro salute risulta essenziale. Gli agenti...
Capelli

Come usare la cheratina sui capelli

Capelli sciupati, sfibrati e spenti? Non temete a tutto c'è rimedio. Eccovi un trattamento davvero efficace per dire addio ai capelli secchi e bruciati da ferri, arricciacapelli e piastre: la cheratina. Anche se molti di voi hanno sicuramente sentito...
Capelli

Capelli: 10 regole per farli allungare velocemente

I capelli sono una delle prime cose che notiamo, di solito, in una persona: quando sono crespi, sfibrati e danneggiati trasmettono quel senso di trascuratezza che neppure un bel vestito riesce a togliere. Spesso, poi, anche se la chioma è sana, a dare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.